ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

 ARTE :  pittura : franca maschio

 

   Franca  Maschio


 Una pittura di " Luce "

" ... L'Arte , per me è sempre Sacra , perchè nobilita l'uomo . L'Arte è creazione e ci permette di lodare l'artefice di tante bellezze ! L'Arte è Chiesa , perchè entra nelle nostre case . L'Arte è saper leggere con gli occhi dell' Amore , la luce del Sole . Vorrei esprimere la musica del Vangelo con la naturalezza di un bimbo , che guarda incantato , lo splendore della verità . Vorrei dipingere le ali degli Angeli , come mantello luminoso che sfiora il nostro cammino . Con la grazia , questo potrà avvenire , perchè la vita è un miracolo continuo... " .    Franca Maschio

             Davanti alla Chiesa            San Pietro in L'Aquila

 

                     Le  ochette          Gente di paese

 

 


 

FRANCA  MASCHIO :  biografia

Franca Maschio , nata a Conegliano Veneto (TV), vive ed opera a Milano - Studio 1 - viale Papiniano, 31 20123 Milano - Studio 2 - via Walder 9/L - Parco Ponti - 21100 Varese

Ha al suo attivo mostre personali e collettive in Italia e all’estero.

Collezioni presso privati in: Italia - Ginevra - Lugano - Amburgo - Buenos Aires - Rio de Janejro - Dayton (USA) - Tripoli (Libia).

Genere: Figurativo-moderno, ritratto, arte sacra.

Crete   Toscane

 

Attualmente l'artista Franca Maschio sta ricercando su di un figurativo-critico nei confronti della società contemporanea, evidenziando le negatività di una esistenza contrastata e non in grado di esprimere e sviluppare armonicamente la propria vita. Le immagini denunciano lo squilibrio e l'inquietudine di oggi, fattori che si ripercuotono negativamente anche sui soggetti più puri e indifesi, come i bambini.

 

     

"QUESTI SONO I PIU' PICCOLI, QUELLI CHE CI OSSERVANO, I PICCOLI CHE SOFFRONO NEL MONDO, A LORO DEDICO LE PAROLE INCORAGGIANTI DEL SANTO PADRE: NON ABBIATE PAURA!!!!!!!!!!!!!!!!! "  Franca Maschio

 

CONCORSI :

n        1972    Concorso Int.le “Lanzone da Corte” - Milano - Medaglia d’argento

n        1972    Concorso Int.le “ Il Pavone D’oro” -   Milano - Medaglia d’argento

n        1973    Concorso Int.le “La Cornice D’oro” - Genova - Palazzo Doria - Med. argento

n        1973    Gran premio “La Simonetta” - Bergamo - Targa di bronzo

n        1975    Concorso Int.le “I Cent del Guast” - Milano - Medaglia d’oro

n        1975    Premio int.le “Lombardia 1975” - Milano - Targa di bronzo

n        1975    Palais de Beaux Art “Salon de l’Art libre” - Parigi - Medaglia d’argento

n        1976    Art Mondial Gallery - Milano - Cornice d’oro

 

MOSTRE COLLETTIVE :

n        1969    Galleria “Il Triedro” - Milano

n        1971    Galleria  “La Montagnetta” - Milano

n        1971    Galleria “Il Bottegone” - Milano

n        1972    Galleria d’Arte “Gorsi” - Milano

n        1972    Galleria “Alba” - Ferrara

n        1973    “Art 4 - ‘73” - International Kuntmesse Art - Basilea

n        1973    “Devonshire Art Gallery” - Londra

n        1974    Palazzo del Turismo - “Mac 1974” - Milano

n        1977    “Adast Comune di Milano” - Museo della Scienza e della Tecnica - Milano

n        1977    “Runo per l’affresco” - Grande affresco per le vie di Runo - Runo (VA)

n        1985    Palazzo del Turismo, “Ex Arengario” - Sala delle colonne - Milano

n        2004    MercArt04 , Lugano

n        2004    D'Ars Agency , CVB SPACE , New York

n        2004    D'Ars Agency , Berliner Kunst Project , Berlino

 

 

MOSTRE PERSONALI:

n        1966    “12 Pannelli 2m x 1m” - Padiglione Costumi e Tradizioni - Fiera di Tripoli - Libia

n        1973    “Devonshire Art Gallery” - Londra

n        1976    Hotel San Michele - Val Formazza (NO) 

n        1977    Palazzo del Comune - Runo (VA)

n        1978    Galleria “La Loggetta” - Jesolo Lido - Venezia

n        1982    Galleria “Coin d’Art” - Genova

n        1984    Hotel Touring - Sala Mostre – Milano

n        1985    “Comunità Cenacolo” - Mostra personale - Realizzazione Pala d’altare - Napoli

n        1987    Palazzo Comunale di Arese - “Pro Lega Italiana Tumori” - Cesano Maderno (MI)

n        1988    Galerie Du Cygne - Vieille ville - Ginevra

n        1989    Hotel Villa dei Tigli - Sala Esposizioni - Rodigo (MN)

n        1996    Palazzo D’Avalos - Patrocinio Comune di Vasto - Vasto(CH)

n        1996    Galleria  d’Arte Magazzeni - Antiquariato - Giulianova (TE)

n        1998     Castello Cinquecentesco dell’Aquila “Forte Spagnolo”

n        2002     Elisir Art Gallery , Altopascio , Lucca

n        2003     Centro Arte Moderna , Pisa            

 

BIBLIOGRAFIA:

n        Agenda del Collezionista

n        L’elicottero - Lugano

n        La Nuova Rivista Europea - NRE

n        Silarus

n        “L’Anno Santo Straordinario 1983-1984” - Ed. Libreria Vaticana - Roma

n        Comanducci - “Annuario 8-9-10-11-15-17”

n        Comanducci - “Annuario 10” - in copertina

n        Comanducci - I Profili - “Franca Maschio” - La donna nell’Arte

n        Rimeco Art 1982-1983 - Lugano

n        Comune di Milano - “ADAST Milano ieri, oggi e domani”

n        “Maestri d’oggi” - Edizioni Piperno - Roma

n        “Lexicon dell’Arte Italiana” - Ed Guido Miano - Milano

 

Numerosi articoli apparsi nei quotidiani: Il Giorno, Il Cittadino, La Prealpina, Il Centro, Il Messaggero Veneto, L’Idea di Napoli, Il Resto del Carlino, etc...

 

CRITICI D’ARTE CHE HANNO PARLATO DI LEI :

 Ignazio Mormino ,Giorgio Falossi ,Luigi Valerio, Francois Perche , Bruno Gallo  ,  Nino Miglierina , Umberto Ursomando ,   Mirella Taverna  ,  Fabrizia Negri ,  Antonino De Bono    , Dante Angeleri   , Elio Marcianò  , Eugenio Cutolo  , Felice Ballerio  ,   Simonetta Belghesini  ,  Cristina Fasce    ,  Adrj Stella  , Luigi Braccilli  ,   PMB  ,  Grazia Felli

 

 


Critica d'arte :

 

«... Paesaggi assolati, figure che si muovono nella luce, proiettando sulla terra le loro ombre. Sono uomini, donne  e contadini dalle mani grosse e callose, dagli sguardi profondi e la pelle scura, sono bambini che corrono tra i prati, sono cavalli che trainano il carro col fieno. Tutto palpita, tutto è vivo, inondato di luce in questa estate perenne. Dove  appare il mare stupisce la trasparenza dell'acqua, quella stessa trasparenza che ritroviamo nei cieli limpidi che rischiarano la campagna. Ovunque, anche nelle immagini più statiche, compaiono la fatica ed il lavoro, la consapevolezza e la rassegnazione solo apparente ad un destino di fatica e nello stesso tempo l'inevitabilità di ciò che si compie in questa atmosfera lontanissima dalla vita caotica dei nostri giorni. Tutti questi elementi compongono le tele di Franca Maschio, pittrice dai tratti decisi e dai colori caldi... Di lei hanno scritto numerosissimi critici, tutti ribadendo come la scelta di queste scene di lavoro campestre rappresenti un modo per trasmettere sensazioni, un'occasione per far conoscere questo mondo popolaresco dove le piccole  cose ed ogni gesto assumono un particolare significato, dove le parole perdono consistenza per lasciare libero sfogo alle impressioni visive, alle interprefazioni profonde ed incontaminate. Il paesaggio e le figure umane formano un tutt'uno, un insieme racchiuso in cui niente manca e niente  è troppo, ma tutto volge ad un equilibrio, a semplicità non solo esteriore sintomo di un qualcosa che va al di là dello  spazio e del tempo... ». Cristina Fasce

 

Il  coinvolgimento emotivo è l'ascissa su cui Franca Maschio da la prima dimensione di una vibrante ispirazione. L'impatto con la sua pittura, che segna itinerari umani dolenti, è violento e appassionante. I protagonisti delle tele non hanno temporalità ne spazio. La loro vita ha la scansione inesorabile del lavoro-fatica biblico, dei ritorni dal sapore immutabile di un rito, delle attese ove consumare in dignitoso silenzio, i giorni. La terra è quella mediterranea, assolata, pregnante, sotto cieli luminosi; le figure, uomini e donne, hanno una interiore tensione, in cui si fondono ribellione e rassegnazione ad uno schema di società contadine, dagli eterni e conosciuti rituali.

Il paese rurale ritrova i costumi di ogni tempo. Le donne alla fonte, gli anziani all'osteria, la processione multicolore per la campagna, una vecchia seduta, le mani abbandonate nel grembo. Emana da tali espressioni, una sorta di sacralità, senza accenno alcuno alla pietà. E' una sottolineatura penetrante della vita semplice, legata ad un mondo forzatamente emarginato dalle leggi del consumismo della città. I colori lussureggianti delineano con prepotenza le stagioni della terra colta all'apice dell'esuberanza delle messi o dei contrasti riverberi autunnali. La luce gioca con sapienza con i personaggi si da dischiuderne le meditazioni più segrete, quasi la figura umana acquisti una presenza simbolica a datare un destino immutabile. Il momento descrittivo si consuma con accorata suggestione, senza scadimenti retorici; la Maschio intende così offrire un ampio motivo di riflessione che si può concretizzare in un ritorno alla dignità della vita.  Fabrizia Negri

 

Franca Maschio, pittrice di comprovata meditazione ed elevato senso critico» si esprime in moderna chiave pittorica non rinunziando alla base veristica». Le sue opere, lette con scrupolosa attenzione» evidenziano la vita quotidiana duttile alle più comuni azioni dell'uomo di  ieri e di oggi» L'uomo, principale essere dell'universo, padrone delle cose e schiavo della loro regolarizzazione viene elevato, dall'artista sta, al massimo idillio per la sua laboriosità e promozionalità umana.Franca Maschio recependo per intero il binomio "vita e lavoro" non sfugge alle conseguenti cause legate ad essi, ma ne comprova gli effetti derivanti» Di ciò ne danno testimonianza le sue tele "Giovani mondine" e "Gente di ieri"» Le sue impressioni pittoriche, articolate tra masse e piani, plasticità delle forme e della flessibilità del segno, reggono inconfutabilmente l'equilibrio della composizione ed il pieno possesso della tematica concettuale» La qualità cromatica, anch'essa di primaria importanza, che confluisce sulla stesura dell'opera, contribuisce a coinvolgere l'osservatore più acuto alla ricerca del fine esposto»  Umberto Ursomando

 

 

 


 

Fonte  : www.francamaschio.com , sito ufficiale dell'artista Franca Maschio.

http://www.informusic.it  , INFORMUSIC ,  il primo portale di musica cristiana , a cura di Paola Maschio .