ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  CONTINENTI : missionari d'africa , padri bianchi

 

MISSIONARI D'AFRICA , PADRI BIANCHI

 

SOCIETA' MISSIONARIA DEI PADRI BIANCHI

Da sempre Dio chiama alcuni battezzati ad esercitare in maniera particolare il dinamismo missionario comune a tutto il Popolo di Dio.
Lungo la storia, lo Spirito Santo ha suscitato uomini e donne i quali hanno fondato degli Istituti, per radunare insieme coloro che condividono la stessa vocazione apostolica.
Nel 1868 Charles Lavigerie, allora arcivescovo di Algeri, ha fondato i Padri Bianchi, per la testimonianza cristiana nei paesi musulmani, l'annuncio del Vangelo nel continente africano e l'impegno per l'unità dei cristiani nel Medio Oriente.
 

Il dinamismo apostolico del Fondatore è diventato quello dei:

MISSIONARI D'AFRICA , PADRI BIANCHI

 

La "Società dei Missionari d'Africa" già dal nome esprime la sua vocazione più profonda: per l'Africa e in Africa
Per questo mondo così ricco di potenzialità ma sommerso da problemi e contraddizioni, grande tre volte l'Europa, il carisma apostolico dei Padri Bianchi - come sono comunemente conosciuti dal loro abito bianco, simile a quello degli Arabi  dell'Africa del nord - dalla originale intuizione dell'evangelizzazione continua con la condivisione della vita con il popolo. L'impegno più grande che va oltre l'appartenenza ad una cultura, impegna i missionari a assumere le abitudini esteriori, il modo stesso di cibarsi e a calarsi nelle mille sfumature della lingua del posto.

I Padri Bianchi vogliono essere "testimoni del Regno di Dio e dialogare con quelli che accolgono la grazia della Buona Novella. Tutti i nostri impegni, nella loro diversità sono orientati verso questo scopo".

I Padri Bianchi, sono consapevoli delle difficoltà di un dialogo che ha basi e retrospettive diverse, ma dall'apertura del primo noviziato il 18 ottobre 1868 inizia un incontro con le popolazioni musulmane che fu attento al contesto umano, tanto da lavorare attivamente per l'abolizione della schiavitù e della tratta da parte degli sfruttatori.

Il fondatore, Charles Lavigerie volle apostoli per l'Africa, "uomini e donne disposti a tutto, anche al martirio, per far crescere il regno di Dio".

 

"MISSIONARI VIVENTI IN COMUNITA'"

 

"SIATE APOSTOLI, non siate che questo o, almeno non siate nulla che in vista di questo."

 

" Mai, in nessun caso e per nessun pretesto i missionari saranno meno di tre insieme nelle loro residenze…. Piuttosto che mancare a questa regola della vita comune si rifiuteranno le occasioni più vantaggiose e più urgenti…"

 

Missione e Comunità: Il carisma e la fisionomia spirituale dei Missionari d'Africa si esprime nell'amore che unisce i cuori e che si dona, due espressioni della stessa virtù: la carità.

 

La missione ha le sue esigenze…

La Società dei Missionari d'Africa ha uno "scopo speciale, da raggiungere con dei mezzi speciali, che diano alla sua azione un carattere particolare. Questo carattere consiste nell'avvicinarsi agli indigeni con tutte le loro abitudini.., la lingua anzitutto, il vestito, il cibo, secondo l'esempio di S. Paolo: mi son fatto tutto a tutti". 

La carità apostolica può animare questo spirito, può essere esigente fino al dono totale di sé. 
Ad uno dei primi sacerdoti che mi chiedeva di far parte della nuova società dei Padri Bianchi, scrissi sulle sue lettere credenziali: "Visum pro martyrio - Accettato per il martirio". Mi rispose con semplicità: "E' proprio per questo che son venuto!"

 

Anche la comunità ha le sue leggi…

"Amatevi gli uni gli altri. Siate uniti, uniti di cuore, di pensiero. Formate veramente una sola famiglia. Abbiate fortemente lo spirito di corpo, nel senso cristiano e apostolico del termine. Difendetevi, sostenetevi, aiutatevi sempre" (Lavigerie)

Una comunità missionaria è protesa verso l'impegno apostolico e alimentata da esso ed è comunità di fede, di vita, di lavoro e di preghiera

I Padri Bianchi provengono dai più diversi paesi del mondo e le loro comunità sono chiamate oggi ad essere interculturali, nell'internazionalità e intercontinentalità dei loro membri: un dato che le rende quando mai attuali.

 

 

 

 


 

Fonte : http://www.missionaridafrica.org