ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                    

  RUBRICHE AUTORI : Ugo Abate  : Riflessioni Teologico Spirituali

  

Ugo  Abate

La pace e l'unità sono frutti dell'amore, che viene da Dio e da Dio agli uomini, attraverso ogni uomo

 

 

 

  

Quando si vede, girando per il mondo, anche solo via etere, tramite la radio, la televisione od i giornali o tramite internet, tante forme di violenze, guerre, discussioni e diverbi fra religioni, fra partiti politici, nazioni, associazioni, gruppi, all’interno della stessa Chiesa e persino della Chiesa Cattolica, quando si vedono famiglie in cui spesso ci sono litigi tra i coniugi, tra i coniugi ed i figli, tra i figli fra loro, tra nuora e suocera, tra cognati e cognate e quant’altro, chissà perché si resta interdetti ed impotenti, il più delle volte, in quanto non capiamo il perché di quanto accade, oppure scorgiamo motivi prettamente ed apparentemente solo materiali e spesso considerati apparentemente banali!

In realtà, alla base di tutto, vi è una sola cosa, causa di tutto: la mancanza d’Amore!

Dio è Amore e dove c’è l’Amore fra le persone c’è anche Dio. E dove c’è Dio, c’è anche la pace e l’unità, perché Dio è anche Unita, Egli che è Uno in tre Persone.

Quindi, alla base d’ogni cosa, d’ogni tipo di discordia, qualunque sia la causa apparente esterna, vi è solo e sempre una ed una sola causa interna: la mancanza di Dio dentro l’anima e la mancanza d’Amore tra le persone.

“ Amatevi gli uni gli altri” -dice Gesù nel Vangelo- “ come Io ho amato voi, fino a dare la vita per voi!”

Non ci si lamenti, dunque, se ora non va bene questo od ora quello! Siamo realisti, siamo sinceri! Ove è presente disamore, sono presenti anche mormorazioni, giudizi, calunnie, maldicenze, critiche per le critiche e non già giudizi o meglio valutazioni costruttive! In tutto ciò non c’è e non può esservi amore, non c’è amore in coloro che nutrono questi sentimenti e che agiscono e parlano in tal modo!

Certo, di fronte ad un tale discorso si può benissimo fare come lo struzzo che, di fronte al pericolo, mette la testa sotto la sabbia! Ma noi, esseri umani, non siamo degli animali e, se proprio vogliamo fare come lo struzzo, allora non stiamo tanto a lamentarci, ora di questo, ora di quello!

O si ama o non si ama! Vie di mezzo non ve ne sono e non ve ne devono essere. E se pure la trovassimo, essa è detta anche la via dell’indifferenza, della tiepidezza. Ma l’indifferenza fa parte ed appartiene alla famiglia dell’odio, come ne fanno parte le antipatie, le discriminazioni, i settarismi e quant’altro!

Ma non bisogna disperare! Vogliamo migliorare un po’ il mondo che ci circonda, la propria famiglia od anche l’ambiente di lavoro? Amiamo il più possibile e perdoniamo sempre e tutti, sopportando con pazienza le persone moleste e negative (cosa non facile!!!). Se realizzeremo ciò e se persevereremo in ciò, anche queste ultime, se Dio lo vuole e se queste persone non sono refrattarie in modo assoluto, anch’esse riusciranno, prima o poi, a migliorare, fossero anche le peggiori e, cambiando in meglio, si ravvederanno dal loro comportamento sbagliato e negativo. Accadesse ciò anche persino solo in punto di morte, Dio le perdonerà lo stesso e l’Amore, ancora una volta dimostrerà che è veramente la forza che governa e sostiene tutto l’Universo e che, seppur momentaneamente ciò non sembrerebbe, alla fine trionfa sempre e trionferà per sempre!

Dice Gesù: “ Ama e taci!” Dio è Amore e per Amore, se non si attinge da Lui, mai si potrà realizzare nulla di buono. Dice ancora Gesù: “ Imparate da Me, che sono mite ed umile di cuore!”

Quindi, la ricetta, la soluzione c’è stata data una volta per tutte, se la vogliamo far nostra e se decidiamo di migliorare noi stessi ed il mondo tutto che ci circonda, vuoi pure nel nostro piccolo ambito familiare e lavorativo e delle amicizie in genere.

 

 

 

 

 


 

Fonte : Dal libro "Un figlio di un grande albero" , di Ugo Abate; chi è interessato al libro, essendo edito in proprio,  può contattare l'Autore scrivendo a ugoabate@libero.it   , oppure telefonando al n° 3291861293.