ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---  prima pagina                                                                   

 ARTE :  musica : I Cantori di san Carlo , direttore Claudio Dall'Albero

 

I CANTORI DI SAN CARLO

direttore Claudio Dall'Alberoi

 

Logo Cantori

 

foto concerto Carpe Diem

"I Cantori di S. Carlo" sono un gruppo formato da esperti cantanti e strumentisti professionisti, specializzati nel repertorio polifonico del '500 con particolare riguardo a G. Pierluigi da Palestrina e alla "Schola Romana". Il complesso, fondato e diretto da Claudio Dall'Albero, riproduce filologicamente fisionomia e caratteristiche degli ensemble cinquecenteschi. I cantanti impiegano una vocalità frutto di studi approfonditi sul canto del Rinascimento (vedi anche l'articolo: "Considerazioni sulla tecnica del canto..." di Antonella Nigro) e gli strumentisti del complesso utilizzano copie di strumenti originali dello stesso periodo. La scelta dell'intonazione è un altro tratto distintivo de "I Cantori di S. Carlo". Nel '500 e fino a tutto il '600, era in uso il temperamento mesotonico, e le composizioni di quell'epoca, concepite secondo questo codice di intonazione, ritrovano grazie ad esso tutta la loro bellezza. Caratteristica del gruppo è inoltre la prassi interpretativa coerente con la tradizione della "Schola Romana": il fraseggio segue plasticamente la parola, con un cantare morbido e duttile. I programmi eseguiti nei concerti spaziano dalla polifonia del basso Medioevo e del Rinascimento fino alle opere del primo Barocco; le diminuzioni vocali e strumentali sono tratte dal repertorio originale dei più noti autori coevi, o vengono composte dallo stesso Dall'Albero secondo lo stile dell'epoca.

 

Il gruppo ha effettuato numerosi concerti e tournées in Italia e all'estero (Francia, Malta, Ecuador, Colombia, Honduras, Costa Rica, Svizzera, Germania, Belgio, Ungheria, Spagna, Marocco, ex-URSS, Kenya, Turchia e Repubblica Ceca), riportando sempre unanimi consensi di pubblico e di critica.

 

Sono apparse recensioni stampa su quotidiani e riviste specializzate. In Italia: Il Tempo; Il Corriere della Sera; L'Unità; Il Secolo d'Italia; La Stanza Letteraria; Il Mondo della Musica. All'estero: Le Dauphinè Liberè; Dernierès Nouvelle d'Alsace (Francia) - Wolfsburger Nachrichten; Helmstedter Zeitung (Germania) - Le Rappelle (Belgio) - The Times; The Sunday Times (Malta) - Corriere del Ticino; Il Dovere; Mendrisiotto G.d.P.; Gazzetta Ticinese (Svizzera) - El Heraldo (Colombia) - El Comercio (Ecuador) - The Sunday Nation; Coastweek (Kenya) - Sur (Spagna).

 

 

 

 


Logo Claudio Dall'Albero

 

Claudio Dall'Albero, compositore, direttore, docente di "Musica Corale e Direzione di Coro" presso il Conservatorio "S. Cecilia", è nato a Roma. Nel 1980 ha fondato il complesso polifonico "I Cantori di S. Carlo", composto da cantanti professionisti, accompagnati in alcuni programmi da un complesso di strumenti antichi. Nel 1985 ha avuto la nomina ufficiale di Maestro di Cappella della Basilica dei Ss. Ambrogio e Carlo al Corso in Roma, ripristinando l'antica istituzione nata nel sec. XVII e interrottasi nel 1870. Qui di seguito troverete informazioni relative ai suoi studi e alla sua attivita' e potrete leggere le recensioni stampa che lo riguardano.

Foto Claudio Dall'Albero


 

 

 

STUDI MUSICALI
Ha studiato con i maestri Carlo Cammarota (contrappunto, composizione e fuga), Erich Arndt (pianoforte e lettura della partitura), Giuliano Balestra (chitarra classica e liuto) e Domenico Bartolucci (musica corale, musica sacra e direzione polifonica), perfezionandosi in seguito con Edoardo Farina.

DIPLOMI
Ha conseguito il diploma di Chitarra Classica presso il Conservatorio di Frosinone (votaz. 10/10 e lode); il diploma di Musica Corale e Direzione di Coro presso il Conservatorio "S. Cecilia" in Roma (votaz. 9,50/10); il diploma di Musica Sacra e Liturgica presso il Conservatorio "S. Cecilia" in Roma (votaz. 10/10); il diploma di Composizione Polifonica Vocale presso il Conservatorio "G. Verdi" di Milano (vot. 10/10).
ATTIVITÀ DIDATTICA
Dopo aver insegnato in vari Conservatori di Stato, dal 1985 è il docente dell'unica cattedra di Musica Corale e Direzione di Coro del Conservatorio di Musica "S. Cecilia" in Roma, succedendo al suo maestro mons. Domenico Bartolucci, direttore perpetuo della Cappella Sistina; nel 1989 ha vinto il concorso nazionale per la suddetta cattedra, della quale è diventato titolare di ruolo.
Foto Claudio Dall'Albero e Domenico Bartolucci
TOURNÉES NEL MONDO
Sotto la sua direzione, "I Cantori di S. Carlo" hanno effettuato un'intensa attività concertistica in Italia (Festival "Autunno Musicale a Como", a Fano per l'Associazione Arena Sferisterio di Macerata, a Roma al Teatro Sistina con Vittorio Gassman, per la RAI, per l'Associazione Rolando Nicolosi, per la Cooperativa Musicale di Latina, per l'Istituto Sup. di Studi Umanistici e per l'Ass. "Terrazza Europa" a Roma, per l'Associazione Coro Polifonico Romano all'oratorio del Gonfalone di Roma, per l'Ass. "A. Longo", per il "Pio Sodalizio dei Piceni", nella Sala dell'Obelisco all'EUR per il Rotary Club, nell'Aula Magna dell'Università di Roma "La Sapienza" per l'Ass. I.M.I., per la Regione Lazio, per "I Concerti dell'Oratorio" nella chiesa di San Filippo Neri a Forlì, per l'Ass. "Professione Arte", per numerosi comuni italiani, per la Società dei Concerti della Spezia, etc.) e all'estero, con tournées in Francia (Strasburgo nella Eglise de St.Guillame, Chambery nella Eglise de Lemenc e Grenoble nella Chapelle de Saint Marie en Haut per gli IIC), Malta (2 tournées: 1. La Valletta al Festival Internazionale "Muzikafest"; 2. La Valletta per il "Malta International Arts Festival"), Ecuador (Quito, nel Teatro Sucre per l'Ente "Teatro Nacional Sucre" col patrocinio della Subsectretaria de Cultura, Cuenca nella Chiesa del Carmen de la Asunciòn per la "Casa de la Cultura Ecuatoriana" e Azògues nel Teatro Jaime Roldòs Aguilera per l'omonimo ente teatrale), Colombia (Bogotà per l'Istituto Italiano di Cultura nella Sala del Museo Coloniàl e al Teatro Colòn per la Televisione di Stato Colombiana "RTI Inravision Cadena Dos", Cali per la "Sociedad Pro Artes" nella Sala Beethoven, Santa Marta per la "UTM y Cajamag" nell'auditorio Cajamag, Barranquilla per la "Corporaciòn G. Galilei" nel teatro "Amira de la Rosa"), Honduras (Tegucigalpa, per la "Sociedad pro Arte" nel Teatro "Manuel Bonilla" e per l'Università di Tegucigalpa nell'Aula Magna della stessa istituzione), Costa Rica (San Josè, nel Teatro del "Colegio M. Auxiliadora" per la Nunziatura Apostolica), Svizzera (Chiasso, nella Cattedrale di S. Vitale, organizzato dalla Commissione Cultura del Comune), Germania (3 tournées: 1. Helmstedt nella chiesa di St. Ludgeri per la comunità cattolica, Wolfsburg nella Chiesa di St. Christophorus e Braunschweig nella Cattedrale di St.Ægidien per l'Istituto Italiano di Cultura; 2. Landshut per il Festival di Landshut nella Innenhof der Residenz, Monaco di Baviera per l'I.I.C.; 3. Regensburg nella Historischer Reichsaal des Alten Rathauses nell'ambito dell'apertura della settimana europea in Baviera), Belgio (Bruxelles nel "Théatre des Italiens", Mons nella Chiesa di Sainte Elizabeth e Charleroi nella Basilica di St. Christophe per il M.A.E.), Ungheria (Budapest, nel Teatro della Casa di Cultura per il Marczibànyi ter - Ministero della Cultura Ungherese e nel Màtyàs-templomban), Spagna (3 tournées: 1. Madrid nel Teatro del "Centro Cultural Galileo" per il Comune di Madrid, Leòn nell'Auditorium del Conservatorio per il Secretariado de Actividades Culturales dell'Università, Salamanca nel "Paraninfo" dell'Università per il "Secretariado de Actividades Culturales"; 2. Barcellona nella Basilica di S. Maria del Mar per il Consolato Generale d'Italia; 3. Siviglia nell'Auditorium del Conservatorio e Màlaga nella Sala dell'"Antiguo Reàl Conservatorio Maria Cristina"), Marocco (Rabat nella Cattedrale di S. Pietro e Casablanca nella Chiesa Notre Dame de Lourdes in occasione del centenario della Società "Dante Alighieri" patrocinati dalla stessa, Marrakech nella Eglise de Marrakech per il Centro Culturale Francese), ex-URSS (Leningrado, oggi San Pietroburgo nella "Casa dell'Amicizia" di Leningrado per l'Associazione URSS-ITALIA e nella Sala del Museo Teatrale di Leningrado per il Museo R.Korsakov, Pûskin nella residenza estiva di Caterina I di Russia "Palazzo Imperiale" per il Museo del palazzo Imperiale di Puskin), Kenya (Nairobi, Kenya National Museum Auditorium per l'I.I.C. e Mombasa al Little Theatre per il "Little Theatre Club"), Turchia (Ankara nella Chiesa Cattolica e Smirne nella Chiesa del Ss.mo Rosario per la Comunità Cattolica e per l'Ambasciata d'Italia) e Repubblica Ceca (Praga, per il Festival Praga Europa Musica, nella Sala dei Cavalieri di Palazzo Wallenstein), riportando sempre unanimi consensi di pubblico e di critica.
ATTIVITÀ DI STUDIO
Svolge attività didattica e musicologica tramite saggi e conferenze: pubblicazione critica sul "Romancero gitano" di M. Castelnuovo-Tedesco, centro culturale F. Sor, Roma marzo 1986; "Analisi del mottetto Suscipe verbum del Palestrina" sul periodico "Noi e la Musica", Udine aprile 1986; "Considerazioni per una lettura semantica del madrigale cinquecentesco" in "Professione Musica", Firenze settembre 1988; "La scomparsa di A. Segovia" in "Il Mondo della Musica", Roma ottobre 1987; Studio musicologico e trascrizione in notazione moderna dall'originale del '500 della Messa "Nos autem gloriari" di F. Soriano, Roma ottobre 1988; conferenza sulla Musica Italiana del Rinascimento, Bogotà (Colombia) agosto 1987; "Il mondo degli evirati cantori" sulla tecnica vocale dei castrati in "La Gazzetta della Musica", Biella, aprile 1995.
REVISIONI MUSICA ANTICA
Ha effettuato trascrizioni in notazione moderna e curato prime esecuzioni assolute nei tempi moderni di moltissime composizioni inedite di vari autori, quali Francesco Soriano (1549-1621), Ludwig Senfl (1486ca.-1542), Paul von Hofhaimer (1459-1537), Michele Pesenti (1475ca-1521), Orazio Vecchi (1550-1605), Francisco Soto de Langa (1534ca.-1619), Adriano Banchieri (1568-1634), Felice Anerio (1560ca-1614), Giovanni Francesco Anerio (1567-1630), creando spesso le parti per gli strumenti d'epoca e le fioriture vocali e strumentali: da menzionare l'opera del 1608 Il Carro di Fedeltà d'Amore di Paolo Quagliati (1555-1628). Nel 1998 ha pubblicato il volume "Celebri Arie Antiche: le piu' note arie del primo Barocco italiano trascritte e realizzate secondo lo stile dell'epoca" in collaborazione col suo ex-allievo Marcello Candela (docente di Lettura della Partitura nel Conservatorio di Bologna), edito per i tipi di Rugginenti Editore di Milano.
COMPOSIZIONI
Suoi brani sono stati eseguiti sia da "I Cantori di S. Carlo" durante alcune delle loro tournées (Italia, Europa, America Latina) che da altri complessi, in Italia e all'estero. Nel 1990 il Coro della Cattedrale di Canterbury ha eseguito musica natalizia da lui composta. Nel 1994 il duo Montserrat Cervera - M. Teresa Carunchio ha eseguito la "Sonata per violino e pianoforte" nel chiostro dei Genovesi in Trastevere a Roma. Nell¹ottobre 2000 è stato eseguito in prima esecuzione assoluta il suo "Preludio" per pianoforte, nell¹ambito del 10° Festival pianistico di Grosseto. Sono edite le sue seguenti composizioni. Per le ed. Curia Generalis OSM: "Litanie della Chiesa di Aquileia" e "Litanie dell'Addolorata". Per la Casa ed. De Santis: "Non turbetur", antifona per mezzosoprano o baritono e organo; "Parvulus filius", mottetto a 4 voci; In medio ecclesiæ", mottetto a 5 voci. Per le ed. C.S.C.: "Psàllite Domino", mottetto a 6 voci; "Oratio in festo S. Caroli", mottetto a 4 voci; "Cum immundus spiritus", mottetto per coro a 4 voci e organo; "Toccata all'antica" per organo; "Magi videntes stellam", mottetto per soli, coro a 4 voci e organo; "Preludio" per pianoforte. Per la Bèrben: "Tema e variazioni" per chitarra; "Canto mattutino", madrigale per coro a cappella a 6 voci (su testo di Anonimo dai Lirici Greci tradotti da S. Quasimodo); "Sonata" per violino e pianoforte; "Cancionero Andino" in tre versioni: per canto e pianoforte - voci acute, per canto e pianoforte - voci medie e gravi, per canto e chitarra. Ha scritto musiche per lavori cinematografici e teatrali, e ha collaborato con Stelvio Cipriani alla composizione delle musiche per una videocassetta sul terremoto in Umbria del 1997 per le Edizioni Musicali Audiovisivi S. Paolo. Nel maggio 1998 ha composto per la RAI "Trittico mediterraneo", tre brani per orchestra, trasmessi all' "Expo Universale Lisbona '98"

Per l'Accademia di Santa Cecilia ha elaborato musiche di celebri cartoni animati di Walt Disney, eseguite a 6 voci e pianoforte dal Coro della Fondazione stessa.

Sempre dall'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, nel febbraio 2002 gli è stata commissionata la composizione "La Musica mi fa...", che è stata eseguita nell'ambito della rassegna "Tutti a Santa Cecilia" dal Coro della Fondazione con la partecipazione dei ragazzi delle scuole. Di questo brano è stato realizzato un CD per 2 voci e orchestra.

Claudio Dall'Albero ricevuto da S. S. Giovanni Paolo II

ATTIVITÀ VARIA
 

Nel 1987 ha diretto e preparato il Coro Lirico Sinfonico della RAI di Roma e nel 1990 ha fatto parte della commissione di concorso pubblico per esami per Artisti del Coro presso l'ente "Teatro Massimo Bellini" di Catania; nel 1997 è stato eletto Coordinatore del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Musica "S. Cecilia", per il quale ha organizzato un ciclo di concerti-conferenze e diretto il concerto finale con il Coro Polifonico del Conservatorio da lui fondato, con un programma di musiche palestriniane, presso la Chiesa di S. Giovanni dei Fiorentini a Roma.

Ha fondato il quartetto di voci femminili "Prime Donne", con un repertorio che spazia dal Rinascimento alla musica contemporanea. Caratteristica del complesso è una tecnica vocale assai duttile e pronta, che rende le cantanti in grado di affrontare un repertorio molto vasto, senza peraltro trascurare la vocalità lirica del nostro ottocento musicale.

Si è anche dedicato alla direzione di organici strumentali, prediligendo il repertorio rinascimentale e barocco. In particolare ha diretto l'orchestra "Camerata de' Musici" composta da copie di strumenti d'epoca, con la quale ha eseguito, tra l'altro, le Danze di Tersicore di Michael Praetorius. Ha diretto il gruppo di ottoni "I Solisti dell'Accademia di S. Cecilia" con un programma dedicato ad Andrea e Giovanni Gabrieli. Ha orchestrato e diretto al Teatro Sistina composizioni di John Dowland, in uno spettacolo con Vittorio Gassman. Nel 1994 ha diretto l'opera di Paolo Quagliati Il Carro di fedeltà d'Amore nell'ambito del Festival "Autunno Musicale a Como", "Macerataopera" dello Sferisterio e al Festival "Praga Europa Musica" nella capitale ceca.

Nel febbraio 2000 ha elaborato per coro a 6 voci e pianoforte musiche di celebri cartoni animati di Walt Disney, che sono state eseguite nell'ambito del ciclo "Santa Cecilia per i bambini" (per la stagione 2000 e replicate nel 2001) presso l'Accademia Nazionale di S. Cecilia dal Coro della Fondazione stessa.

Nel novembre 2000 ha partecipato al III congresso internazionale di studi di Canto Gregoriano con un programma di musica romana del primo barocco, e ha diretto "I Cantori di S. Carlo" in un programma di autori oratoriani per i concerti "Roma Veduta" tenuti a Palazzo Poli.

 

Il 27 gennaio 2001 ha diretto in Vaticano il coro polifonico "S. Cecilia " in occasione della chiusura del convegno internazionale di studi sulla musica sacra presenziato da S. S. Giovanni Paolo II e organizzato dall'Accademia di S. Cecilia, il Pontificio Istituto di Musica Sacra, il Pontificio Istituto di Cultura e il Teatro dell'Opera di Roma.

Nel 2001 è stato incaricato da Luciano Berio quale responsabile musicale delle esecuzioni dal vivo nella rassegna "Colori della Musica" che si è svolta a Roma a Palazzo Barberini e a Siena allo Spedale di S. Maria della Scala.

 

 

 

 


 

Fonte :  http://www.cantorisancarlo.it