ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  RUBRICHE AUTORI : Clara Antoniani Di Gennaro : Approfondimenti teologici 

 

CRISTO RE

      di  Clara Antoniani Di Gennaro

 

La liturgia ha sdoppiato la festa del'Ascensione, festa che commemora l'ascesa al cielo di Cristo esprimendo in termini di locazione ed è stata così instaurata la festa di "Cristo Re" che si celebra nell'ultima domenica dell'anno liturgico. Si evidenzia così che il potere, che Gesù Cristo già ha come essere divino, lo riceve anche nella sua natura umana.

Nell'intronizzazione "alla destra" del Padre c'è quindi il conferimento del potere regale con l'esaltazione celeste del corpo: è Cristo Re con potere assoluto.

 

Questa realtà umana di Cristo diviene perenne perché assunta definitivamente dalla persona divina che è eterna. Il potere regale attribuito al Messia, vero Dio e vero uomo, lo pone non solo al di sopra di tutta l'umanità, ma anche al di sopra di tutti gli esseri celesti e dell'intero universo. "Ogni potere mi è stato dato in cielo e in terra" (Mt. 28,19). Nei confronti degli uomini questo potere tende a procurare la salvezza dell'umanità tutta: "Il Figlio dell'uomo è venuto a cercare di salvare ciò che era perduto" (Lc.19,10), per cui ha potere di intercessione, di conversione, di missione apostolica (ricordiamo le ultime parole di Gesù: "Andate dunque ad istruire tutte le nazioni. Mi sarete testimoni fino ai confini della terra"(Mt. 28,19)).

 

Il potere di più alto valore è il potere vivificante che il "Figlio" effonde nell'umanità, lo Spirito Santo, la "Grazia" per cui l'uomo avrà la forza di elevarsi a filiazione divina raggiungendo così il fine e lo scopo della creazione: Dio Amore vuole dei figli nel Figlio Suo a cui partecipare la Sua "Gloria". "Si aperse in altri amor l'eterno Amore!" (Dante, Paradiso, canto 29).

 

Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del Suo Figlio che grida: "Abbà, Padre!" (Gal. 4,6).

A noi che con gli Apostoli gli chiediamo: "Signore, insegnaci a pregare!". Gesù risponde: "Quando pregate dite: "Padre...".

E col Suo sacrificio l'EFAPAX" che Cristo realizza il fine di ogni sacrificio: unire l'umanità a Dio.

Noi esultanti vogliamo renderGli grazie per la Sua gloria immensa !

 

 

 

 


 

Fonte : scritti e appunti della teologa  Clara Antoniani Di Gennaro .