ARTCUREL : Arte, Cultura e Religione


  (Art, Culture and Religion - 艺术, 文化和宗教 )

   www.artcurel.it ---  info@artcurel.it / artcurel@libero.it   ---   prima pagina 

 ARTCUREL: Art, Culture and Religion , is a catholic christian portale on the universal artistic and cultural expression .


   bull191.gif (659 byte) ARTCUREL GIOVANI bull191.gif (659 byte)    

 

Un luogo culturale dove Arte , Cultura e Religione si incontrano con tematiche per i Giovani .

 

 

 

 

 

ARTCUREL Giovani , ARTCUREL Bambini , ARTCUREL Anziani 


 

 

 

 ARGOMENTI :

Arte , Cultura , Religione , Varie , Links

ULTIMI INSERIMENTI IN  ARTCUREL GIOVANI :     

 

 

 

 

 " Voi siete il sale della terra...
voi siete la luce del mondo..."

...il più grande desiderio dell'uomo contemporaneo è quello di voler scoprire il volto di Cristo attraverso la testimonianza di una vita impegnata per il Vangelo .  La società di oggi ha nausea delle parole e dei discorsi vuoti , vuole i fatti .  Nella testimonianza cristiana la vita e la Parola di Dio si corrispondono ; la vita prova l'autenticità del messaggio , perché la condizione umana è realmente cambiata .  E' un tempo , quello che viviamo , in cui bisogna gridare il Vangelo con la vita . La Chiesa , oggi , respinta o assente come istituzione , si concentra e si manifesta nella vita del credente che vive la Parola .   Questi , con il suo stile di vita , attesta la presenza della salvezza del mondo .  Con il suo amore reso servizio ai fratelli , porta gli uomini a interrogarsi sullo spirito che li muove e sulle origini di questo spirito.  Allora è possibile che l'incontro con Cristo e la sua Parola , nel suo testimone , penetri nell'intimo di coloro che gli sono vicini e li conduca alla esperienza forte di Dio che salva ...    don Giorgio Zevini SDB

TUTTI I GIOVANI UNITI SOTTO LA CROCE !

La Chiesa rilancia il messaggio del Vangelo !!!  Quando i Giovani e la Chiesa camminano insieme si può davvero cambiare tutto !!!   La G.M.G. una vocazione seminata da Dio all'interno della Chiesa !!! La G.M.G. un incontro con Cristo inteso come pienezza di vita, gioia e amore !!!  

 

Cari Giovani "non abbiate paura" di mostrare la vostra fede !!!

 

" ERITIS  MIHI  TESTES ! "

...siate miei testimoni !


"Grazie a Dio per il cammino delle Giornate Mondiali della Gioventù! Grazie a Dio per i tanti giovani che esse hanno coinvolto lungo questi anni! Sono giovani che ora, diventati adulti, continuano a vivere nella fede là dove risiedono e lavorano. Sono certo che anche voi, cari amici, sarete all’altezza di quanti vi hanno preceduto. Voi porterete l'annuncio di Cristo nel nuovo millennio" Papa Giovanni Paolo II 

 



 

"Cosa vuole che i giovani ricordino di frère Roger ?" ,

viene chiesto a frère Alois, successore di frère Roger di Taizé , risponde :

" Che la vita ha senso quando si dona !!!

 - questo ha voluto trasmettere frère Roger -

che la vita ha un valore inestimabile !!!  "

 

image

 


 

 

SPENDI  L'AMORE

di Anonimo

 

Spendi l'amore

a piene mani!

L'amore è l'unico tesoro

che si moltiplica per divisione:

è l'unico dono che aumenta

quanto più ne sottrai.

E' l'unica impresa nella quale

più si spende e più si guadagna:

donalo, diffondilo,

spargilo ai quattro venti,

vuotati le tasche,

scuoti il cesto,

capovolgi il bicchiere

e domani ne avrai più di prima.

 

 


 


 

 

Tante volte Ti ho chiesto Signore: 
Perché non fai niente per quelli che muoiono di fame? 
Perché non fai niente per quelli che sono malati? 
Perché non fai niente per quelli che non hanno una casa? 
Perché non fai niente per quelli che subiscono ingiustizie? 
Perché non fai niente per quelli che sono vittime della guerra? 
Perché non fai niente per quelli che non ti conoscono?
Io non capivo, Signore. 
Allora Tu mi hai risposto:

io ho fatto tanto, io ho fatto tutto quello che potevo fare,

io ho dato la mia vita per amore,

io ho creato te!
Adesso capisco, Signore:

io posso sfamare chi ha fame, io posso visitare i malati, 
io posso adoperarmi per chi non ha una casa,

io posso combattere le ingiustizie,

io posso creare la pace,
io posso fare conoscere Te.

Ora Ti ascolto, Signore.
Ogni volta che incontro il dolore Tu mi chiedi: perché non fai niente?
Aiutami, Signore, ad essere le Tue mani !!!

 


 


 

CARTA DEI GIOVANI

 

Dal confronto con i giovani di oltre 400 gruppi è nata la CARTA DEI GIOVANI:
il manifesto del loro impegno, per un cambiamento che dia futuro all’umanità.

 

  • Voglio trovare il senso per la mia vita, che è unica ed irripetibile, per viverla senza guerra, violenza, paura e sperare nel futuro.

  • Mi impegno perché ogni uomo e donna possa valorizzare le proprie potenzialità e perché nessuno sia sfruttato.

  • Voglio capire cosa è il bene e cosa è il male, voglio vivere in un mondo dove esiste il perdono e dove la vendetta sia abolita.

  • Mi impegno a cambiare vita se ho sbagliato.

  • Voglio lottare contro le schiavitù che ci hanno proposto come libertà e che hanno ucciso troppi ragazzi e ragazze.

  • Mi impegno perché tutti abbiano accesso agli strumenti per comunicare e l’informazione sia al servizio della persona.

  • Voglio amare e capire, nella libertà, che cosa è la verità.

  • Mi impegno perché il lavoro possa essere un bene per tutta l’umanità.

  • Voglio avere la libertà di coscienza e di professare la mia fede in ogni parte del mondo.

  • Mi impegno perché tutte le risorse e le ricchezze siano usate ed equamente distribuite per contribuire a costruire un mondo migliore, e voglio che la terra sia rispettata.

  •  

     

      

     

    Presentazione della CARTA DEI GIOVANI

    Dal confronto con i giovani di oltre 400 gruppi è nata la Carta dei giovani: il manifesto del loro impegno, per un cambiamento che dia futuro all’umanità.
    Dieci punti che racchiudono le loro speranze, le loro migliori volontà. Una carta che non utilizza il linguaggio giuridico, perché vuole parlare più in profondità al cuore di ogni donna e di ogni uomo; non si ferma alla misura della giustizia e del diritto, perché intende affermare i valori dell’amore e della fraternità.
    I giovani chiedono di ridisegnare il mondo partendo da loro.
    Lo chiedono a uomini e donne di ogni nazione e cultura che credono al bene e alla pace;
    lo chiedono ai Grandi della terra, che possono andare sulla Luna e su Marte, ma anche dichiarare guerra ad un Paese e distruggerlo;
    lo chiedono ai Grandi della comunicazione, che possono trasformare il vero in falso e il falso in vero;
    lo chiedono ai Grandi dell’economia e della finanza, che sono nella tentazione continua di fare del profitto il fine e non il mezzo;
    lo chiedono ai Grandi della scienza e della filosofia, che corrono il rischio di strumentalizzare la ricerca e la cultura;
    lo chiedono ai responsabili delle Grandi Religioni, che a volte trasformano “Dio” in “Odio”;
    lo chiedono ai Grandi persuasori e maestri dell’effimero che possono spegnere nell’umanità la ricerca di significato.
    Chiedono a tutti di aprirsi al cuore e all’intelligenza dei giovani.

     

    Per approfondimenti :  www.giovanipace.org  ;  www.sermig.org  ;  www.arsenaldaesperanca.org.br

     



     


     

     

     LETTERA DI PAPA GIOVANNI PAOLO II

    AI GIOVANI DI ROMA

     

     IN OCCASIONE DELLA MISSIONE CITTADINA

     E  DEL GIUBILEO DEI GIOVANI

    IN PROGRAMMA PER L'ESTATE DEL 2000

       

    Carissimi giovani di Roma!

     

    1. Ripenso con gioia alla XII Giornata Mondiale della Gioventù, svoltasi a Parigi nello scorso mese di agosto. È stata una straordinaria esperienza spirituale, di cui rendo grazie al Signore. Al termine della Celebrazione Eucaristica nell’Ippodromo di Longchamp, che ha chiuso quell’indimenticabile incontro, ho dato appuntamento ai giovani del mondo intero a Roma, nell’estate dell’Anno 2000, per il Giubileo dei Giovani.

    Voi, giovani di Roma, siete fin d’ora interessati a così importante evento, che richiede una intensa preparazione organizzativa, ma prima ancora e soprattutto spirituale. Intende contribuire a questo scopo la Missione cittadina, che si rivolge ora in maniera speciale al mondo giovanile. Il suo titolo è “Apri la porta a Cristo tuo Salvatore”. Ma per poter annunciare e testimoniare Cristo, occorre conoscerLo ed incontrarLo personalmente.

    Soltanto chi ne fa un’intensa e profonda esperienza è in grado di parlarne efficacemente agli altri. Solo chi frequenta assiduamente questo divino Maestro può condurre a Lui i fratelli. Egli è l’unica persona capace di rispondere pienamente alle aspettative di ogni essere umano.

    Ne avete certamente sentito parlare fin da piccoli. Consentitemi però una domanda: Lo avete incontrato veramente? Avete fatto, nella fede, esperienza viva di Lui come di un amico leale e fedele, oppure la sua figura vi appare troppo estranea ai vostri reali problemi per suscitare ancora interesse?

    Gesù non è solo un grande personaggio del passato, un maestro di vita e di morale. È il Signore risorto, il Dio vicino ad ogni uomo, con il quale si può dialogare, sperimentando la gioia dell’amicizia, la speranza nella prova, la certezza di un futuro migliore.

    Egli ha stima di ciascuno di voi ed è pronto a svelarvi il segreto di una vita pienamente riuscita ed a porsi al vostro fianco per aiutarvi a rendere la vostra Città più umana e solidale.

     

    2.Cari giovani, fidatevi di Gesù Cristo! Fidatevi di Lui, come quel ragazzo di cui si parla nell’episodio evangelico della moltiplicazione dei pani e dei pesci (cfr Gv 6,1-13). Racconta l’evangelista Giovanni che una grande folla seguiva Gesù. Vedendo tutta quella gente, Egli chiese all’apostolo Filippo: “Dove possiamo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?”. Si trattava di una domanda provocatoria: in quella circostanza era arduo procurare pane per sfamare un così gran numero di persone. Osservarono giustamente i discepoli: “Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo”. In realtà, Gesù voleva mettere alla prova la loro fede: Egli contava non su un’adeguata disponibilità di beni materiali, ma sulla loro generosità nell’offrire il poco che possedevano.

    Generosità: questo sentimento affiorò nel cuore di un ragazzo, che si fece avanti e offrì cinque pani d’orzo e due pesci. Troppo poco, pensavano i discepoli: “Che cos’è mai questo infatti per tanta gente?”. Gesù apprezzò il gesto di quel vostro coetaneo e, presi i pani, dopo aver reso grazie, li distribuì alla gente e lo stesso fece con i pesci. Ciò che l’umana ragione non osava sperare, con Gesù divenne realtà grazie al cuore generoso di un giovanetto.

     

    3.Ecco, giovani di Roma, il compito importante che vi è affidato: diventare, come il ragazzo del Vangelo, protagonisti generosi di un cambiamento che segni il futuro vostro, della Chiesa che è in Roma e dell’intera Città. Preghiera e contemplazione, silenzio e ascesi personale vi aiuteranno a maturare nella fede e nella consapevolezza del vostro compito apostolico. Per fare questo è necessario che prendiate coscienza di ciò che possedete, dei vostri cinque pani e due pesci, cioè delle risorse di entusiasmo, di coraggio e di amore che Dio ha messo nel vostro cuore e nelle vostre mani, talenti preziosi da investire per gli altri.

    Riscoprite il valore della vostra persona, dove lo Spirito di Dio dimora come in un tempio; imparate ad ascoltare la voce di Colui che è venuto ad abitare in voi mediante i sacramenti del Battesimo e della Cresima, la voce del “Paraclito” – come lo chiama Gesù (cfr Gv 14,16.26) –, di Colui che ammaestra e sostiene, difende e consola, del dolce Ospite dell’anima.

    Grazie allo Spirito Santo, che scaccia dal cuore ogni timore e rende interiormente liberi, sarete in grado, specialmente durante lo svolgimento della Missione cittadina, di imprimere alla Città quel “supplemento d’anima” di cui parlava il mio venerato predecessore, il Servo di Dio Paolo VI, recando il vostro contributo per valorizzarne appieno le potenzialità.

     

    4.Lo Spirito suscita nel cuore d’ogni uomo il desiderio della verità. La verità che ci rende liberi è Cristo, il solo che può dire: “Io sono la verità” (Gv 14,6) e aggiungere: “Se rimanete fedeli alla mia parola, diventerete miei discepoli, conoscerete la verità e la verità vi farà liberi” (Gv 8,31-32).

    Molti di voi studiano, altri già lavorano o sono in attesa di una occupazione. È importante che tutti diventiate ricercatori appassionati della verità e suoi intrepidi testimoni. Mai dovete rassegnarvi alla menzogna, alla falsità ed al compromesso! Reagite con vigore a chi tenta di catturare la vostra intelligenza e di irretire il vostro cuore con messaggi e proposte che rendono succubi del consumismo, del sesso disordinato, della violenza sino a spingere nel vuoto della solitudine e nei meandri della cultura della morte. Slegata dalla verità, ogni libertà si tramuta in nuova e più pesante schiavitù.

     

    5.Liberi per amare! Cari giovani, chi non desidera amare ed essere amato? Ma per sperimentare l’amore sincero, occorre aprire la porta del cuore a Gesù e percorrere la strada che Egli ha tracciato con la sua stessa vita: è la strada del dono di sé. Sta qui il segreto della riuscita di ogni vera chiamata all’amore, in particolare di quella chiamata che nasce in modo sorprendente nel cuore di un adolescente e conduce al matrimonio o al sacerdozio o alla vita consacrata.

    Quando un giovane o una ragazza riconoscono che l’amore autentico è un tesoro prezioso, diventano capaci di vivere anche la loro sessualità secondo il progetto divino, rifiutando di seguire falsi modelli, purtroppo spesso reclamizzati e largamente diffusi.

    Certo, si tratta di una scelta esigente; ma è l’unica che rende realmente liberi e felici, perché realizza il desiderio profondo che il Signore ha posto nell’intimo di ogni uomo e di ogni donna. C’è libertà vera dove dimora lo Spirito di Cristo (cfr Col 3,17): è questa la perenne giovinezza del Vangelo che rinnova le persone, le culture, il mondo.

     

    6.Liberi per servire! Tra le vocazioni che fanno maggiormente appello al vostro cuore c’è quella del servizio, specialmente ai più poveri ed emarginati.

    Il brano evangelico, che ci accompagna nella riflessione, narra di una folla che ha fame: di essa Gesù si prende cura. Pure nella nostra Città c’è gente che è affamata del pane materiale e forse ancor più di quello spirituale. Nel corso delle Visite pastorali alle parrocchie, giovani ed anziani, famiglie, immigrati mi segnalano spesso situazioni di disagio sociale, di solitudine e di abbandono. C’è tanta povertà materiale e spirituale. Difficoltà e problemi toccano in maniera sensibile anche il mondo giovanile.

    Gesù chiede di non perdere la speranza e di lottare contro ogni forma di degrado; domanda di impegnarsi a fondo per realizzare una civiltà a dimensione dell’uomo. Come mostrano gli esempi di molte persone sante del passato e del presente, è possibile costruire fin d’ora un tessuto di rapporti autentici tra la gente, amando e promuovendo la vita, operando costantemente perché ogni persona sia riconosciuta come figlia di Dio, accolta con amore, sostenuta nella crescita, tutelata nei diritti.

     

    7.La vita pone tanti interrogativi, ma ve n’è uno soprattutto a cui occorre dare risposta: che senso ha vivere e che cosa ci attende oltre la morte? È una domanda che dà significato all’intera esistenza. Alcuni vostri coetanei forse non se la pongono più: vivono il presente come il tutto della vita. Si abbandonano passivamente alla realtà quasi fosse un sogno destinato a svanire, piuttosto che adoperarsi perché i valori ed i grandi ideali diventino sempre più realtà.

    Aprire la porta a Cristo salvatore significa tornare a progettare la vita puntando in alto. Non accontentatevi di esperienze banali, non date credito a chi ve le propone. Abbiate fiducia nella vita ed aprite il cuore a Cristo, Vita che vince la morte!

    Gesù risuscitato si fa nostro cibo nell’Eucaristia e ci introduce fin d’ora nella vita immortale, fornendoci la garanzia di poterla un giorno realizzare in pienezza e per sempre. Da tale certezza deriva il coraggio di affrontare ogni difficoltà e di fare dell’esistenza un dono senza riserve per Iddio e per il prossimo. È questa una straordinaria avventura; non possiamo però condurla a termine da soli. Per questo Gesù ha voluto la Chiesa, suo Corpo mistico e popolo della Nuova Alleanza.

     

    8.Giovani di Roma, sappiate riconoscere Cristo presente nella Chiesa e ponete a sua disposizione i simbolici pani d’orzo ed i pesci costituiti dalle vostre doti e capacità. Molti di voi hanno maturato un incontro costruttivo con la Chiesa nelle parrocchie, nei gruppi o nei movimenti. Altri, dopo la prima Comunione o la Cresima, non hanno più con essa un rapporto vitale; c’è chi la sente lontana o estranea ai suoi problemi, chi la giudica severamente e ne rifiuta gli insegnamenti.

    Posso assicurare, però, che nessuno è straniero nella Chiesa. Anzi, senza di voi, essa si sente come una famiglia senza figli. Essa ha bisogno di tutti voi, della vostra presenza, persino delle vostre critiche costruttive. Ha bisogno soprattutto della vostra attiva partecipazione all’annuncio del Vangelo, con lo stile e la vivacità tipici della vostra età.

    Giovani di Roma, amate la Chiesa accettando i limiti delle persone che la compongono: scopritene il cuore ed aiutatela ad esservi vicina! Dico questo a quanti già fanno parte di una comunità, di un’associazione, di un movimento o un gruppo ecclesiale; lo dico anche a chi non frequenta. Nella Chiesa c’è un posto per tutti!

     

    9.Mi rivolgo in modo tutto speciale a voi, giovani credenti. Siate testimoni di Cristo anzitutto tra i vostri coetanei. Il Risorto vi chiama a stringere con Lui e tra di voi un’alleanza per dare alla Città un assetto più giusto, libero e cristiano.

    Siate protagonisti di questa alleanza nei rapporti con gli altri giovani, in famiglia, nei quartieri, a scuola e nell’università, nei posti di lavoro e nei luoghi dello sport e del sano divertimento. Recate speranza e conforto dove c’è scoraggiamento e sofferenza. Ognuno di voi si renda disponibile per accogliere ed aiutare chi vuole avvicinarsi alla fede ed alla Chiesa. Che nessuno vada smarrito di quanti il Padre pone sui nostri passi!

    La Missione alla Città ha proprio lo scopo di rinvigorire nei battezzati lo spirito di accoglienza e l’ardore della nuova evangelizzazione perché Roma, più profondamente animata da valori evangelici, possa aprirsi al mondo intero. L’importante evento ecclesiale vi aiuterà a trovare nuove forme di dialogo con quanti s’interrogano sul senso della vita e del loro futuro. Assicurateli che Gesù non dice dei “no” alle esigenze autentiche del cuore, ma soltanto dei “sì” forti e chiari alla vita, all’amore, alla libertà, alla pace e alla speranza.Con Lui nessun traguardo è impossibile, e anche un piccolo gesto di generosità si moltiplica e può essere l’avvio di un grande cambiamento.

    Quali agenti di un singolare “volontariato dello spirito”, proponete a coloro che incontrate l’esperienza personale di Gesù attraverso l’ascolto della sua Parola, il silenzio e la preghiera; date vita ad iniziative religiose, anche sul piano ecumenico, con i linguaggi giovanili della musica e dell’arte. Allargate l’orizzonte del vostro apostolato alle esigenze della missione universale della Chiesa, tenendo presente il particolare ruolo spirituale e civile di Roma, sede del Successore di Pietro.

     

    10.Siate missionari di speranza! Grazie alla disponibilità del giovane di cui parla il brano evangelico, Gesù poté sfamare un’immensa folla. Sarà anche grazie ai vostri doni e talenti posti a sua totale disposizione che Egli porterà a compimento l’opera della salvezza in questa nostra Città.

    “Apri la porta a Cristo tuo Salvatore”. Cari giovani, il titolo della Missione cittadina diventi programma e stimolo di ogni vostra giornata. Volgete lo sguardo a Maria, Madre della Chiesa e Stella dell’evangelizzazione. La sua intera esistenza vi dice che niente è impossibile a Dio. Imitandola ed invocandola costantemente, potrete come Lei diventare portatori di gioia e di amore. Insieme a Lei, giovane Vergine di Nazaret, imparerete a guardare al quotidiano come alla fucina dove il Signore vi chiama a realizzare il suo progetto di salvezza. Grazie alla sua materna protezione, non verrà meno in voi il vigore apostolico e missionario.

    Dio vi aiuti e vi protegga! Vi accompagno con il mio affetto e la mia preghiera, mentre di cuore imparto a ciascuno di voi ed alle vostre famiglie, come pure ai vostri progetti e desideri di bene, una speciale Benedizione Apostolica.

     

    Dal Vaticano, 8 settembre 1997, Festa della Natività della Beata Vergine Maria. 

    GIOVANNI PAOLO II 

    Vatican official site

     



     



     

     

    OVER THE RAINBOW

    Israel Kamakawiwo'ole

    Somewhere over the rainbow
    Way up high
    And the dreams that you dreamed of
    Once in a lullaby
    Somewhere over the rainbow
    Blue birds fly
    And the dreams that you dreamed of
    Dreams really do come true
    Someday I'll wish upon a star
    Wake up where the clouds are far behind me
    Where trouble melts like lemon drops
    High above the chimney tops thats where you'll find me
    Somewhere over the rainbow bluebirds fly
    And the dreams that you dare to, oh why, oh why can't I?
    Well I see trees of green and
    Red roses too,
    I'll watch them bloom for me and you
    And I think to myself
    What a wonderful world
    Well I see skies of blue and I see clouds of white
    And the brightness of day
    I like the dark and I think to myself
    What a wonderful world
    The colors of the rainbow so pretty in the sky
    Are also on the faces of people passing by
    I see friends shaking hands
    Saying, "How do you do?"
    They're really saying, I love you
    I hear babies cry and I watch them grow,
    They'll learn much more than
    We'll know
    And I think to myself
    What a wonderful world
    Someday I'll wish upon a star,
    Wake up where the clouds are far behind me
    Where trouble melts like lemon drops
    High above the chimney top thats where you'll find me
    Somewhere over the rainbow way up high
    And the dreams that you dare to, oh why, oh why can't I?
    Ooooo oooooo oooooo


     

    Da qualche parte sopra l'arcobaleno
    Nel posto più in alto
    E i sogni di una volta che sognavi
    In una ninnananna
    Da qualche parte sopra l'arcobaleno
    Volano uccelli blu
    E i sogni che sognavi
    I sogni diventano davvero realtà
    Un giorno vorrò essere su una stella
    Svegliarmi dove le nuvole sono lontane dietro di me
    Dove i guai si sciolgono come gocce di limone
    Lassù sopra la cima del camino è dove mi troverai
    Da qualche parte sopra l'arcobaleno volano uccelli blu
    E i sogni che sfidi, oh perché, oh perché non posso (farlo)?
    Bene vedo alberi verdi e*
    Anche rose rosse
    Le vedrò sbocciare per me e te
    E penso tra me
    Che mondo meraviglioso
    Bene vedo cieli blu e nuvole bianche
    E lo splendore del giorno
    Mi piace l'oscurità e penso tra me
    Che mondo meraviglioso
    I colori dell'arcobaleno così belli nel cielo
    Sono anche nei visi della gente che passa
    Vedo amici agitare le mani
    Stanno dicendo, "piacere di conoscerti"
    Loro stanno davvero dicendo "ti voglio bene"
    Sento bambini piangere e li vedo crescere
    Impareranno molto più di quanto
    Noi sapremo
    E penso tra me
    Che mondo meraviglioso
    Un giorno vorrò andare su una stella
    Svegliarmi dove le nuvole sono lontane dietro di me
    Dove i guai si sciolgono come gocce di limone
    Lassù sopra la cima del camino è dove mi troverai
    Da qualche parte sopra l'arcobaleno
    E i sogni che sfidi, oh perché, oh perché non posso(farlo)?
    Ooooo oooooo oooooo

    www.vittoriociurlia.com/somewhere.mp3

     



     



     

     

     

    LA TUA GIOIA CANTERAI

    di Fabio Logli

     

    Tu cammini nel mondo e te ne vai,
    ben lontano da ciò che ora sei,
    sempre guardi la vita
    ma non sai: nella luce infinita tu sarai,
    se tu togli il velo che ora hai,
    i tuoi occhi scopriranno Lui.

    Si è questa la tua verità:
    Solo amore si Dio è bontà,
    mille mani amiche stringerai,
    nella gioia infinita
    tu andrai,
    si,è questa la tua verità.

    Sempre guardi il mondo che ora da
    solo maschere alla tua identità,
    dietro a tutte queste vanità,
    ci sta la tua immensa verità
    che è gioia ed è felicità,
    la tua vita in Cristo fiorirà.

    Si,è questa la tua verità:
    solo gioia è quest'immensità,
    con gli amici insieme correrai,
    nella gioia infinita
    tu ora sei,
    si,è questa la tua verità.

    Spesso triste,ancora te ne vai
    nel normale di tante falsità,
    camuffato,tu non comprendi mai:
    La tua vita è stupenda realtà!
    Se tu guardi ti sorprenderai,
    è il più immenso dono che ora hai...!

    Si,è questa la tua verità:
    Mille voli fra colli prati e mar,
    con gli amici tu ancora correrai,
    nella luce infinita
    tu ora sei,

    perché è Dio l'eterno amore, sai ?

    E nel mondo adesso te ne vai,
    finalmente sui prati canterai,
    hai scoperto la vera gioia in te,
    la speranza in te mai morirà
    e correndo ancora scherzerai,
    la tua storia in Cristo costruirai.

    Si è questa la tua verità:
    Un cammino di pace e di bontà
    nei fratelli la luce scoprirai
    nella vita con Dio tu sarai,
    la tua gioia adesso canterai:

    Lailaila la lailailai lala,
    lailaila la lailailai lala,

    Sopra ai prati allegro correrai,
    la tua gioia adesso canterai

    Lailaila la lailailai lala,
    lailaila la lailailai lala,

    La tua storia,si,
    sempre conterà,
    la tua vita gioia ancor sarà.


    Lailaila la lailailai lala,
    lailaila la lailailai lala,

     

    ***

     

    Fonte testo e musica : www.logli.net/fabio/ 


     

     


     

     

    Scrivi alla Redazione di ARTCUREL :

         info@artcurel.it ; artcurel@libero.it 

    La Missione di  ARTCUREL  è di indirizzare attraverso l'arte e la cultura gli uomini a Dio .

     

    Proposte di Collaborazione : Artcurel  sarà  lieto di ricevere una tua proposta di collaborazione nel suo spirito di diffusione culturale ; gli unici requisiti che si richiedono ai Collaboratori sono : 1°, di essere fedeli al Magistero della Chiesa Cattolica e al Papa ;  2°, avere fede nella Missione di Artcurel ;  3° ,  una partecipazione volontaria ad Artcurel con articoli o altro.  In tal modo farai parte dei " COLLABORATORI DI ARTCUREL " .

    Articoli , commenti ed osservazioni : una delle finalità di Artcurel è lo scambio culturale , puoi inviare articoli , commenti  e osservazioni agli argomenti trattati ; se risulteranno congruenti con le finalità del Portale saranno pubblicati gratuitamente;  l'Autore entrerà a far parte degli " AMICI DI ARTCUREL " .

    Segnalazione Giovani Artisti / Autori : i Giovani  Artisti / Autori che sono interessati alla Missione di Artcurel possono inviare i loro lavori (scritti, poesie, idee, opere artistiche, ecc.) alla Redazione che ne esaminerà la congruenza con il Portale e saranno inseriti gratuitamente nelle rispettive Sezioni ; il Giovane Artista / Autore entrerà a far parte degli " AMICI DI ARTCUREL " .

    Segnalazione Siti e Libri : invia indirizzo del sito web da segnalare o indicazioni del libro o rivista ; se risulterà concorde con gli intenti culturali del Portale sarà inserito gratuitamente nella lista dei " Links / Bibliografia di ARTCUREL " .

     

    Auguro a tutti i cari Lettori di ARTCUREL una buona navigazione nel Portale, con la speranza che possa essere di stimolo nell'approfondimento della fede e dell'apostolato cristiano cattolico. Soltanto quando nel mondo sarà attualizzato il principio di comunione e amore della Santissima Trinità si potrà vivere in una società fraterna, pacifica e serena, dove ogni individuo realizzerà al meglio la sua persona nel giusto rispetto del prossimo, nell'esprimere liberamente la propria creatività, nell'essere vero testimone dell'amore di Dio.

    Fraternamente in Gesù e Maria, Carlo Sarno (direttore Artcurel).

     

    ARTCUREL : un portale cristiano cattolico sull'espressione artistica e culturale universale.


    SOSTIENI  ARTCUREL :  
    ARTCUREL promuove il dialogo tra arte, cultura e religione cristiana cattolica in una prospettiva ecumenica, è una iniziativa di apostolato autofinanziata che opera dal 2003 con la creazione di una webrivista, pubblicazioni, mostre, convegni, ecc.. Per poter continuare abbiamo bisogno del Tuo AIUTO : per inviare le offerte vedi la Web Pagina SOSTIENI  ARTCUREL . Grazie di cuore...,  camminiamo insieme per una civiltà dell'amore nella realizzazione del Vangelo di Gesù Cristo.



     


                                                      

                                               



    Fonte : http://www.vatican.va , http://www.gmg-2002.it  ,

    http://ragazzi.diocesicuneo.it/2003-04/quaresima.htm

    La Bibbia "lettera d'amore" di Dio agli uomini , di don Giorgio Zevini SDB , Direttore dello Studio Teologico Salesiano di Gerusalemme , Elle Di Ci , 1990, Torino

    Fonte foto giovani : www.oasidonbosco.it/festagiovani.htm ,   www.diweb.it/pd/seminariomaggiore/pagine/docu/docu-missio03.htm , www.odigitria.it , www.somgiovani.it/gmg/toront_09g.jpg ; www.padrepinopuglisi.net/giovani_verona/immagini/giovani.jpg http://www.somgiovani.it/areagiovani/fotomese/index.htm  ,   www.jmj2005.org.ar/jornadasanteriores/toronto/noticias/28-02.htm  ; www.hamline.edu/cla/

     

     

     

     

     

    <bgsound src="latuagioiacanterai.MP3" loop="-1">