ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  PERSONAGGI : Guglielmo Giaquinta , fondatore del Movimento Pro Sanctitate

 

GUGLIELMO GIAQUINTA

fondatore del Movimento Pro Sanctitate

 

Mons. Guglielmo Giaquinta 
Mons. Guglielmo Giaquinta
Vescovo

Fondatore del Movimento Pro Sanctitate

 

 

"...La vocazione universale alla santità nasce con il messaggio di Cristo che viene inviato a tutti attraverso gli Apostoli. Cristo infatti ha il suo messaggio da annunciare al mondo, lo presenta in terra di Palestina e poi dice agli Apostoli: Andate e annunciate a tutte le genti (Mt 28,19). In quel momento si manifesta la chiamata universale alla santità da parte di Dio e nasce il compito della Chiesa...". Mons. Guglielmo Giaquinta

 

 

Guglielmo Giaquinta nasce a Noto (SR) il 28 giugno 1914.
Compie gli studi nel Seminario Romano Minore e in quello Maggiore, e' ordinato sacerdote il 18 marzo 1939.
Viceparroco, a Roma, della Parrocchia Madonna dei Monti e rettore della Chiesa Madonna di Loreto, riscopre, nella contemplazione e nella riflessione teologica, la chiamata alla santita' come vocazione fondamentale dell'uomo.

Si dedica alla predicazione di esercizi spintuali, ritiri, conferenze e soprattutto alla direzione spirituale.
Nascono attorno a lui un gruppo di laiche consacrate, le Oblate Apostoliche, e il Movimento Pro Sanctitate, per evangelizzare la santita'.
Impegnato in diversi settori del Vicariato di Roma, continua la sua azione di maestro di spirito e l'attivita' di scrittore e teologo della spiritualita'.

Ordinato Vescovo il primo novembre 1968, svolge il suo ministero di pastore nella diocesi di Tivoli.
Mons. Guglielmo Giaquinta ha trascorso gli ultimi anni nella dedizione totale alle opere fondate per volonta' del Signore: la tenerezza del Volto del Padre, da lui tanto amato, traspariva nella sua vita tutta protesa all'incontro definitivo con Dio Amore.

Il 15 giugno 1994 a Roma la sua offerta per la santita' dei fratelli si e' consumata nella piena adesione all'adorabile volonta' di Dio.

 

 

 

Padre nello Spirito

 

Per dare consistenza ed operatività agli ideali di vita così fortemente sentiti e vissuti, come la vocazione universale alla santità, la fraternità sociale, la spiritualità sacerdotale del Cenacolo, Monsignor Giaquinta ha fondato nel corso degli anni la famiglia apostolica Pro Sanctitate, articolata all'interno in varie strutture, conosciuta anche sotto il nome dì Massimalismo Apostolico.

Il nome - Massimalismo Apostolico - fa riferimento ad una duplice dimensione: alla contem-plazione dell'amore infinito "massimalista" di Dio, rivelato in Gesù Cristo, e all'impegno di tutti gli uomini a rispondere a questo amore divino così largamente effuso nel cuore umano.

Il Fondatore non si limitò a pensare le grandi '"utopie" della santità e della fraternità universali, poiché le sentiva fortemente e le accoglieva come dono di Dio, come "carisma"; ne fece progetti di vita, proposte esistenziali che furono seguite da tanti figli e figlie spirituali che accettarono con cuore aperto e disponibile il Padre e il carisma, la sua profezia e i suoi programmi apostolici.

Non è possibile naturalmente raccogliere in un breve scritto che cosa sia stato il Fondatore in più di quaranta anni di fondazione.

Ma occorre almeno accennare ad alcuni tratti di Mons. Giaquinta come Fondatore. Innanzitutto fu fedele custode del carisma, lo serviva non come cosa sua, ma come dono di Dio e non permise mai che ci fossero cambiamenti, accomodamenti, svisamenti, anche quando questo avrebbe potuto dare risultati più immediati e concreti all'apostolato Pro Sanctitate.

Altra caratteristica è stata la sua capacità di vivere accanto ad ogni parte della famiglia del Massimalismo Apostolico secondo le finalità specifiche di ciascuna. Lo abbiamo visto suscitare ed accompagnare i progetti degli Animatori Sociali e della Fraternità sociale, sempre attento e profeti-co nelle sue intuizioni.

Esortava gli Animatori Sociali ad essere presenti nella società, ad intervenire e ad operare in tutte le strutture. Prevedeva per loro la possibilità di incidere anche a livelli legislativi e politici o della cultura; li richiamava ad impegni concreti, e seguì con paterna sollecitudine l'esperienza che per alcuni anni gli Animatori fecero a Roma nel carcere di Rebibbia e in altri luoghi.

La pupilla dei suoi occhi sono stati la Corrente del Cenacolo e i Sacerdoti Sodales. Con loro desiderò condividere la spiritualità sacerdotale, insegnò e testimoniò una profonda unità con il Papa e con il Vescovo. Non cessava di ripetere che solo sacerdoti santi sono in grado di animare e suscitare comunità ecclesiali sante. Fino all'ultimo momento della sua vita si è preoccupato di vedere benedetta e consolidata la sua fondazione sacerdotale dall'approvazione ecclesiastica. E Dio lo ha esaudito: pochi minuti prima della sua morte, le Costituzioni dei Sodales sono state protocollate presso il Vicariato di Roma; l'approvazione è pervenuta il 6 giugno dell'anno seguente (1995).

Con affetto particolare è stato Padre fermo, generoso, per le Oblate Apostoliche, che egli definiva la struttura forte e generatrice delle altre nella preghiera e con l'impegno apostolico; e per il Movimento su cui contava per la diffusione del suo ideale più caro, la vocazione universale alla santità. Riservava per questa realtà le ioni più profonde nella formazione; spesso, soprattutto negli ultimi anni, riversava l'abbondanza e le primizie della sua esperienza spirituale toccava vertici di altissima spiritualità e contemplazione.

Era esigente della santità dei suoi figli, ma questo nasceva dalla volontà di vedere accolto l'amore di un Dio geloso che richiede alle sue creature purezza di cuore, di mente, di intenti.

Seguiva tutti e ciascuno con attenzione personale non fatta di molte parole, ma di preghiera gesti di accoglienza; dal contatto con lui ci si va rassicurati e si ritornava con la certezza sere stati orientati alla luce e nella verità di Dio.

da L’apostolo della santità, Maria Mazzei, ed. Pro Sanctitate, 2003

 

 

 

 


 

Fonte :  http://www.guglielmogiaquinta.org/  ;  www.prosanctitate.org