ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  EDITORIA E RECENSIONI LIBRI : Festival of Christian Arts in Kenya , di don Pietro Caggiano .

 

" FESTIVAL OF CHRISTIAN ARTS IN KENYA  "

 

Autore :  Pietro Caggiano

 

 

 

                   


 

Titolo: Festival of Christian Arts in Kenya .
Autore: Pietro Caggiano

Editore:  Edizioni Paoline Africa
Dati
: PP. 192 + DVD (70 minuti)
Genere: Saggio - Catalogo - Film

 

 

Recensione di Bethsheba Achitsa
 

Thirty years after he embarked on the search for cultural initiatives to accelerate the process of integrating faith with African cultures within Christian churches in Kenya, Fr Pietro Caggiano’s quest is no longer a mere dream: the first Festival of Christian Arts in Kenya was held at Tangaza College in Lang’ata, Nairobi, Kenya, where faith-based works of visual, performance, literary and screen art were displayed for four days alongside a series of lectures and discourse with professionals, academics and practitioners drawn from the fields of art and theology.

Geared towards establishing how humans direct their talents both to the secular world and the church, the Festival of Christian Arts, held October 8-11, 2009, was dedicated to a wide range of art activities including theatre, music, dance paintings, sculptures, carvings, film, books and architecture.

Paulines Publications Africa, an international organisation that uses multi-media to promote the dignity of all people, has published a 192-page book and 70-minute film on the proceedings of the festival. Both are titled Festival of Christian Arts in Kenya. The aim is to explore modes of cultural discourses and religious practices and to demonstrate that the arts, if well integrated in daily life, can bring about enormous amount of peace and harmony.

In his introduction Kenya-based Roman Catholic priest Pietro Caggiano notes that while missionary-planted churches in Kenya put special effort in keeping the traditions of the mother church, their approach did not accommodate African traditions. As a result in spite of good will and effort in understanding the good news, missionaries and Christianity remained a foreign religion that led to Africans founding their own African independent churches.

A harmonious mixture of exhibitions, live workshops, talks and dialogue, the Festival of Christian Arts in Kenya not only provided a platform for people to come together and celebrate faith but  also proved that Kenya  is not a tabula rasa but a fertile field when it comes to art.

“It is high time to promote the local culture and identity towards an incultrated Christianity,” comments Pietro caggiano who compiled the book.

Quoting Martin Luther, cultural and creative entrepreneur Ogova Ondego who also publishes ArtMatters.Info says that all the arts should be put in the service of he that created them: God. Ondego represented Lola Kenya Screen audiovisual media initiative for children and youth in eastern Africa. He also exhibited publications of ComMattersKenya at the exhibition and participated in the debate on theatre and the seventh art (film).

In their joint paper—A Semiotic View of Christian Arts: Illustrations from Kenya—the Reverend Christopher B Peter and Professor Esther Mombo of St Paul’s University in Limuru, Kenya, note that art should be looked at not just in terms of  the object itself (style, motifs, execution media etc) but from the perspective of what the art work signifies. It is important to know how much art is used in presenting and promoting faith and religion and how secular art refers to faith in God.

In a detailed paper presentation on The Significance of Traditional Music in Christian Worship Dr Wanjala Namsyule Henry notes that music styles vary according to the manner in which art, culture and religion collectively influence the musical expression of faith rather than mere organisation of sounds in pitch, time, timbre and sound intensity. Furthermore, the distinct musical styles of various churches are then appreciated on the basis of the influence of technique, genre, context, themes, geographical origins and doctrines.

The rise of digital synthesizers and the live bands use of traditional African instruments like drums, kayamba in prayer services has tremendously impacted the mode of worship and musical expressions. The traditional church organ has since been replaced in many cathedrals perhaps due to the fact that Christian musical styles in Kenya are now more African than European and so this kind of equipment is no longer as relevant.

Though wholly based on Christianity, Festival of Christian Arts in Kenya is a useful reference material to researchers, academics, students, cultural practitioners and enthusiasts and policy-makers.

Pietro Caggiano is a Roman Catholic priest from Pompeii Diocese, Italy. He says he has  been living and working in Kenya for almost 12 years. He compiled and edited this book that comprises mainly seminar papers presented at the festival. Being a pioneering work, this book and film will provide useful insights to other individuals interested in hosting similar events in Africa.

 

 

Versione italiana della Recensione con Google Traduttore :

 

Trent'anni dopo che si imbarcò per la ricerca di iniziative culturali per accelerare il processo di integrazione della fede con le culture africane all'interno di chiese cristiane in Kenya, la ricerca di p. Pietro Caggiano non è più un semplice sogno: il primo Festival di Christian Arti in Kenya si è tenuto presso Tangaza College di Lang'ata, Nairobi, in Kenya, dove le opere basate sulla fede di visual, performance, arte letteraria e video art sono stati esposti per quattro giorni accanto ad una serie di conferenze e discorsi con i professionisti, accademici e professionisti provenienti da campi dell'arte e della teologia .
Finalizzati alla costituzione di come gli esseri umani direttamente il loro talento sia al mondo laico e la chiesa, il Festival delle Arti cristiano, tenutosi 8-11 ottobre 2009, fu dedicata a una vasta gamma di attività artistiche tra cui teatro, musica, danza dipinti, sculture, sculture, film, libri e architettura.
Edizioni Paoline Africa, un'organizzazione internazionale che utilizza la multi-media per promuovere la dignità di tutti i popoli, ha pubblicato un libro di 192 pagine e film di 70 minuti sui lavori del festival. Entrambi sono intitolati Festival delle Arti Cristiane in Kenya. L'obiettivo è quello di esplorare i modi di discorsi culturali e le pratiche religiose e per dimostrare che l'arte, se ben integrato nella vita quotidiana, può portare enormi quantità circa di pace e di armonia.
Nella sua introduzione Kenya a base di prete cattolico romano Pietro Caggiano osserva che mentre le chiese missionarie-piantato in Kenya messo particolare impegno nel mantenere le tradizioni della chiesa madre, il loro approccio non accogliere tradizioni africane. Come risultato, nonostante la buona volontà e lo sforzo per comprendere le buone notizie, i missionari e il cristianesimo sono rimasti una religione straniera che ha portato a fondare gli stessi africani Chiese africane indipendenti.
Una miscela armoniosa di mostre, laboratori dal vivo, incontri e il dialogo, non il Festival di Arte cristiana in Kenya solo fornito una piattaforma per la gente di riunirsi e celebrare la fede, ma anche dimostrato che il Kenya non è una tabula rasa, ma un campo fertile, quando si tratta riguardo all'arte.
"E 'giunto il momento di promuovere la cultura e l'identità locale verso una inculturazione del cristianesimo", commenta Pietro Caggiano che ha compilato il libro.
Citando Martin Lutero, culturale e creativo imprenditore Ogova Ondego che pubblica anche ArtMatters.Info dice che tutte le arti devono essere messi al servizio di colui che li ha creati: Dio. Ondego rappresentata Lola Kenya Screen iniziativa di media audiovisivi per bambini e giovani in Africa orientale. Ha inoltre esposto le pubblicazioni di ComMattersKenya alla mostra e partecipato al dibattito sul teatro e la settima arte (film).
Nel loro documento comune-una semiotica Vista Arte cristiana: Illustrazioni dal Kenya, il Christopher Reverendo B Pietro e il professor Esther Mombo dell'Università di San Paolo a Limuru, in Kenya, si noti che l'arte dovrebbe essere considerata non di poco in termini di oggetto stesso ( mezzi di esecuzione stile, motivi, ecc), ma dal punto di vista di ciò che l'opera d'arte significa. E 'importante sapere quanto l'arte è usata nel presentare e promuovere la fede e di religione e di come l'arte secolare si riferisce alla fede in Dio.
In una presentazione dettagliata di carta sul significato della musica tradizionale in Christian Worship Wanjala Namsyule Dr Henry osserva che gli stili musicali variano a seconda del modo in cui arte, cultura e religione collettivamente influenzare l'espressione musicale della fede, piuttosto che mera organizzazione dei suoni in campo, tempo, timbro e l'intensità del suono. Inoltre, i diversi stili musicali di diverse chiese sono poi valutato sulla base dell'influenza della tecnica, genere, contesto, i temi, origini geografiche e dottrine.
L'aumento di sintetizzatori digitali e la musica dal vivo uso di strumenti tradizionali africani come tamburi, kayamba nei servizi preghiera ha enormemente influenzato il modo di culto e di espressioni musicali. L'organo della chiesa tradizionale è stato sostituito in molte cattedrali, forse dovuto al fatto che lo stile musicale cristiano in Kenya sono ora più africano che europea e quindi questo genere di apparecchiatura non è più pertinente.
Anche se interamente basata sul cristianesimo, Festival delle Arti Cristiane in Kenya è un materiale di riferimento utile per i ricercatori, accademici, studenti, operatori culturali e appassionati e responsabili politici.
Pietro Caggiano è un prete cattolico romano della Diocesi di Pompei, Italia. Dice che ha vissuto e lavorato in Kenya per quasi 12 anni. Ha redatto e curato questo libro, che comprende principalmente documenti del seminario presentato al festival.
Trattandosi di un lavoro pionieristico, questo libro e film fornirà indicazioni utili ad altre persone interessate ad ospitare eventi simili in Africa.

 

 

 


 

 

Fonte :  la Redazione di Artcurel ringrazia l'Artista Prof. Stefano Armellin ( http://armellin.blogspot.com ),  che ha cortesemente inviato la documentazione per l'articolo. 

 

Per approfondimenti sull'argomento, e per chi è interessato a richiedere il libro "Festival of Christian Arts in Kenya" con DVD al costo di 15 euro senza spese di spedizioni, ci si può rivolgere a don Pietro Caggiano , e-mail: pietrocaggiano@gmail.com  .