ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                  

 ARTE :  Ceramica : Renato Rossi , il maestro dei maestri ceramisti vietresi, di Elvira Peduto ed Erika Rossi

 

RENATO ROSSI ,

il maestro dei maestri ceramisti vietresi

di Elvira Peduto ed Erika Rossi

              

Renato Rossi nacque a Roma il 3 giugno 1889, a 18 anni si arruolò in Marina e conobbe un po' di mondo, cominciò così a viaggiare. Terminato il servizio militare si iscrisse all'Accademia d'Arte di Parigi dove per compagni di lavoro ebbe artisti quali Modigliani, Utrillo, Picasso. Dopo varie esperienze in giro per i Paesi Bassi tornò in Italia. Fu a Roma con una fabbrica di ceramica che ebbe vita breve a causa della crisi economica del 1929, poi a Venezia per eseguire restauri a Palazzo Ducale, a Napoli presso le fabbriche De Simone, poi a Bassano a Nove presso le fabbriche Agostinelli, infine di nuovo a Napoli. Ed è a Napoli che Pinto lo contattò per dipingere alcuni pannelli. Nei ricordi della figlia Erica Vietri piacque subito al padre e quando Pinto, date le capacità artistiche ma anche la qualità culturale del maestro, gli offrì di lavorare per lui come direttore, Renato Rossi accettò con entusiasmo.

L'amore per Salerno e la sua costa non fu una passione momentanea, non fu il passeggero rapimento che molti artisti hanno provato per questi luoghi, fu l'amore di un cittadino che vuole vedere prosperare la propria terra, fu l'amore di un padre che vuole vedere i suoi figli crescere e cavarsela con le proprie forze. Renato Rossi fondò la Scuola di Ceramica nel 1931, di come sia nata rimane un ricordo semplice: giovanetti di bottega che alla sera si riunivano intorno al suo tavolo. Di come sia cresciuta rimangono molte testimonianze come le targhe e le medaglie ottenute in diverse manifestazioni, il fatto che molti alunni del maestro Rossi abbiano svolto incarichi dirigenziali presso ditte come la Cannon-d'Agostino di Salerno, Pinto di Vietri, Freda di Napoli, Montecchi di Roma, Zanibon di Bassano, Eleal di Tel Aviv. Anche il ceramista Vincenzo Solimene era tra quei ragazzi che in seguito, quando la Scuola venne ospitata presso l'istituto F.Trani, al palazzo Barra, finito il lavoro d'apprendista alle 17.00 scendevano a piedi a Salerno per cominciare le lezioni alle 18.00. Le lezioni erano un complesso intreccio di teoria e pratica: si esercitava il disegno, si guardavano i maestri, si elaboravano forme nuove, si provavano smalti e colori ed i prodotti servivano a procurare quei fondi necessari alle applicazioni pratiche che i provveditorati ed i ministeri lesinavano.

Il maestro Giovanni Cappetti ci regala preziosi ricordi della fervida attività di Rossi. Rammenta la fermezza e la schiettezza del professore ma anche la sua estrema disponibilità verso quanti, ceramisti ma anche artisti di varia estrazione, si rivolgevano al professore per consigli pratici e suggerimenti organizzativi. Giancappetti ci suggerisce inoltre una profonda riflessione: prima della seconda guerra a Vietri erano attive diverse attività al limite tra manifattura ed industria come la vetreria, l'opificio tessile, la lavorazione di metalli, ma dopo la guerra solo la ceramica con i limitati mezzi a disposizione rapidamente rinacque e si fortificò riconquistando velocemente il mercato estero. Ciò poté accadere anche grazie all'incisività dell'opera del professore Rossi che fece della scuola un effettivo strumento di formazione professionale. Giancappetti sottolinea inoltre, la funzione che il professore Rossi ebbe per la formazione professionale dei ceramisti che erano dipendenti della Ernestine, della D'Agostino e della Pinto. Gli operai delle fabbriche, infatti, frequentavano i corsi serali per migliorare la propria professionalità ed acquisire abilità specialistiche in modo da migliorare la propria posizione lavorativa.

Nel 1936 Rossi ottenne che la Scuola di Ceramica venisse accorpata per la parte amministrativa e disciplinare alla Scuola Industriale F.Trani e nel 1939 venne approvata dal Ministero la nascita di una Scuola d'Arte Ceramica. Per la costruzione dell'edificio era prevista una spesa di L. 347.000 per le quali il Comune di Vietri sul Mare fu autorizzato a contrarre un mutuo. Questo progetto si bloccò con la dichiarazione di guerra del 1940.

Quando gli alleati arrivarono a Salerno alcune truppe si stanziarono nell'edificio Barra e le muffole divennero forni per dolci, i documenti e l'archivio con disegni e bozzetti, gli appunti per una storia della ceramica carta straccia... Il Professore Rossi dopo la guerra ottenne che la scuola fosse ospitata in alcuni locali dell'Istituto Magistrale, con un orario ristretto e mezzi esigui, e riprese con più fervore la battaglia per la trasformazione della Scuola di Ceramica in Scuola d'Arte Governativa. Gli scritti, datati 1953, indirizzati al Provveditore ed a vari enti, nonché ai sindacati, il professore tra l'altro fu fondatore dell'Unione Artigianato a Salerno nel 1945, rimangono a testimonianza di quest'impegno e "...della profonda conoscenza che venticinque anni di soggiorno in questa Provincia mi hanno dato della mentalità e delle necessità locali.".

Dopo la morte del maestro, avvenuta nel 1955, altri raccolsero questo appello e continuarono questa battaglia ed infine Filiberto Menna ottenne che a Salerno si istituisse un Istituto Statale d'Arte. I frutti del lavoro di Renato Rossi sono ancora presenti e vivi sul territorio. Molti di quelli che sono stati suoi alunni hanno impiantato o guidano fiorenti attività: i fratelli Tastardi con la ditta Ceramiche Creazioni Luciano, Siniscalchi la Ceramiche il Pavone, D'Amore con la Ceramica D'Amore...

La sua produzione artistica è ben documentata sul territorio: i pannelli presenti sulla facciata dell'Arciconfraternita della SS. Annunziata e del SS. Rosario, quello del rosone esterno della Chiesa Parrocchiale di Vietri dedicata a San Giovanni Battista, i pannelli eseguiti per l'ambasciatore Guariglia alla villa ora sede del Centro Studi Salernitani Raffaele Guariglia, il grande pannello in piazza Flavio Gioia ad Amalfi, le lastre eseguite per l'Ufficio dell' Ente del Turismo, il grande pannello Il sogno di Bellerofonte, sul prospetto sud della Prefettura di Salerno, ora non più visibile... C'è poi la figlia Erika. Instancabile ceramista, insostituibile insegnante di decorazione al Centro Studi d'Arte Vietrese, con il suo prezioso bagaglio di esperienza pratica e teorica, testimone di quegli anni frenetici di intenso lavoro ma anche della vita privata del padre. Come quando gli occhi di lui si perdevano all'orizzonte contemplando il panorama del golfo di Salerno. Chissà che tanta bellezza non abbia nutrito la sincera passione di un uomo che ha concretamente operato per lasciare a questa splendida terra un futuro migliore.



Ringraziamo il Comune di Vietri sul Mare per aver dedicato al professore Rossi questo angolo di memoria.

Elvira Peduto, Erika Rossi.

 

 


 

Fonte :  http://www.comune.vietri-sul-mare.sa.it/rossi/