ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

 ARTE :  pittura :  Piero Casentini , pittore di ispirazione francescana

 

 PIERO CASENTINI

pittore di ispirazione francescana

 

 

 

Fratello Sole e Sorella Luna , di Piero Casentini, 2002,

tecnica mista su tavola (part.)

 


Piero Casentini è nato a Roma nel 1963, qui si è formato artisticamente presso l’Accademia di Belle Arti. Poco più che ventenne, realizza mostre personali a Collefermo, a Palermo e a Valmontone e partecipa a collettive a Roma, Cannes e Nizza. Vince il premio Sibelius dell’Accadremia. Tra il 1990 e il 1991 partecipa alle rassegne europee di Nantes e Stoccolma. Già dal 1983 gli viene commissionata la prima “Ultima Cena” a Velletri. Qui comincia il suo ricco itinerario incentrato sulle tematiche agiografiche e bibliche con particolare interesse per i temi del Vangelo. Realizza così interessanti interventi in chiese ed edifici per le diocesi di Albano, Frosinone, Viterbo e Rieti.

Nel 1991 affresca un intero ciclo di “Storie Francescane” per il convento di Valmontone dove realizza anche una “Ultima Cena” (1997), la famosa “Via Crucis francescana” (1996), un ciclo antoniano, le “Nozze di Cana”, “Gesù nel Tempio fra i Dottori” e la “Teoria di angeli” sul presbiterio (2005). Pregevoli le “Ultime Cene ” dall’estetica zeffirelliana, segnate da una inesauribile ricerca di soluzioni teologiche innovative e coinvolgenti, come quella nel refettorio di Greccio (1993) e nel Seminario di Albano.

Notevoli, inoltre, sono i cicli ad affresco e a tecnica mista su tavola dedicati a San Francesco. Da ricordare in proposito il “S. Francesco e la mensa dei poveri” di Greccio (1993), il “San Francesco penitente” di Poggio Bustone (1998), le opere a S. Antonio al Monte vicino Rieti (1994), le vetrate per la chiesa delle Clarisse ad Albano Laziale (1999), il trittico col “Natale di Greccio” a Limiti di Greccio (2004), l’imponente “Capitolo delle Stuoie” a S. Maria degli Angeli – Assisi (2000) e la Personale sul “Cantico delle Creature” di Assisi (2002) che ha riscosso ampio consenso di pubblico e di critica decretandone la fama.

 Piero Casentini nel 2005, accompagnato da p. Fabio Berti e da p. Giulio Nardecchia della Provincia Romana dei Frati Minori, è stato ospite della Custodia di Terra Santa per studiare la possibilità di realizzare opere a Gerusalemme e a Cafarnao, ed è stato incaricato dalla Custodia di Terra Santa di realizzare un'Ultima Cena per il refettorio conventuale di San Salvatore in Gerusalemme.

Recentemente (2007) la Conferenza Episcopale Italiana gli ha commissionato alcune tavole ad illustrazione di passi evangelici per il nuovo Lezionario. Vive e lavora a Valmontone (Roma).

 

 

            

 

Scene della vita di San Francesco , di Piero Casentini

 

 

Chi, affascinato dal candore spirituale delle opere di Piero Casentini, tentasse di figurarsi la sua personalità, avrebbe gioco facile. I soggetti agiografici e sacri proposti dalle sue tavole, talora con vibranti grafismi trecenteschi, talaltre con equilibrate materializzazioni che sottraggono alla luce l’evento, mostrano, senza velarla, la spiritualità schietta e genuinamente francescana dell’autore.
Ad essa rimanda la sobrietà cromatica di ogni composizione dosata a contrasto tra il microcosmo materico dalle tonalità fredde e l’universo soprannaturale dai caldi fasci di luce che rimarcano e pervadono, fino a compenetrarlo, il mistero rappresentato.
Nelle tematiche sanfrancescane ed evangeliche, Casentini non rifugge la matericità. Essa viene assutta, seppure ridotta all’essenza, come indispensabile luogo salvifico. Essa è l’attimo del tempo redento. Essa è il presupposto dell’evento soprannaturale colto dall’Autore con meravigliata contemplazione nel frangente del suo palesarsi. Intersecazione del divino con l’umano, irradiazione dell’eterno nel finito, tale è, in sintesi, il movimento teofanico impresso nella produzione del Maestro.
Nella medesima percezione estatica, sorprende l’armonia semplice e formale dei corpi e la bellezza espressiva dei volti che lumeggiano, dalle pieghe del chiaroscuro, quell’esperienza divina in divenire che interpella, coinvolgendolo, l’osservatore.
Piero Casentini non ama raccontarsi o far parlare di sé. Volentieri cede la parola ai suoi quadri, al linguaggio intimo e spirituale dei loro soggetti.

 

 

<c:out value='${row.i_dida}'/>

Piero Casentini, Nella casa di Pietro (dettaglio), convento francescano di Cafarnao, Israele.

 

"...La pittura di Casentini è semplice ma mai superficiale, capace di arrivare direttamente al cuore di chi la incontra. Il percorso iconografico che si offre ai nostri sguardi è teso a far scaturire una profonda riflessione che l'artista per primo ha esercitato dentro di sé. Le opere su Francesco ma soprattutto gli episodi dei Vangeli che il pittore ha realizzato negli ultimi tempi (citiamo la grande pala che raffigura Gesù nella casa di Pietro a Cafarnao, opera che si trova appunto nel convento locale  della Custodia) danno conto di un artista molto vario, che sa adattare le proprie composizioni scenografiche all'avvenimento che sta raccontando. Una caratteristica della sua narrazione pittorica è quella di saper isolare l'evento da qualsiasi tipo di contesto, creando una specie di sospensione del tempo, e rendendo in questo modo il messaggio definitivo e universale. Ma anche di accompagnare i fedeli che osservano la scena evangelica a rivivere quel momento in raccoglimento e preghiera..." Carlo Giorgi .

 

 

 


 

Fonte  :  sito dell'artista Piero Casentini  www.forzavenitegente.it/pierocasentiniFVG.htm

I testi sono a cura della Custodia di Terra Santa  http://198.62.75.1/www1/ofm/news/2005/0517/Benedezione_It.html   e la citazione è tratta dall'articolo di Carlo Giorgi " I Colori del Vangelo " sul sito TerraSanta.net  http://www.terrasanta.net/terrasanta/eco_det.jsp?wi_number=1452&wi_codseq=EC0901