ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  RUBRICHE AUTORI :  Monastero Janua Coeli , O.Carm. :  Dio ci chiama

O.Carm. Logo 

Sr. Maria Teresa della Croce, O.Carm.

DIO CI CHIAMA


 

Via, verità e vita

V domenica di Pasqua A

24 aprile 2005

At 6, 1-7

1 Pt 2,4-9

Gv 14,1-12

LETTURA

Il testo (Gv 14, 1-12)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molti posti. Se no, ve l'avrei detto. Io vado a prepararvi un posto; quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io. E del luogo dove io vado, voi conoscete la via”. Gli disse Tommaso: “Signore, non sappiamo dove vai e come possiamo conoscere la via?”. Gli disse Gesù: “Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se conoscete me, conoscerete anche il Padre: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto”. Gli disse Filippo: “Signore, mostraci il Padre e ci basta”. Gli rispose Gesù: “Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre. Come puoi dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me; ma il Padre che è con me compie le sue opere. Credetemi: io sono nel Padre e il Padre è in me; se non altro, credetelo per le opere stesse. In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre”.

Momento di silenzio

Lasciamo che la voce del Verbo risuoni in noi.

 

MEDITAZIONE

Domande

Non sia turbato il vostro cuore… Un cuore che si lascia turbare? È facile per chi è abituato a vivere accanto al Maestro rimanere sconvolti per la prospettiva futura di una assenza prolungata del punto di riferimento della propria vita. Il cuore si turba quando la vita sembra spegnersi… E noi siamo facilmente soggetti al turbamento?

Chiave di lettura

Come non turbarsi al sentire dalla persona che si ama che sta per lasciarci? È la fede l’unico luogo in cui il turbamento del ritrovarsi smarriti nel cuore si trasforma in attesa, dolorante s, ma colma di trepida certa speranza. Il posto che Gesù va a preparare per noi ci fa pensare che siamo nel suo desiderio, che in realtà non si allontana da noi. Non lo vediamo, ma lui è con noi perché il posto che sta preparando è per noi. Il nostro nome è nel suo sentire, tra i suoi pensieri, inciso nelle sue cellule innamorate. E i posti non sono limitati. Ognuno ha il suo, perché la barca di ogni suo figlio ha lasciato invisibilmente al molo dell’eternità la sua presenza, quale pegno di riconoscimento personale. Nessuno può sottrarla all’altro, né sostituirla in uno scambio di fortuna, perché il custode è il Padre stesso. Un molo, un legame che fa memoria nelle fibre terrene del tempo. Quella nostalgia per una verità senza sfumature che sanno di falso, per una vita che non si esaurisce mai, ma si accresce nell’andare traccia la via a quel molo… Gesù fa sì che la via non sia un sentiero approssimativo verso un ritorno indefinito, ma una possibile esperienza di ri-appropriazione della nostra dignità di figli alla luce della misericordia riversata nelle nostre tribù di peccatori. Non è importante sapere dove va Gesù, ciò che conta è seguirlo perché la via delle sue orme porterà a destinazione. La nostra fatica? Fare in modo di non perdere la via, perché al Padre si è certi di tornare solo tramite lui. Conoscerlo, vederlo è il mistero insondabile delle immensità quotidiane che attraggono, di quelle porte di confine che sono sulle cose di sempre, apparentemente possedute ma che celano sempre sigilli da infrangere. E non prendiamocela allora se Gesù ci chiama “Filippo”, colui che non ha conosciuto Gesù, pur essendo stato tanto tempo con lui. Quando il volto del Padre non è per noi visibile probabilmente il volto dell’uomo di fronte a noi è una porta che abbiamo lasciato chiusa come per Filippo che ha visto Gesù ma senza conoscerlo per quello che veramente è. Credere in lui: è questa la chiave per apporre la firma di Dio alle opere umane, questa la lente per riconoscere nelle opere umane l’agire del Padre.

 

PREGHIERA

Io concederò nella mia casa e dentro le mie mura un posto e un nome migliore che ai figli e alle figlie; darò loro un nome eterno che non sarà mai cancellato (Is 56,5) … ed ecco un posto riservato. (Ez 46,19).

 

CONTEMPLAZIONE

Io credo, Signore. E la mia fede è un sussurro di vento sulla roccia del tuo Amore per me. Come in filigrana io vedo il tuo volto in quest’oggi che scivola via come onda lenta di supplice e attonito stupore… un volto dai tratti profondamente umani, dolci e forti come sono gli uomini. Che non ti releghi, mio Dio, nelle dolcezze estatiche distanti di pochi privilegiati, ma ti sappia incontrare nei pugni alzati di pugili esausti che combattono sul ring della sopravvivenza ogni istante e tremano di spavento al sovrastare delle forze brutali o finemente insidiose. Dagli squarci riarsi di vendette e rancori l’acqua del conforto e il sangue della salvezza giungano alle perle malate delle mie bellezze, spesso vagamente presunte ma tremendamente veraci quali veli di apparente fuga da me. Signore, che io ti conosca… perché quel posto che tu prepari io lo possa fin d’ora vedere in ogni varco di umanità che si apra ai miei  passi. Là dove tu abiti, Figlio dell’uomo, che io sia!

 

 

 


 

Fonte :  Monastero Janua Coeli -  Santuario dell’Addolorata (Comunità monastica carmelitana),  58010 Cerreto di Sorano GR  tel. 0564.633298-633073, fax 0564.632742 , ccp 11855582,  e-mail:  monastero@januacoeli.it ; sito web:  www.januacoeli.it  ,  www.monasterodicerreto.it www.monastero.org  ,   www.tribudeldeserto.it http://it.groups.yahoo.com/group/parola_della_domenica/   .