ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                  

 ARTE :  storia dell'arte : arte africana , un'invenzione occidentale ?

 

Vittorio Carini

ARTE AFRICANA , UN'INVENZIONE OCCIDENTALE ?

 


 

 

Maschera gola della collezione Vittorio CariniIl termine usato ed abusato di "Arte Africana" appare veramente inadeguato quando ci riferiamo alle culture dell'Africa Nera. A quale tipo di "Arte" alludiamo? E a quali Paesi e a quali delle antiche Aree culturali?  Penso che nessuno, per descrivere nello stesso momento l'Arte Fiamminga, il Surrealismo e l'Arte della Grecia classica userebbe il termine di "Arte Europea", ma bensì farebbe una precisa distinzione sia di spazio (luogo) che di tempo (epoca).  Così, quando qualcuno volesse parlare di "Arte Americana" non potrebbe certo alludere contemporaneamente all'Arte degli indiani Hopi o Kwakiutl, alla Pop Art e all'Arte dei popoli sudamericani prima di Colombo.  Usare quindi il termine esemplificativo di "Arte Africana" quando ci si riferisca ad una testa
Maschera bassa della collezione Vittorio Carini figurativa in bronzo del Benin del XVI secolo e contemporaneamente ad una maschera "kanaga" dei Dogon dei primi del '900 o ad un reliquiario Kota-Obamba dell'800 è un errore nel quale oggi non si dovrebbe più incorrere per non cadere nella trappola insidiosa di un superficiale ed occidentalizzante etnocentrismo.  Alcuni potrebbero ribattere che la scultura africana nasceva da una tradizione religiosa e socio-politica omogenea, avente in comune molti aspetti in quasi tutte le aree in cui si era  sviluppata, ripetendosi poi in maniera iterativa nell'arco dei secoli.


Particolare di maschera Mambila (Yoruba)della collezione Vittorio CariniIl ridurre perciò la scultura plastica africana a solo strumento e testimonianza della propria tradizione, è stato anche il limite invalicato del giudizio europeo su questi "oggetti" dal '500 ai primi del '900.
Chiamati per circa 4 secoli: "feticci abbietti dei negri", "idoli dei selvaggi", o più blandamente "oggetti esotici", sono assurti oggi, entrando nel "sacro tempio" della cultura,Il Louvre, al ruolo di "veri capolavori appartenenti al patrimonio di tutta l'umanità". Maschera Mambila (Yoruba)della collezione Vittorio CariniCome appare evidente, è occorso molto tempo per sradicare definitivamente questo giudizio di non appartenenza al campo della "Vera Arte", nel pieno senso europeo del termine.
 Per molto tempo fu anche usato, come alibi, il fatto che il sostantivo "Arte", per noi così importante e basilare, fosse del tutto sconosciuto agli scultori tradizionali africani. Però, non era certo a loro sconosciuto il gusto estetico e la concettualità nella sua forma più pura fatta di analisi, sintesi e sublime ardire esecutivo, qualità queste, che nella loro unicità fanno di alcuni scultori, nella quasi totalità dei casi ormai irreversibilmente anonimi, dei geniali, grandissimi, veri Maestri.

 

 

 

 

 

 


 

 

Fonte : www.missioni-africane.org