ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                  

 ARTE :  altre arti : Bruno Leone ,  maestro delle guarattelle

 

BRUNO LEONE

Maestro delle Guarattelle

 

             Bruno Leone

 

Nel 1978 Bruno Leone apprende l'arte delle guarattelle da Nunzio Zampella (nella foto sotto con Bruno), ultimo maestro guarattellaro napoletano, ed evita in tal modo la scomparsa di una tradizione che risale a girovaghi e saltimbanchi medievali. L'arte delle guarattelle deve la sua vitalità alla capacità dei burattinai di coniugare memoria e attualità in un rapporto molto attento col pubblico. Bruno Leone, che ha ripreso canovacci e stili di quest'arte, ha contribuito con efficacia alla ripresa di un genere teatrale tanto importante per la storia della cultura napoletana ed europea. Storie di Pulcinella è un modo di presentare i canovacci antichi nella loro modernità e universalità alternandoli con altre storie antiche e moderne, e oltre che spettacolo può diventare incontro, lezione, storia, viaggio insieme nel mondo meraviglioso delle guarattelle: commedia dell’arte antica e moderna. Per la messinscena si è avvalso negli anni della collaborazione artistica di Mimmo Cuticchio, Renato Carpentieri, Tonino Taiuti, Davide Iodice e Raffaele Di Florio.

Bruno Leone e Nunzio Zampella 

Bruno Leone con Nunzio Zampella

 

Bruno Leone, pulcinella

di Renato Rizzardi

A Napoli la rinascita di Pulcinella è un merito da attribuire a Bruno Leone che da quasi  venti anni ne indossa ‘o cammesone. Leone è Pulcinella dal 1979, da quando ha raccolto la maschera dall’ultimo guarattellaro attivo a Napoli, Nunzio Zampella. “Ho conosciuto Zampella alla fine del 1978 – ricorda - avevo 28 anni e facevo l’architetto al comune, dopo ho abbandonato questa professione per fare il burattinaio”.  Alla fine degli anni ’70 Pulcinella era quasi completamente scomparso a Napoli e pochi altri nel resto dell’Italia (come Renato Barbieri in provincia di Napoli, i Fratelli Ferraiolo a Salerno o Carlo Piantadosi a Roma) tenevano in vita il repertorio. Da tempo aveva abbandonato il teatro, se non per comparire molto raramente in qualche riallestimento di classici ottocenteschi; restava nelle strade e solo nel teatrino delle guarattelle di Zampella. Nel ‘78 però l’anziano maestro a seguito di una malattia alle corde vocali, decide di smettere, decretando di fatto la fine della maschera. Fece i suoi ultimi trionfali spettacoli al Piccolo Teatro di Milano, invitato da Roberto Leydi, su indicazione di Roberto De Simone,  e, proprio qui, nel capoluogo lombardo avrebbe di lì a poco lasciato tutti i suoi materiali, mollando, è il caso di dirlo, baracca e burattini. A questo punto interviene Bruno Leone: “Quando ho conosciuto Nunzio – ricorda -  lui non aveva più nulla. Ho ricostruito, allora, gli strumenti del suo lavoro soprattutto perché lui potesse ricominciare. Dopo un po’ di tempo, di fronte alla mia ostinazione e alla mia decisione di riprendere quest’arte anche senza di lui si è lasciato convincere, penso soprattutto per insegnarmi. Dal 1979 e fino a poco prima che morisse (nel 1986) ha ripreso a lavorare con me, in società”. Con Zampella e Leone  quest’arte ritorna sotto gli occhi di tutti e altri giovani artisti, come Salvatore Gatto e Maria Imperatrice, si avvicinano a Pulcinella e al teatro delle guarattelle, e, dopo di essi altri ancora, come Lia Colucci, Annamaria Di Stefano, Roberto Vernetti, Adele Fuccio, Aldo de Martino, Luigia Aiello, Gaspare Nasuto nei successivi 20 anni a scongiurarne definitivamente  la scomparsa. Recuperata la tradizione però il Pulcinella doveva fare i conti con il necessario rinnovamento del repertorio per evitare che tutto fosse vanificato dalla definitiva disaffezione del pubblico. “Già dall’inizio, già dal 1979, iniziavo a mescolare le carte, ad introdurre cioè elementi di novità nei miei spettacoli. Sempre conservando stretto il rapporto con la tradizione, con quello che ho imparato da Nunzio Zampella  proponendolo ancora nel mio repertorio, ho cominciato a contaminare il mio Pulcinella con altri miti e facendolo vivere nella nostra epoca alle prese con accidenti “sincronici”.

Nel corso degli anni il Pulcinella di Bruno Leone diventa attento osservatore e interprete di tanti  argomenti di impegno civile sia in teatro che nelle strade: sostiene la Pantera, lavora con i disabili e con essi realizza nei 13 anni del Carnevale di Napoli, autoprodotto “Pulcinella alla gogna”, tantissimi interventi teatrali, lavora nei centri sociali e non manca mai alle feste popolari che sopravvivono ancora in città. In teatro si schiera contro la guerra in Iraq in “Pulcinella va alla guerra”  spettacolo del 1991 per la regia di Renato Carpentieri; nel 1995, dopo la vittoria elettorale di Silvio Berlusconi, Pulcinella denuncia la seduzione del potere attraverso il confronto scontro con Don Giovanni  nello spettacolo “Il convitato di Pezza”, regia di Davide Iodice, musiche eseguite dal vivo da E’ Zezi; nel 1999 si confronta e trasporta la delusione cocente dei rivoluzionari del 1799 ne "Pulcinella ’99, voglia d’utopia”, regia di Bruno Leone, con Salvatore Gatto e Paola Carbone.   “La caratteristica costante del mio lavoro è che in realtà tutti i temi anche se legati a dei fatti particolari, di cronaca o di costume, assumano un carattere universale: la guerra, la rivoluzione, l’amore, il tradimento sono proposti come archetipi, temi generali e ricorrenti nel rito esorcizzante dello spettacolo di guarattelle ”.

In uno dei suoi ultimi spettacoli (l’ultimo è “Pulcinella contro Gigiotto”, provocazione ideata in occasione del G8) “Il segreto di Pulcinella” regia di Renato Carpentieri, mette in scena l’amore. “Ho sempre proposto nei miei spettacoli argomenti per me importanti. Pulcinella si è confrontato con la guerra, con il tradimento, con la rivoluzione e adesso si confronta con l’impegno più grande: l’amore. L’idea dello spettacolo – spiega Bruno Leone - è nata tra la gente, come spesso avviene per il teatro di Pulcinella. Alla fine di uno spettacolo nei Quartieri Spagnoli di Napoli, tanti bambini  si erano fermati per fare delle domande a Pulcinella. Volevano, ad esempio, sapere come facevo a parlare con questa voce. Più che spigare che essa era ottenuta mediante uno strumento metallico, la pivetta, posto in prossimità della gola, mi piaceva l’atmosfera che si era creata e preferii lasciare un piccolo mistero intorno al fatto. Questo è un segreto! Risposi, ma loro non mi lasciavano: “vogliamo sapere qual è il segreto di Pulcinella”.  Non se ne veniva fuori … così dissi loro che il segreto di Pulcinella è scoprire l’importanza delle cose che non sono importanti. Ma non sapevo neanche io che voleva significare. I bambini mi presero sul serio e  dopo alcuni  minuti una di loro, molto emozionata, mi si avvicinò e, sottovoce, nell’orecchio, mi disse: io l’ho capito è l’amore”.

In venti anni il Pulcinella di Bruno Leone non ha conosciuto soste, lavorando in tanti progetti a Napoli e producendosi in lunghe tournée in tutto il mondo. In uno di questi suoi viaggi, nel 1988 a Mosca, chiamato a fare spettacolo e a tenere una serie di incontri sulla maschera di Pulcinella, spinge il burattinaio russo Andrei Chavel a riprendere gli spettacoli di Petruska. La maschera in questa nazione era scomparsa avversata innanzitutto dal regime sovietico poi disconosciuta dal padre dei burattinai sovietici, il grande maestro Sergej Obrazov. Dopo la visita del “cugino” Pulcinella, dal 1990, a Mosca si riascolta la stridula voce metallica di Petruska.

Bruno Leone con la struttura di cui è fondatore I Teatrini , che in questi anni ha assunto carattere di stabilità, oltre a produrre tutti i suoi spettacoli realizza il festival internazionale “La scuola di Pulcinella” programmato da ormai dieci anni, ospitato anche nella scorsa estate a Roma ne “Le vie dei Festival”, che presenta insieme momenti di spettacolo, mostre e incontri sulla maschera di Pulcinella e sulle maschere “gemelle” attive nei tanti Paesi del mondo. In attesa che anche a Napoli possa aprirsi una Casa stabile per Pulcinella, un teatro, come qualche tempo fa era stato promesso dal Comune di Napoli, Bruno Leone si lancia nel progetto per la realizzazione, nell’aprile del 2000 a Napoli, di una scuola internazionale per guarattellari , da gestire in collaborazione con l’Istituto della Marionetta di Charleville Mezieres. Il progetto va avanti da due anni , con grande successo, coinvolgendo circa venti nuovi burattinai, la “terza generazione del Pulcinella contemporaneo”. Tutto questo per “essere all’altezza dei tempi senza però perdere il carattere che abbiamo sempre avuto, senza diventare televisione. Di tornare ad avere nel 2000 la stessa forza che possedeva il Pulcinella di trecento o 500 anni fa . Lo  spettacolo di Pulcinella non appartiene al nostro mondo, al nostro mondo appartiene il computer, internet, e queste cose qua. Poi ci si ferma davanti ad una baracca, si incontra Pulcinella e si scopre che piace di più della televisione…”

 


 

 

L'ASSOCIAZIONE " I TEATRINI "   

L' Ass. I TEATRINI, fondata nel 1991, è attiva a Napoli e sul territorio nazionale con attività di produzione e promozione teatrale per l'infanzia e la gioventù, e come tale riconosciuta dal MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI, Direzione Generale dello Spettacolo dal Vivo, tra le realtà nazionali che operano nel settore.

Fra le produzioni di questi anni da segnalare quelle dirette da Bruno Leone (IL CONVITATO DI PEZZA, DUET, PULCINELLA ’99) e gli spettacoli del percorso Teatro e Natura, Teatro in Città: RACCONTI SALATI (1997), realizzato presso la Stazione Zoologica “Anton Dhorn”, IL POPOLO DEL BOSCO (1999) e COME ALICE...(2001) di Giovanna Facciolo realizzati presso l’Orto Botanico di Napoli.

A 5 CM. DA TERRA (1998), spettacolo diretto da Gigi Gherzi, ha partecipato alla finale del premio nazionale di teatro ragazzi STREGAGATTO 1998 e LO SGUARDO DEL CIELO (2000) di Giovanna Facciolo, LA BALLATA DEL POSTO SBAGLIATO (2001) di Francesco Niccolini, regia di Enzo Toma, e QUARANTATRETRAMONTI (2002) di Giovanna Facciolo hanno partecipato ai progetti ETI "IL TEMPO DELLO SPETTATORE" e "QUALITA' RAGAZZI".

Alla linea artistica progettuale/produttiva, si affianca una linea politico/culturale con l’organizzazione di rassegne e festival di teatro per l'infanzia e la gioventù:

ed iniziative e festival legati alla tradizione delle guarattelle napoletane:

Collabora con strutture nazionali per l'organizzazione di progetti speciali legati allo spettacolo giovanile:

L’Ass. I Teatrini organizza e promuove laboratori teatrali e seminari nelle scuole di ogni ordine e grado. L’obiettivo dichiarato verso cui si muove è quello di realizzare a Napoli una attività stabile e riconoscibile di spettacolo per l’infanzia e la gioventù, in stretto rapporto con altre interessanti realtà professioniste che operano sul territorio metropolitano.

 

i soci: Bruno Leone, Luigi Marsano, Giovanna Facciolo, Renato Rizzardi, Marco Leone

collaboratori: Rosellina Leone, Gianni Biccari, Paola Carbone, Carla Vitaglione, Daniela Salernitano, Anna Paola Bartolomeo, Vincenzo Toma, Francesco Niccolini, Antonello Paliotti, Roberto Castello, Vincent Longuemare, Mariachiara Raviola, Massimo Staich, Stefania Caudullo, Riccardo Veno, Francesco Albano, Antonello Cossia, Raffaele Di Florio

attori, burattinai e musicisti: Giulia Pica, Annalisa Vozza, Marco Montesano, Monica Costigliola, Domenico Santo, Valentina Curatoli, Danilo Agutoli, Fausta Manno, Roberto Vernetti, Roberta di Domenico De Caro e Antonio Aiese, Rossella Ascolese, Alfredo Giraldi, Selvaggia Filippini e Davide Chimenti, Gianluca Di Matteo, Irene Vecchia, Vincenzo Granato, Alessandro D'Aloia, Emanuele Flagiello, Alberto Russo

tecnici: Carmine Pierri, Antonio Gatto, Enzo Zotto

 

I TEATRINI Via S. Teresa degli Scalzi, 134   80135 NAPOLI tel. 081/544.60.53 - fax 081/564.49.18

www.iteatrini.it

e-mail: iteatrini@libero.it

 


Scuola delle guarattelle

diretta da BRUNO LEONE

 

ISTITUTO DELLE GUARATTELLE - via Vergini, 19 - NAPOLI
www.guarattelle.it       

 

     


 

Fonte :  www.guarattelle.it  ;  www.iteatrini.it