ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  CONTINENTI : Lettera dalle Missioni in Guatemala , di Fra Tonino Fortunato dell'Ordine di Santa Maria della Mercede   ( Letter from our Mission in Guatemala , by Fra Tonino Fortunato, Order of Mercederians Friars )

 

LETTERA DALLE MISSIONI IN GUATEMALA

di Fra Tonino Fortunato dell'Ordine di Santa Maria della Mercede

Chiesa della Mercede ad Antigua, Guatemala (foto Andrea Carisi)

"...i soldi non fanno felice la gente ma la vera e sincera religione si... i bambini che abbiamo visto per le case e strade erano tutti felici e contenti, anche se poi andando a casa avevano poco o niente da mangiare... la ricchezza non ci fa felici... la povertà con decoro si..." Fra Tonino, Fortunato, dei Frati Mercedari

 

Fratello caro, ti scrivo due parole per raccontarti le mie piccole impressioni sul Guatemala. Sono stato due volte in India, dove abbiamo una casa di formazione del nostro Ordine della Madonna della Mercede in Cochin, Kerala.

Appena messo piede in Guatemala City, mi è sembrato d'essere ancora una volta in India, tanta povera gente nei bus che sono sempre affollati, con tanta gente, tanti giovanissimi. In Guatemala mi ha accompagnato la signora Sue Sharlow che ha parenti nel Guatemala, è stata nel Guatemala già tante volte e qui a San Giuda in Florida fa tanto per i poveri dello stesso Guatemala con tanta dedicazione e zelo.

Le Chiese che ho visitato, circa 10, sono tutte grandi e con tanta gente, quindi ho avuto l'impressione che sono molto religiosi, sia quelli di origine spagnola che quelli indiani, Civiltà Maya, che sono ben 65 specie di gruppi di discendenza...

Sono qui in missione e ho visto la gente buonissima del Guatemala molto religiosa, simpatica anche se tanto povera.  San Giuda di S. Pietro in Florida USA sta aiutando a costruire una nuova bella chiesa nel posto  di "El Milagro", solo 30 minuti di macchina dalla capitale del Guatemala.  La Chiesa si chiama Cristo Lavoratore, sarà finita nel prossimo futuro, però´dipende dall'aiuto che manderà´San Giuda di tanto in tanto: c'è´una donna che appartiene a San Giuda che è molto contenta del lavoro che si sta facendo qui per la nuova Chiesa cattolica...speriamo di fare del bene alla gente locale.

Vicino alla Parrocchia di Cristo Lavoratore, nella colonia "El Milagro", che dista una buona trentina di minuti dalla città di Guatemala, un giorno siamo andati a visitare un piccolo centro di indiani che vivono al naturale, la loro base di sostentamento è tutto a base di granturco e riso, che mangiano ogni giorno. C'erano, senza esagerazione, una trentina di bambini e solo due famiglie: i più grandi giocavano al calcio, molto comune in Guatemala, e gli altri più piccoli andavano in giro nel piccolo campo e sugli alberi.  Abbiamo fatto loro un sacco di foto perché a loro piaceva un mondo...

Sono tanti cattolici, ma nella città capitale ci sono molte chiese cristiane non cattoliche, che sono aiutate dagli americani non solo nella loro teologia e fede cristiana, ma molto più in senso fisico e monetario, chiamato il "social gospel" in inglese...

Malgrado ciò il fenomeno dei cristiani non più cattolici non è successo nella città della prima capitale, chiamata ora Antigua, distrutta dal terremoto alcuni anni fa; varie parti sono state ricostruite ma molto è ancora rimasto lo sesso dopo il terremoto, le strade non sono di asfalto ma con pietre e le case sono ancora quasi tutte del tipo coloniale spagnolo.

Molto belle la Chiesa della Mercede nella città di Guatemala che ora è retta dai gesuiti, e l'altra in Antigua ancora nelle mani dei Frati Mercedari: sono molto belle con statue che sono quasi tutte con vestiti...

 

Mercato di Chichicastenango, Guatemala (foto Andrea Carisi)

 

Pregate per me e la loro povera gente di qui, tanto brava, favolosa, sempre contenta della loro situazione; ho partecipato a varie messe: hanno cantato anche la bella nostra canzone alla Madonna Santa Maria del Cammino, ed un'altra canzone con musica di Va' Pensiero, di Giuseppe Verdi.

Il tutto è stato per me una grande lezione... i soldi non fanno felice la gente ma la vera e sincera religione si... i bambini che abbiamo visto per le case e strade erano tutti felici e contenti, anche se poi andando a casa avevano poco o niente da mangiare... la ricchezza non ci fa felici... la povertà con decoro si...

La meditazione per me, dopo aver trascorso una bella settimana in Guatemala : devo essere molto contento di quello che ho e ringraziare il buon Dio e la Madonna per tutti i conforti che ho qui in Florida, USA ;  nello stesso tempo devo anche aiutare per quanto sia possibile quelli che hanno di meno di me...

Salutissimi a tutti voi fratelli della bella Italia... impariamo dai poveri ad essere più felici e contenti e avere tanta fede nella Divina Provvidenza, nei nostri figli che non dobbiamo aver paura di avere e quindi di crescere loro sani e santi...

Fraternamente Vostro, 

Fra Tonino, M. Fortunato, dei Frati Mercedari.

 

 

 

 

 

 

 

LETTER FROM OUR MISSION IN GUATEMALA

 

by Fra Tonino Fortunato, Order of Mercederians Friars

 

“…money does not make people happy, but real and sincere religion does… the children that we saw on the streets and in houses were all happy and joyful, even if when they went home had little or nothing to eat… wealth does not make us happy… poverty with pride does…”  Fra Tonino Fortunato, Mercederians Friars

 

 

My dear brother, I am writing you a short note to give you my humble impressions of Guatemala. I have been twice to India before, where we have a house of formation for our order of Mary, mother of Mercy, in Cochin, Kerala.

As soon as I arrived in Guatemala City, it seemed once again to be back in India. Many poor people on buses that are always crowded, many of these people are very young. Mrs. Sue Sharlow who has relatives there, accompanied me to Guatemala. She has been to Guatemala several times and here at St. Jude in Florida she works with the poor from Guatemala with dedication and zeal.

I visited about 10 churches. They are all large and full with people. I had the impression that there are still many religious people, both Latino people and Mayan people, who are descendants of 65 different Mayan tribes…

Here on the mission I saw very good people, very religious, friendly even if very poor. St. Jude of St. Peter in Florida, USA is helping build a new beautiful church in a place called “El Milagro”, only 30 minutes from Guatemala City. The church is called Working Christ, it will be finished in the near future, but the exact timing will depend on the help that St. Jude will provide. There is a lady from St. Jude working here, who is very happy with the progress of the new Catholic Church. We hope it is good for the people.

Near the Working Christ parish, in the “El Milagro” region, which is about 30 minutes form Guatemala City, we also went to visit a community of local Indians, who live in the country. Their food is based only on corn and rice, which they eat every day. There were for sure about 30 children and only 2 families: the oldest children were playing soccer, which is very popular in Guatemala, while the youngest were walking around in the field and climbing trees. We took a lot of pictures of them, as they seemed to like that a lot.

There are still a lot of Catholics in Guatemala, but in the capital there are many protestant and non-denominational churches, which are helped by the Americans, not just in their theology but especially monetarily, in what is called “social gospel”.

This phenomenon does not seem to have affected the old capital Antigua, destroyed by an earthquake in the seventeen hundred. Some parts have been rebuilt; others have remained the same since the earthquake. Roads are not made of asphalt, but rocks in Antigua. Houses are still almost all of the Spanish Colonial style.

The two churches of the Mercederians are very pretty. Jesuits now run the one in the capital, while the one in Antigua is still run by our friars. They contain many statues, most of which dressed in clothes.

Please pray for me and for the people of this country, who are very nice and never complaining about their situation. I attended several Masses. They even sang our nice song dedicated to the Saint Virgin Mary of the Walk and another song with the music of Và Pensiero, by Giuseppe Verdi.

This trip was a great lesson for me: …money does not make people happy, but real and sincere religion does… the children that we saw on the streets and in houses were all happy and joyful, even if, when they went home, had little or nothing to eat… wealth does not make us happy… poverty with pride does…”

My reflection, after having spent one good week in Guatemala is the following: I have to be very happy with what I have and thank God and the Virgin Mary for all the comforts I have here in Florida, USA. At the same time I also have to help, as much as I can, those that have less than I…

My most warm wishes to you my friends in beautiful Italy… Let’s learn from the poor to be happier and to have more faith in the Divine Providence and in our children, which we must not be afraid to have and to raise healthy and saintly.

Brotherly yours,

Fr. Tonino M. Fortunato of the Mercederians Order

 

 

 

 


 

Fonte : si ringrazia il Frate Mercedario Tonino Fortunato, residente in Florida e di origine italiana, che gentilmente ha inviato alla Redazione di ARTCUREL le impressioni del suo recente viaggio per visitare le missioni in Guatemala.

Per approfondimenti sull'Ordine dei Frati Mercedari vedi il seguente link : Ordine di Nostra Signora della Mercede , Frati Mercedari : " liberi per liberare !"

Si ringrazia Enrico Contolini che gentilmente a tradotto la lettera di Fra Tonino in inglese (translation in English of Enrico Contolini).  Cura anche un sito web interessante sugli Italiani in America: www.italianiinamerica.com 

Fonte foto :  ANDREA CARISI   http://www.edt.it/comunita/fotografie/autori.php?a=78