ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it    ---  prima pagina                                                

 ARTCUREL  GIOVANI : cultura : La nostra paura più profonda , di Marianne Williamson

  

LA NOSTRA PAURA PIU' PROFONDA

di Marianne Williamson


 
   
 

La nostra paura più profonda non è quella di essere inadeguati

La nostra vera paura è del potenziale enorme che possediamo

Non è il nostro lato oscuro a spaventarci, bensì la nostra luce.

 

Noi ci chiediamo:

Chi sono io per poter essere brillante, splendido, pieno di talento e famoso?

Invece ci dovremmo chiedere:

Perché non posso esserlo?

 

Tu sei un figlio di Dio

Il tuo sminuire te stesso non è utile né a te né al mondo.

Non c'è nulla di saggio nello sminuirsi per far sì che gli altri si sentano un po' meno insicuri attorno a te.

 

Noi siamo nati per manifestare la gloria di Dio che è dentro di noi.

Essa non è solo in alcuni

E' in ognuno di noi.

 

E mentre lasciamo che la nostra luce risplenda,

inconsciamente diamo agli altri il permesso di fare altrettanto.

Mentre ci liberiamo della nostra paura,

la nostra presenza automaticamente libera gli altri.

 

 

 

Tratto dal libro " A Return To Love " di Marianne Williamson

 

“Our deepest fear is not that we are inadequate. Our deepest fear is that we are powerful beyond measure. It is our light, not our darkness that most frightens us. We ask ourselves, Who am I to be brilliant, gorgeous, talented, fabulous? Actually, who are you not to be? You are a child of God. Your playing small does not serve the world. There is nothing enlightened about shrinking so that other people won't feel insecure around you. We are all meant to shine, as children do. We were born to make manifest the glory of God that is within us. It's not just in some of us; it's in everyone. And as we let our own light shine, we unconsciously give other people permission to do the same. As we are liberated from our own fear, our presence automatically liberates others.”

 

 

 

 


 

Fonte : www.marianne.com