ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  RUBRICHE AUTORI : Carlo Sarno :  Per una definizione di Arte Cristiana

 

Carlo Sarno

PER UNA DEFINIZIONE DI ARTE CRISTIANA :

14° parte - Libertà e Incarnazione : essenza dell'Arte Cristiana

 

 

 

L’artista per poter esprimere il meglio di sé deve trovarsi in una condizione di piena libertà, non può essere ancorato a remore che ostacolino il suo spirito creativo, la sua intuizione poetica, la sua ispirazione “illuminata”.

Spesso, e ancor più negli ultimi tempi, sembra che l’artista per raggiungere la sua libertà debba essere per forza un anarchico, un controcorrente, un esperto di controcultura , un aspetto questo che affonda il suo comportamento nella figura del bohémien romantico o del poeta maledetto dell’ottocento. 

Si allontana dalla legge morale, tende alla trasgressione di principio, ripudia la quotidianità, e così facendo si fa schiavo di sé stesso e della sua arte narcisistica, egotista, spezzando la fraternità con i suoi simili e - di conseguenza – ribellandosi alla volontà di amore di Dio. Tutto questo è vero in generale, anche se ci sono le dovute e sofferte eccezioni.

Essere libero non implica il diritto di dire e fare qualsiasi cosa : si cade nell’errore e nel peccato di orgoglio di sentirsi autosufficienti e di avere come unico fine il proprio interesse ed il proprio piacere.

Si perde in tal maniera tutta la funzione sociale dell’arte, costruttiva di una coscienza del bene comune, di difesa di valori antropo-strutturali della civiltà, cadendo facilmente in utopiche quanto evanescenti chimere.

E qui riappare in tutta la sua luce l’importanza del connubio della vera libertà con il mistero dell’incarnazione di Dio.

L’uomo che si affida a sé stesso ha una concezione della libertà limitata e fallibile. Rifiutando il disegno d’amore di Dio si è auto-ingannato ed è divenuto schiavo del peccato. Dio ha donato all’uomo il potere di “agire o non agire” , di deliberare se  “fare il bene o il male”. 

Benché la nostra libertà è intaccata a causa del primo peccato e indebolita ancor più dai peccati successivi, noi sappiamo che  “…Cristo ci ha liberati perché restassimo liberi…” (Gal 5,1). Con la sua croce gloriosa Cristo ha ottenuto la salvezza di tutti gli uomini.  In Lui abbiamo comunione con la verità che ci fa liberi (Gv 8,32).  Con la sua grazia lo Spirito Santo ci conduce alla libertà spirituale, per farci suoi liberi collaboratori nella Chiesa e nel mondo . Scrive S.Paolo “…dove c’è lo Spirito del Signore c’è libertà…” (2Cor 3,17).

  “…Quanto più si fa il bene, tanto più si diventa liberi.  La libertà raggiunge la propria perfezione quando è ordinata a Dio, sommo Bene e nostra Beatitudine…”.

In tal senso la grazia di Cristo non contrasta la nostra libertà personale, anzi la alimenta quando questa è in sintonia con il vero, il buono e il giusto che Dio ha messo nel cuore di ogni essere umano.

E’ in questo modo che avviene l’unione in Dio della nostra libertà con il mistero dell’incarnazione. Rendendoci simili al Figlio di Dio, incarnando lo Spirito di Dio, uniformiamo la nostra volontà alla volontà di Dio pur conservando nell’azione, e nel caso specifico nell’arte, la nostra personale e caratteristica intuizione artistica.

In altre parole, l’artista cristiano realizzando le sue opere d’arte in armonia con la volontà di Dio e quindi con il bene comune, perviene ad una Arte Cristiana in sintonia con l’essenza integrale del suo essere persona libera e responsabile, ma che contemporaneamente è espressione organica e veritiera dello splendore e bellezza dell’Amore di Dio.

 

 

 

(continua...)

 

 

 

 

 

N.B. : le citazioni sono tratte dal Catechismo della Chiesa Cattolica (Parte Terza, 1°Sez., Cap.1°, Art.3: La libertà dell’uomo), Libreria Editrice Vaticana ,1992.

 


 

Fonte : parole , scritti e appunti di Carlo Sarno , sito personale :  www.carlosarno.it

Articolo pubblicato sul sito ARTCUREL  il 15/08/2005 .

 

PER UNA DEFINIZIONE DI ARTE CRISTIANA , di Carlo Sarno

Indice :

1°parte - Gesù Cristo fondamento dell'Arte Cristiana (16/07/2004)

2°parte - Il bello , il buono , il vero (22/08/2004)

3°parte - Escatologia e sintropia (18/09/2004)

4°parte - Arte Cristiana come lode a Dio (23/10/2004)

5°parte - L'Arte Cristiana è un "cammino" (14/11/2004)

6°parte - La funzione e la forma nell'Arte Cristiana (19/12/2004)

7°parte - "Ab intra ad extra" - Dall'interno all'esterno  (19/01/2005)

8°parte - La Bibbia "sorgente viva" dell'Arte Cristiana  (16/02/2005)

9°parte - L'Arte Cristiana è umile  (19/03/2005)

10°parte - Rivelazione e apostolato  (18/04/2005)

11°parte - Carità come finalità dell'Artista Cristiano  (18/5/2005)

12°parte - Il Sacramento della Luce nell'Arte Cristiana  (15/6/2005)

13°parte - Arte e Virtù Cristiane: l'Artista Santo  (16/07/2005)

14°parte - Libertà e Incarnazione: essenza dell'Arte Cristiana  (15/08/2005)

15°parte - L'Arte Cristiana è l'Arte del Risorto !   (15/09/2005)

 

Si consigliano anche sull'argomento dell'Arte Cristiana i seguenti articoli di Carlo Sarno : 

1)  MANIFESTO DELL'ARTE CRISTIANA , di Carlo Sarno OESSG  , pubblicato il 31 maggio 2006 sul sito ARTCUREL : Arte , Cultura e Religione

2)  Maria , modello sublime per l'Arte Cristiana , Carlo Sarno OESSG , pubblicato il 4 novembre 2005 sul sito ARTCUREL : Arte , Cultura e Religione