ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  GESU' CRISTO :  Gesù Poeta dello Spirito

     

Gesù , il Poeta dello Spirito 

                      

Visione della Croce

 

"L'elemento davvero divino [in Gesù] è la gloriosa chiarezza che assunse nella sua anima la grande idea che era venuto a mostrare, e cioè che tutto ciò che è finito necessita di una più alta mediazione per essere in accordo alla Deità e che per l'uomo soggetto al finito e al particolare, e troppo disposto ad immaginarsi persino il divino in questa forma, la salvezza è da rintracciarsi soltanto nella redenzione."

Friedrich Schleiermacher, Sulla religione: discorsi ai suoi colti detrattori

 

Nei secoli XVIII e XIX, artisti e filosofi europei cercarono di liberare Gesù dalla prigione della ragione nella quale i pensatori illuministi l'avevano rinchiuso. I romantici videro Gesù non come modello razionale ma come immagine archetipa dell'artista, un essere, cioè, che ha integrato in modo organico la propria psiche ed il proprio spirito in tutti gli aspetti, al fine di toccare il fondo della realtà. Gesù diventa il luogo privilegiato del rapporto vitale tra uomo e natura, soggetto ed oggetto, mente consapevole ed intuizione inconscia. Questo Gesù era la creatività trascendente che univa tutti i vari fili dell'anima umana, la musa che ispirò poeti e pittori, l'impulso artistico fatto carne.

 

  


 

Il Vangelo Infinito di William Blake

 

La discesa della pace e l'adorazione del bambino da parte della natura

 

Gesù e i suoi Apostoli ed i suoi Discepoli furono tutti Artisti… Il Vecchio e il Nuovo Testamento sono il Grande Codice dell'Arte. L'Arte è l'Albero della Vita. DIO è Gesù. La scienza è l'Albero della morte. -

William Blake, Il Laoconte

 

Quando William Blake criticava l'interpretazione illuministica di Gesù, lo faceva, come del resto faceva tutto, con immaginazione ed eccessi inuguagliati, o quasi. Nel Vangelo Infinito Blake presenta Gesù non come teorizzatore morale o filosofo prodigioso, ma come la vera incarnazione del "poetico", come supremo essere creativo al di sopra dei rigidi dogmi, della dura logica, al di sopra perfino della moralità. Il Gesù che esce con prepotenza dalle pagine di Blake esprime un forte senso apocalittico e si allontana inesorabilmente dal Gesù estremamente razionale dell'illuminismo. Con Blake, Gesù diventa molto più di un pensatore o di un moralista: diventa il simbolo dell'essere, del rapporto vitale e non dualistico tra divinità e umanità.

 

 


 

Brani e foto tratte da Virtual Museum Canada  http://www.virtualmuseum.ca

Anno Domini : Gesù attraverso i secoli  http://www.virtualmuseum.ca/Exhibitions/Annodomini

Ritorno all'indice