ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

 ARTE :  scultura : Luigi Arpaia , sculture in ferro : dal filo alla materia riciclata

 

   LUIGI  ARPAIA

 sculture in ferro: dal filo alla materia riciclata

  Il Cristo Morente

 

Luigi Arpaia è nato a Irsina (Matera) il 30 gennaio 1966 dove vive e lavora. Artista autodidatta ha presentato le sue opere in varie personali e collettive. Innato il suo senso artistico che si fonde con una grande sensibilità. Notevole la sua abilità nell'utilizzare il filo di ferro, la cui traccia sembra lasciata da un pennello.

Studio: via Genovese, 8, Irsina, (Mt) - tel. 0835-518836, cell. 338-9583080.

 

Realizza le sue opere con una tecnica particolare "Applicazioni in filo di ferro con inserimenti di vetri spectrum; nelle sculture prevale il riciclaggio di materiali dismessi. L'originalità della sua tecnica consiste nel creare quadri che prescindono dalla classica tela, dalle forme avventurose e figure scomposte, dalle linee forti e decise che si mescolano, confondono separano e "creano"... creano cavalli imbizzarriti, donne ammalianti e seducenti, artisti impazziti o più semplicemente incantano con la dolcezza del volto di una Madonna con bambino. Pamela Dragonetti.

 

"Una tecnica elaborata, per forme che si susseguono in un gioco ardito. Accattivante l'intreccio, in uno sdoppiamento dei piani che la luce riesce a cogliere e valorizzare, nella conquista della sua tridimensionalità". Antonella Merra.

 

 

 

UOMO-CRISTO TRA TRASCENDENZA E REALE QUOTIDIANO

di Marisa Russo 

(Art Director - Giornalista ; 339-2673347 ; arperc@libero.it )

 

Le opere di Arpaia, reticolati o sculture di ferro che prendono forma tra le sue mani, appaiono, ad un primo impatto, pur nella loro originalità, rigide, fredde, con la loro struttura metallica di colore nero !  L'autore in quel materiale duro, da lui forgiato, sembra cercare una sicurezza, una stabilità che dia certezza, pur se, i "Reticolati" lasciano vuoti significativi, quali assenze, buchi, paure esistenziali !  Lo sguardo è quindi captato nell'interno da luci e vetrini colorati, che comunicano così una tenerezza nascosta, emozioni colorate, un sogno custodito e protetto dalla struttura che lo circonda !  Diventano allora opere "VIVE", comunicando profonde emozioni umane !

Quando fui invitata ad osservare le opere di questo artista, vidi un lontano richiamo ad una sacralità delle vetrate delle cattedrali, tentai di penetrare nella comunicazione profonda del suo animo. Il mio approccio di "sensibile al linguaggio Artistico", non mi piace molto il vocabolo "critico d'Arte", è sempre quello prima di "ascolto" dell'opera, del constatare se riesce a comunicare un'emozione, quindi tento di farne una "lettura" psicologica, per un messaggio che diviene di valore universale.  Credo che il valore dell'Arte è soprattutto quello della capacità di comunicare, quello del "lettore e scrittore d'Arte" di "sentire" e "leggere", quindi di essere mediatore con il pubblico, di porgere una chiave di lettura (non l'unica!) per captare quei messaggi emotivi che l'artista, quando è tale, lancia.

Attraverso queste "letture" si comprendono le sue problematiche, le sue "vibrazioni" e trattandosi di personalità di particolari sensibilità, si può capire il "sentire" generale dell'umano ed il rapporto tra l'umano e l'habitat, tra l'umano ed il sociale e la sua tensione spirituale.

Il materiale usato dall'artista non è mai causale, e già molto rilevatore, anche quando ha motivazioni lavorative, come per Arpaia, la scelta anche artistica è significativa, dato che, al contrario, l'uso fatto per lavoro può portare ad un rifiuto per alternativa!  Le sue opere le installa distaccate dal muro, creando, tra materia e vuoti, "giochi" di ombre voluti !  La realtà o l'ombra della realtà, la materia e la sua protezione, il tracciato ed i vuoti, parlano di dualità il cui pathos è sempre presente nell'esistenza. Inconsciamente egli sembra avere bisogno di dichiararlo e quindi di superare tutto con la forza creativa !!

Da un "sentire" particolare diviene un invito universale a vedere, anche nel tracciato "nero" della vita, in tante dicotomie spesso insuperabili, emozioni e tensioni colorate appaganti.

 

 

 

 

Arcangelo Michele che appare in sogno

(opera realizzata in materiale ferroso riciclato)

 

 

Mostre :

 

1991 - Personale, Palazzo Municipale, Irsina (Matera)

1992 - 1° classificato , concorso centro storico, Archeoclub d'Italia (sede di Irsina, Matera)

1993 - Gara di murales e scultura all'aperto - Irsina (Matera)

1994 - Personale - Ipogei Piazza San Francesco - Matera

1994 - 19° concorso "La Telaccia d'Oro 1994", Torino, Segnale Speciale Giuria

1994 - 2° Rassegna Internazionale d'Arte "Premio Sassi di Matera '94", Matera

1994 - Accademia Internazionale dei Dioscuri, Premio "Artista Innovativo", Roma

1995 - 3° Rassegna Internazionale d'Arte "Premio Sassi di Matera '95", Matera

1995 - "Fiumana d'Arte", Associazione Artistico Culturale "La Pecora Nera", Irsina, Matera

1995 - "Percorsi d'Arte" Installazione, Ass. Artistico Culturale "La Pecora Nera", Irsina, Matera

1996 - Rassegna d'Arte "Il Girasole da Matera ad Arles", Matera

1997 - Personale, Torre Normanna (Pro Loco), Tricarico, Matera

1997 - Accademia Internazionale "Greci Marino", Riconoscimento Accademico Ass. Sez. Arte, Vercelli

1999 - Accademia Internazionale "Greci Marino" Riconoscimento "Cavaliere Accademico" Sezione Arte, Vercelli

2006 - 1° classificato, "Il Presepe" Ass. Art. Cult. "Terra di Sud", Chiostro S. Agostino, Irsina, Matera

2007 - Personale, Galleria dell'ex convento di S. Francesco, Irsina, Matera

2007 - Premio della critica, VI Ediz. Premio Naz. Natiolium-AM art gallery Giovinazzo, Bari

2008 - Rassegna d'Arte "Saluserbe", Rimini

2008 - Personale, Galleria Incontro, Bernalda, Matera

2008 - Rassegna Internazionale d'Arte, Badia Benedettina della SS. Trinità, Cava de' Tirreni, Salerno

2008 - Personale, Il Bastione, Giovinazzo, Bari

2008 - Personale, Castello Ducale, Venosa, Potenza

 

 

Organi di stampa che hanno recensito sulle sue opere :

La Gazzetta del Mezzogiorno, Il Quotidiano, Nuova Basilicata, Lucania, Diario Irsinese

 

Riviste d'Arte :

Antologia di Artisti Italiani 1994.

 

 

 


 

Fonte :  si ringrazia l'artista Luigi Arpaia che ha cortesemente fornito la documentazione per l'articolo alla Redazione di Artcurel.

Luigi Arpaia : via Genovese, 8, 75022, Irsina, Matera, tel. 0835-518836, cell. 338-9583080.