ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  TERRA SANTA  : in Terra Santa , con la promessa di ritornare

 

Gabriella Mian

IN TERRA SANTA , CON LA PROMESSA DI RITORNARE

       

 

" Beato chi trova in te la sua forza e decide nel suo cuore il santo viaggio . Cresce lungo il cammino il suo vigore , finché compare davanti a Dio in Sion " (Sal. 84,6.8).

Con le parole di questo salmo vorrei comunicare qualcosa del mio pellegrinaggio ( il primo ! ) in Terra Santa .  Prima di partire , non solo desideravo vedere i luoghi dove Gesù ha vissuto , calpestare le strade che lui aveva percorso , ma desideravo anche entrare in contatto con questa gente ( israeliani e palestinesi ) , stanca di una guerra che sembra non aver fine , ed essere solidale con i cristiani che vivono lì , sia con la mia presenza , che con l'acquisto di oggetti locali per dare loro un aiuto concreto . Né il terrorismo psicologico che in questi ultimi tre anni i mass-media stanno portando avanti per scoraggiare le persone a partire , né il timore ( comprensibile umanamente ) delle persone a me care , mi hanno fatta desistere dalla decisione che avevo presa .

Ricordo brevemente alcuni momenti forti di questo pellegrinaggio : l'applauso degli ebrei quando siamo atterrati all'aerioporto  di Ben Gurion ( Tel Aviv ) , applauso che esprimeva la loro ( ma anche la nostra ) gioia di essere lì ; la terra fertile della Galilea , ricca di banani , manghi , datteri , ulivi e buganville ( fiori dai colori più svariati ) , ha riempito i miei occhi e mi hanno fatto gustare la bellezza della creazione ; l'orizzonte sconfinato e brullo del deserto roccioso della Giudea mi ha fatto toccare con mano la precarietà dell'uomo che , solo nel deserto , impara a fidarsi di Dio ; la barriera di sicurezza anti-terrorismo ( chiamata dagli israeliani " security-fence " ) , che costeggia  il confine tra Israele e Giordania ... la strada d'accesso a Gerico , chiusa da cemento armato e filo spinato , e il fossato profondo che circonda la città ... il check-point prima di entrare a Betlemme e i chilometri di filo spinato che circondano il paese dove è nato Gesù ... hanno ferito profondamente il mio cuore , che continua ad invocare la pace per questa terra e per questa gente ; la preghiera fatta al Kothel o Muro occidentale degli ebrei e il rotolino di carta , che ho infilato anch'io in una fessura del muro , mi hanno fatto sentire in comunione con il popolo ebreo , anch'esso vittima al pari del popolo palestinese ; la riconoscenza dei cristiani che abbiamo incontrato , per il nostro essere lì , sfidando la paura della morte che è nel cuore dell'uomo , mi ha commossa ; la dignità della gente che , pur vivendo in una grande povertà , non chiede l'elemosina , ma cerca di vivere del frutto del proprio lavoro , mi fa stimare ancora di più di questi miei fratelli , martoriati da una violenza folle ed assurda .

In questa situazione di disperazione non ci sono né vinti , né vincitori , perché tutti - israeliani e palestinesi - sono stanchi di questa guerra e vogliono la pace . I cristiani che oggi hanno il coraggio di andare in Terra Santa diventano agli occhi del mondo pellegrini di pace e di speranza .

Ho promesso ai cristiani di lì che avrei continuato a pregare per loro e che un giorno , se il Signore vorrà , sarei ritornata ancora in mezzo a loro : unitevi a questa mia promessa  , perché tutti apparteniamo a quella Terra Santa , la Terra del Santo .

Termino con le parole del Talmud ebraico , che vogliono essere un augurio di pace : " Il più grande combattente è colui che sa trasformare un nemico in amico " .

 

 

 


 

Fonte : articolo-testimonianza della religiosa di Treviso  Gabriella Mian , pubblicato sul quotidiano L'Avvenire dell' 11 ottobre 2003 .