ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

 ARTE :  pittura :  Paola Damiani Abella (Angela), pittrice e madonnara, messaggera di valori sociali e solidarietà

 

  PAOLA DAMIANI ABELLA (Angela), pittrice e madonnara

 Messaggera di Valori Sociali e Solidarietà

 

Madd02

S.Filippo Neri a Torri del Benaco

Composizione originale dell'Artista

Arte madonnara su pannello mis. cm. 120 x 80

 

Figlia d'arte, Paola Damiani, fin dalla più tenera età, rivela e forma il suo talento artistico all'ombra del padre Renato valente pittore iperrealista romano e arredatore d'interni.
Conclusi gli studi, consegue il diploma di "Maestra d'Affresco" presso l'Accademia “Cignaroli" di Verona. Coniugata Abella, e madre di due figlie, inizia a Verona la sua carriera di pittrice nell'anno 1965.

Fino dall'inizio riscuote notevoli successi che la spingono a proseguire tale attività che nel tempo diventa professione.
Partecipa ad innumerevoli collettive nelle quali emerge sempre per la sua creatività spontanea ed autentica trasmettendo sempre, come madre e sposa, un fortissimo messaggio sul valore del concetto di famiglia come base elementare ed essenziale della vita sociale.
Ritrattista di bambini per vocazione, suscita nel committente tanta emozione e tenerezza, cogliendo nel soggetto che sta ritraendo la vera ed autentica personalità pura e spontanea tipica dei bambini. Parimenti ritrae la natura realizzando scorci e paesaggi mettendo sempre in primo piano ciò che solo la sua sensibilità di artista le fa cogliere per trasmetterla a tutti coloro che osservano ed amano i suoi paesaggi.
Riceve moltissimi premi e riconoscimenti da varie Accademie ed Enti Sociali. Le sue opere oggi si possono ammirare in collezioni private e pubbliche in tutto il mondo.
Nel 1992 scopre la sua vera vocazione quando si cimenta nel grande raduno internazionale dei Madonnari alle Grazie di Curtatone —MN-.
Per l'artista è come una folgorazione. Paola dedica tutti i suoi momenti liberi nella ricerca dell'arte sacra studiando a fondo ed immedesimandosi nello spirito dei grandi Maestri del passato.
Infine decide di firmare le suo opere sacre con lo pseudonimo "ANGELA" in onore e ricordo dell'arte di Michelangelo Buonarroti che la ispira nei suoi soggetti sacri. Partecipa a tante tappe di arte "madonnara" trasmettendo questo suo "fuoco sacro" a chi la vede lavorare in pubblico. Gli amministratori del suo comune di residenza a Villafranca di Verona e di domicilio a Belmonte Calabro -CS-, hanno invitato l'artista ad organizzare dei corsi di tecnica del gessetto alla maniera dei madonnari attività che, ormai da cinque anni, porta avanti con grande successo e richiesta di pubblico.

Hanno voluto il suo contributo artistico di arte sacra:

 

Sacra06

L'Annunciazione - Pala d'Altare

Per una nuova chiesa di Roma - Giubileo 2000
donata al Papa Giovanni Paolo II

Tecnica del gessetto mis. cm. 140 x 120

 

 

Trascrizione dal Manifesto originale redatto da Paola DAMIANI,

ANGELA in arte Madonnara.

 

Il MADONNARO non è mai stato un artista minore, ma è da considerare il riproduttore spettacolare di Immagini Sacre, ed in particolare di Immagini della MADONNA, per una catechesi pittorica del culto cattolico da porre all’attenzione del pubblico di ogni estrazione sociale.

Eredi dei Pittori di ICONE BIZANTINE, nel tardo medio evo, nascono i primi MADONNARI, artisti poveri, ma di grande talento, che con materiali effimeri e con colori ricavati sul posto sfruttando e manipolando terre e pigmenti naturali senza collante alcuno, riproducono per la gioia degli occhi di tutti, ed in maniera spettacolare, immagini sacre di artisti famosi, ma prodotte, da questi ultimi, per la vista esclusiva di pochi ricchi committenti e delle loro corti.

Il MADONNARO esplica la sua ARTE lavorando all’aperto sui sagrati delle Chiese dove, attirando l’attenzione dei passanti, riesce a farsi lasciare degli oboli in omaggio alla sua produzione disponibile per tutti anche se per la durata di poco tempo.

Il MADONNARO, vagando di città in città, come un nomade, viene considerato come un accattone perché costretto a vivere dell’obolo dei passanti.

La catechesi del MADONNARO si innesta soprattutto nel culto mariano richiamando la tradizione decorativa popolare con tutti i mezzi e dimensioni possibili.
Disegnare MADONNE per terra, e vivere del denaro che questo lavoro riesce a procurare ai MADONNARI, li accomuna per un certo verso al cantastorie.

Il disegnatore di MADONNE sull’asfalto si può collocare nell’ottica dell’artista che porta la religione di villaggio in villaggio, e quindi fa ugualmente catechesi, con immagini riprodotte da opere di artisti più famosi anziché con prediche.

Il MADONNARO, autore quasi anonimo, di una città senza terra, immutato nel tempo, si sottrae al mondo delle conquiste scientifiche e tecniche e attende con pazienza l’apertura nel regno delle arti.

Le astuzie sono tante per richiamare il pubblico: le immagini i cui occhi seguono la spostarsi dell’osservatore per un arco di 180° corrispondente allo spazio di visione dell’opera; i colori sono vivaci e di effetto, ma legati alle tradizioni cromatiche dell’immagine, elementi fondamentali per potere convivere con questa professione; le grandi dimensioni, danno spettacolarità all’opera rendendola mirabile.
È soltanto da poche decine di anni che il MADONNARO è stato riscoperto e valorizzato anche se ancora risulta semisconosciuto nel campo dell’arte.

Infatti purtroppo ancora soltanto in alcune manifestazioni viene richiesta la sua opera, e non risulta, ancora, avere il proprio posto tra le materie di istruzione artistica.

Dunque se l’arte dei MADONNARI merita la Vostra attenzione ed il Vostro interessamento presso le autorità che possono promuoverla e sostenerla, il Vostro sostegno potrà fare in modo che questa arte possa divulgarsi, continuare e trovare nella società il posto che le compete.

G R A Z I E !!!

 

Chi è dunque il MADONNARO al giorno d'oggi ??
L'artista madonnaro artefice unico e potente del messaggio che vuole proporre, appartiene alla categoria degli "artisti di strada", perché il suo teatro con il suo palcoscenico, può essere soltanto la strada che è a disposizione di tutti. Egli, libero e trasparente come un diamante, usa il suo gessetto come una potentissima arma per esprimere con forza i principi fondamentali di vita, per evidenziare i problemi che maggiormente affliggono l'umanità risolvendoli con il suo "credo" e per denunciare e stigmatizzare realtà sociali anomale e amorali.
Il suo pubblico non deve pagare alcun ticket per ricevere il suo messaggio, che vede e intende senza guide o forzature.
Il suo messaggio, inoltre è multilingue e multietnico poiché, essendo espresso con forme e colori universali, è intelligibile da tutti con grande simpatia e disponibilità.
In effetti, mentre la manualità forma le immagini, il madonnaro parla della propria arte con il pubblico che si sofferma a guardare e chiedere ogni sorta di curiosità, istaurando un'atmosfera di commedia dell'arte recitata su strada e a disposizione di tutti.
Eppure il madonnaro non è né un barbone, né un accattone né un uomo randagio, anche se lo ritroviamo libero in ogni piazza e in ogni strada dove viene richiesta la sua opera,

 

La MADONNARA: Angela
al secolo
Paola DAMIANI ABELLA
pittrice - ritrattista

 

 

 

 


 

Fonte  : sito ufficiale dell'artista Paola Damiani Abella (Angela):  www.artspaola.it