ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  PERSONAGGI : La Principessa Sichelgaita , di Giovanni Napolitano

 

Giovanni Napolitano

( Preside della Sezione de' Principati dell'OESSG , Cav. di Gran Croce , Generale G.F. )

 

SICHELGAITA

Principessa Longobarda e Duchessa Normanna  

 

 

La Principessa Sichelgaita

 

La principessa Sichelgaita visse in un periodo di eccezionale rilevanza storica , che vide il processo di rinnovamento della Chiesa di Roma , nel segno della riforma gregoriana , la lotta delle investiture , l'espansione dei nuovi barbari nella Longobardia minore , il declino dell'antico principato di Salerno , il trionfo dello Stato normanno .

I protagonisti furono : Gregorio VII , Enrico IV , Desiderio di Montecassino , Alfano I di Salerno , Roberto il Guiscardo e Sichelgaita , figura che Amato di Montecassino descrive " nobile , bella e saggia " e Romualdo , arcivescovo e storico salernitano " onesta , pudica , virile nell'animo e provvida di saggi consigli " . 

Sichelgaita nacque a Salerno nel 1036 dal principe Guaimario IV , della dinastia dei longobardi spoletini , e da Gemma , figlia del conte Landolfo di Teano .  Guaimario volle dare alla sua terza figlia il nome di sua nonna , donna di altissimo lignaggio longobardo .  Gaita trascorse l'infanzia e la fanciullezza nel monastero di S. Giorgio , contiguo al Palatium ; da un documento del 1037 risulta che in quel prestigioso monastero vi era una infermiera nel cui laboratorio si preparavano i medicamenti .  Gaita conobbe perciò l'arte medica sin da fanciulla (fu discepola di Trotula De Ruggero , la celebre medichessa) e subì una grande attrazione per lo studio , la bellezza dei classici latini e greci e la sapienza delle Sacre scritture .

Fu circondata dall'affetto del padre , che era l'uomo più potente dell'Italia meridionale , principe di una Salerno detta , universalmente , "opulenta" ; purtroppo il suo potere gli procurò ostilità ed isolamento politico ed il 3 giugno 1052 fu barbaramente trucidato da congiurati di palazzo , che avevano cospirato con i ribelli amalfitani .

Ad ereditare l'ingegno paterno fu Sichelgaita ma , per la sua condizione di donna , dovette dare spazio al fratello Gisulfo II , di lei più giovane ; ebbe però il suo ruolo di guida e di governo del Palatium , talché divenne subito famosa per le sue opere sociali e culturali .

Gli storici raffigurano Sichelgaita come un personaggio imponente e forte , più affascinante che bello : longilinea e slanciata , dall'incedere regale , sguardo penetrante e un'indole autoritaria non priva di personalità e misticismo .  La fama delle sue virtù giunse sino al potente Roberto il Guiscardo e ne fu affascinato .  questi colse l'occasione per chiedere la mano della principessa longobarda allorquando Gisulfo II gli inviò suo fratello Guido , per chiedergli aiuto contro le continue invasioni del principato ad opera di Guglielmo il normanno .

Roberto così si rivolse a Guido :" annuncia al principe Gisulfo che chiedo in sposa Sichelgaita , principessa di Salerno , sorella sua e tua . E' giunto a me ed alla mia gente la fama di donna avvenente , saggia , pudica e religiosa . sarà grande onore e gioia per il popolo normanno vederla sposa e signora del suo duce ".  Aggiunse che avrebbe divorziato da Alberada , da cui aveva avuto Boemondo .  Per motivi politici Gisulfo II tentò di ostacolare le nozze ed addusse che l'erario del principato non era , allora , in condizione di sostenere le spese totali .

Il Guiscardo , per tutta risposta , venne a Salerno , affrontò Gisulfo , gli confidò che prendere in sposa Sichelgaita significava il suo massimo ideale e gli gridò che avrebbe provveduto lui stesso ad assegnarle in dote le più ricche terre ed i più splendidi castelli di Calabria .

La fiaba diventava storia .  Gaita compiva allora 22 anni , conservava il titolo di principessa longobarda , acquisiva quello di duchessa normanna , diventava sposa di Roberto il Guiscardo , il biondo gigante dagli occhi azzurri , il più grande guerriero ed il più abile ed astuto statista del suo tempo , ma " rude analfabeta " .  Pur rimanendo nel suo ruolo , ella apporterà un concreto e fattivo contributo al successo di tutte le tappe politiche di Roberto , grazie alla sua cultura , alla sua rara saggezza , al suo sincero affetto coniugale .  I loro rapporti furono di una certa conflittualità : da una parte lei con la sua tenace longobardicità , a cui non abdicò mai , dall'altra lui , rozzo , con l'asprezza e l'inflessibilità dei vichinghi , sterminatori e privi di pietà .  Fu un freddo duello tra razze e civiltà diverse , una a suo sorgere , l'altra al suo tramonto ; riuscì sempre a prevalere il garbo , il fascino personale , l'eleganza e la nobiltà di Gaita .

Nell'aprile 1059 , con papa Nicolò II , ebbe luogo in Laterano , uno dei più rivoluzionari concili della storia , in cui furono sancite le norme che travolgeranno il tradizionale assetto della Chiesa .  I riformisti erano attenti alle possibili reazioni della corte tedesca e non potevano non pensare di coinvolgere i normanni , quali possibili difensori della strategia indipendentista della Chiesa .  Questa valutazione politica non sfuggì a Sichelgaita , la quale pensava ai vantaggi che poteva portare al marito l'avvio di un processo di pacificazione e di revisione degli antichi rapporti di conflittualità con il papato .

Cominciò allora un'abile opera per persuadere Roberto e favorire opportune intese ed alleanze : per quanto fiero , autoritario ed arrogante , il normanno accettò l'ingerenza di Gaita nelle sue determinazioni e manifestò al nuovo papa Nicolò II , il quale , forte dell'incoraggiamento degli ideologi riformisti , approfittò per indire subito un nuovo concilio a Melfi .

Sichelgaita volle provvedere all'intera organizzazione , riservando al pontefice un'accoglienza maestosa .  Roberto e Gaita si inginocchiarono dinanzi a lui con sentita umiltà e lui li abbracciò e benedisse : era questa una importante tappa della scalata dei normanni alla completa conquista del Mezzogiorno .  Furono confermate le norme appena sancite dal concilio lateranense , e , nella giornata conclusiva , il papa consacrò ufficialmente Roberto , duca di Puglia e Calabria , con la possibilità della conquista della Sicilia .  In cambio il Guiscardo si impegnò a difendere la Chiesa contro l'impero bizantino e germanico ed a garantire l'elezione del Papa secondo le norme del concilio .  Sichelgaita era felice di aver contribuito alla grande riconciliazione .

Alla fine del 1059 , nacque Ruggero , il primogenito ; verranno altri sette figli , due maschi e cinque femmine .  Gaita seppe coniugare brillantemente il ruolo di donna politica con quello di madre .

Purtroppo , i rapporti tra il papa Gregorio VII e il Guiscardo si incrinarono perché quest'ultimo aveva rifiutato di combattere i normanni che devastavano i territori della Chiesa negli Abruzzi .  Il Guiscardo mirava alla conquista di Salerno e ragioni politiche imponevano tale atteggiamento .  Fu perciò raggiunto , nel 1074 , dalla scomunica , con grande dolore di Gaita che ne rimase profondamente sconvolta .  L'esercito normanno mosse alla volta di Salerno nel maggio 1076 .  Sichelgaita , per evitare spargimento di sangue , escogitò ogni possibile tentativo e riuscì persino a convincere suo cugino , l'abate Desiderio di Montecassino a intercedere presso Gisulfo II per una risoluzione diplomatica della vicenda , ma inutilmente .

Alfano , vescovo di Salerno , dinanzi a tanta follia del suo principe , si rifugiò presso Roberto nella speranza che il suo gesto avrebbe fatto precipitare gli eventi .  Gaita era tormentata dalla sorte del fratello Gisulfo e si adoperò presso il marito affinché avesse il massimo rispetto del suo dramma e della sua dignità ; Roberto , seppure con riluttanza , ne raccolse l'appello .  Donò a Gisulfo II mille bisanti d'oro e gli concesse di rifugiarsi da papa Gregorio VII , che lo nominò governatore delle terre della Chiesa .

Il 13 dicembre 1076 i normanni entrarono in Salerno e l'occuparono : alla notizia dell'arrivo di Gaita accorsero i vecchi longobardi , gli amalfitani del vico di Santa Trofimena , gli ebrei del quartiere di Santa Maria de Dommo , gli schiavi saraceni , i profughi bizantini , tutti plaudenti a lei , loro speranza .  Era lei la vera grande trionfatrice e , nel vedere sgretolarsi la Longobardia Minore , giurava a se stessa di farla rivivere in suo figlio Ruggero .

Gaita tornò nella sua vecchia reggia e da consigliera abilissima , spinse il Guiscardo ad essere prodigo ed a ristrutturare chiese e conventi .  Nel 1080 si dava anche inizio alla costruzione del Duomo ; tanta dimostrazione di profonda devozione da parte di Roberto , indusse il Papa a liberarlo dalla scomunica .

Sichelgaita riprese anche a frequentare la scuola medica , in cui , dominava la figura di un gigante della medicina , Costantino l'Africano , profugo dalla nativa Cartagine , uno dei massimi veicoli della scienza araba nell'occidente .  Roberto volle donare a Gaita una nuova reggia , Castel Terracena , che , per merito suo , divenne un centro politico e sociale , culla del mecenatismo dei sovrani , all'attenzione dell'Europa :  Salerno assurse così a mediatrice tra l'oriente e l'occidente .

Purtroppo un pesante pensiero tormentava da sempre Gaita : era interiormente angosciata per la sorte della figlia Olimpiade , che era stata inviata alla corte di Costantinopoli quale promessa sposa .  L'evolversi degli eventi , nel 1078 , comportò , però , la deposizione dell'imperatore Michele Dukas per cui Olimpiade , poi divenuta Elena , fu relegata in un convento .

Tale situazione portò Sichelgaita ad appoggiare il progetto di Roberto di volgere contro Bisanzio ; fu una spedizione che assunse il carattere di una " precrociata " .  Venne allestita una flotta imponente sulla quale si imbarcò anche Sichelgaita .  Dopo Corfù , l'esercito normanno volse alla conquista di Durazzo .  Lo scontro fu di inaudita violenza , un'ala delle colonne normanne , guidata da Roberto e Boemondo , ebbe la meglio sulle truppe greche e veneziane , alleate , mentre un'altra ala stava per ripiegare .  Sichelgaita sentì cadere su di lei la responsabilità del momento : saltò a cavallo ed alla testa dei suoi uomini si lanciò impavida nella mischia .

Una freccia la colpì alla spalla sinistra e rischiò di essere fatta prigioniera , ma il suo coraggio risvegliò talmente l'ardire dei normanni che li portò alla vittoria .  Durazzo , il 18 ottobre 1081 , era conquistata :  Roberto corse incontro a Sichelgaita e l'abbracciò tra l'esultare e le acclamazioni dei soldati .  L'atto di coraggio fu così commentato da Guglielmo Appulo :" Dio la salvò perché non volle che fosse oggetto di scherno una signora sì nobile e venerabile ".

Purtroppo Roberto non poté continuare la spedizione verso l'Illiria perché , su invocazione di Gregorio VII , dovette muovere verso Roma , contro Enrico IV .  Giunto a Roma , nel maggio 1084 , con un esercito di seimila cavalieri e trentamila fanti , compì massacri di inaudita ferocia , talché Gregorio dovette partire in esilio al seguito del Guiscardo , perché il popolo lo riteneva colpevole elle sue disgrazie .  Fecero tappa a Montecassino : il Papa , benedettino , sperò di ritrovare lì la sua pace , ma l'ambizione di Roberto lo voleva nella capitale normanna , a Salerno , per cui dovette subire , quasi prigioniero , la volontà di chi era il vittorioso protagonista di una immane tragedia .

Sichelgaita fu felice di poter ricevere il Papa con accoglienze trionfali e subito organizzò la consacrazione solenne della splendida cattedrale che , con Roberto , aveva fatto costruire in onore di S. Matteo .  Era infatti necessario ripartire con urgenza per l'Oriente , ove l'esercito del Guiscardo era allo sbando .

Ai primi di ottobre del 1084 salparono da Brindisi , con una flotta di 120 galee , Roberto , Boemondo e Ruggero ; li accompagnava Sichelgaita per stare accanto al suo sposo , ormai settantenne , e per nostalgia della figlia Elena .

L'anno 1085 fu un anno funesto .  La gloria , per Salerno , di ospitare , tra le sue mura , quel gigante di pontefice non durò a lungo : il 25 maggio del 1085 , nel cenobio di S. Benedetto , esalò il suo spirito .  La sua morte lasciò attonito il mondo intero ; intorno a se , negli ultimi anni del suo supremo pontificato , si era svolta la vita di tutte le nazioni ed aveva tenuto testa a tutti e contro tutti , per tutelare i sacrosanti diritti della Chiesa .  Sichelgaita , lontana da Salerno , non pose mai freno alle lacrime e lo pianse come un padre .  Le reliquie del patrono S. Matteo e quelle di S. Gregorio sono state sempre il maggior orgoglio della basilica salernitana , che per averlo ospitato nel suo esilio ebbe l'onore di diventare " Chiesa Primaziale " .

Dopo meno di due mesi , moriva in Cefalonia , colpito da malattia epidemica , il Guiscardo : cedeva alla natura il 17 luglio 1085 , nel settantesimo anno di vita ; Sichelgaita , Boemondo e Ruggero , immersi nel più straziante dolore , sciolsero le vele verso la Puglia , con le sue spoglie mortali , che furono sepolte nella chiesa della Badia della SS. Trinità di Venosa .  L'autorevole cronista Guglielmo Appulo descrive con vivo realismo la commozione di Sichelgaita :" oh dolore ! che arò io sventurata ? dove potrò andarmene infelice ? Quando apprenderanno la notizia della tua morte i Greci non assaliranno forse me , tuo figlio e il tuo popolo , di cui tu solo eri la gloria , la speranza e la forza ? " .

Henric von Kleist , nella tragedia " la morte del Guiscardo "  di cui fu pubblicato un solo atto , rappresenta Sichelgaita mentre cerca di ristorare il marito bruciato dalla febbre e la figlia Elena , presente purtroppo solo nella rappresentazione tragica , che stringe sul petto la madre .  Dante Alighieri non dubitò di collocare il Guiscardo in paradiso , tra le anime di coloro che avevano ben amministrato la giustizia .

Il nove ottobre ancora di quell'anno , la morte colpì un altro personaggio non meno interessante per la storia di Salerno , l'arcivescovo Alfano I , medico e letterato .  Fu sepolto accanto alla tomba di Gregorio VII , suo amico , affinché la morte non valesse a separarli .  Fu un ulteriore dolore per Gaita , perdeva l'ultima sua guida , un amico di sempre , a lei congiunto in parentela , un longobardo cui aveva sempre confidato i suoi più intimi pensieri .

Ormai sola , si ritirò in Castel Terracena e continuò a prodigarsi in favore del figlio Ruggero Borsa .  Con illuminata intuizione attuò un antico " istituto longobardo " : decise di associarlo nel governo del ducato , fin quando non fosse sopita ogni polemica sulla successione .  La soluzione fu ben accolta a corte , dal patriziato , dal clero e dal popolo , i quali erano certi che l'esperienza e la saggezza della madre si sarebbero integrate con la giovanile intraprendenza del figlio .

A Boemondo furono assegnate le sue conquiste in Grecia e varie città pugliesi , quali Bari , Otranto e Taranto .

Anche questa volta fu Gaita a trionfare , fu il suo carisma che si impose . La scelta del " bicefalismo ducale " , come fu definito dagli storici , fu il modo più intelligente per scongiurare le lotte intestine ed assicurare il rilancio di un forte governo del ducato .  Sichelgaita , pur senza Roberto , riuscì , in forza delle sue possenti note caratteriali , a portare Salerno al culmine della sua potenza .  Essa non fu più solo " opulenta " e potenza militare ;  dalla tomba dell'evangelista S. Matteo e da quella di Papa Gregorio VII si levava il potente richiamo ai valori del cristianesimo militante .

Negli ultimi anni , Gaita si dedicò ad una vita di preghiera ; frequentava con molta assiduità la Badia di Cava , alla quale aveva fatto donare , sin dai tempi del Guiscardo , molti conventi e fu assidua benefattrice di Montecassino , cui la legava il vincolo di parentela con l'abate Desiderio , poi Papa Vittore III .  Sentì molto vivo anche il culto di S. Nicola di Bari .  Fu questo un periodo finalmente tranquillo , in pieno ardore religioso , in cui poté sostenere l'opera di moralizzazione della Chiesa .  In un momento di sconforto spirituale , rivelò a Gaitelprima , sua sorella , la sua ultima volontà : chiedeva d'essere sepolta a Montecassino .

Sichelgaita morì il 27 marzo del 1090 : i longobardi si sentirono privati di una madre , i normanni ebbero chiara coscienza che si dileguava l'ultima testimonianza del loro potere , gli umili la piansero affettuosamente .  Mentre il Guiscardo si era fatto seppellire nella SS. Trinità di Venosa , nel sacrario dei duchi normanni , dove , più tari Boemondo fece tumulare anche sua madre Alberada , Sichelgaita scelse , come sua ultima dimora , Montecassino .

Fu l'ultimo gran gesto di una figura maestosa della storia a noi più vicina ; volle farsi in disparte dando un forte segno d'umiltà , di quell'umiltà che connota i forti e che la pose nella leggenda .

 

 

 

 


 

Fonte : scritti del Cavaliere di Gran Croce Generale Giovanni Napolitano , Preside della Sezione de' Principati dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme .