ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---  prima pagina                                                                    

 CULTURA :  scienza : Luigi Fantappié , teoria sintropica dell'universo come teoria unitaria del mondo fisico e biologico

 

LUIGI  FANTAPPIE'

Teoria sintropica dell'universo come teoria unitaria del mondo fisico e biologico

    

                      

 

 

Luigi Fantappié è nato a Viterbo nel 1901 . Allievo della Scuola Normale di Pisa , si laureò a 21 anni in Matematica Pura . Fu in rapporto di perfezionamento o di docenza con i centri culturali di Francia , Germania , Spagna , Portogallo , Brasile.

Fu coadiutore , assistente e ordinario  di cattedra di Analisi infinitesimale e di Analisi algebrica in molte università italiane : Bologna , Cagliari , Ferrara , Firenze , Palermo , Roma .

La sua attività scientifica è documentata da oltre 70 pubblicazioni originali nei diversi rami delle scienze matematiche e soprattutto sulla Teoria dei Funzionali Analitici .

La sua attività nell'ambito della filosofia della scienza si incentra intorno a tre teorie originali e complementari : Teoria unitaria del mondo fisico e biologico , Teoria dei modelli di universo , Teoria sul nuovo concetto di esistenza .

Luigi Fantappié morì nel 1956 a soli 55 anni .

Luigi Fantappié è uno dei massimi geni matematici di tutti i tempi . Dalla famosa "Teoria unitaria  dei funzionali analitici" del 1942 perviene alla "Teoria unitaria" dove riunisce , in geniale sintesi , i fenomeni fisici e biologici , introducendo nella scienza il finalismo . Nel 1952 propone una "Teoria degli universi possibili" che si possono studiare per via matematica . A distanza di anni dalla sua scomparsa , alla luce dei progressi operati dalla ricerca scientifica , le intuizioni di Luigi Fantappié rivestono importanza e attualità fondamentali , particolarmente per quanto concerne il problema unitario ed i rapporti tra ordine , disordine , informazioni .

 

 


(Brano estratto da una conferenza tenuta nell'Aula Magna  dell'Università di S.Tommaso in Roma il 23 febbraio 1947)

Luigi Fantappié

Essenza della vita : tendere a fini . Per l'uomo vivere è amare

 

Vediamo ora , in conclusione , che cosa si può dire per la vita . Quello che distingue la vita dalla non vita è dunque la presenza , negli esseri viventi , di questi fenomeni sintropici , finalistici , come fenomeni tipici della vita . Ora come si considera essenza del mondo entropico , meccanico , il principio di causalità , è naturale considerare essenza del mondo sintropico il principio di finalità .

Quindi l'essenza della vita è proprio in questo principio di finalità . Vivere , in sostanza , significa tendere a fini . In particolare , nella vita umana , che aspetto prendono questi fini ? . Quando un uomo è attratto dal denaro , si dice che "ama" il denaro . L'attrazione verso un fine , per noi uomini , è sentita come " amore " . Noi vediamo dunque che la legge fondamentale della vita umana è questa : la legge dell'amore . Non sto facendo una predica sentimentale ; io vi sto esponendo dei veri e propri teoremi dedotti logicamente da premesse sicure , ma è certo meraviglioso e forse commovente che , arrivati ad un certo punto , quelli che sono teoremi parlino anche al nostro cuore !

Noi vediamo così stampate nel gran libro della natura - che , diceva Galileo , è scritto in caratteri matematici - le stesse leggi che sono scritte nel Vangelo . Che la legge fondamentale dell'uomo sia legge d'amore sta scritto nel Vangelo , ma sta scritto anche nella stessa natura . Più in generale , la legge della vita non è dunque la legge dell'odio , la legge della forza , cioè delle cause meccaniche , questa è la legge della non vita , è la legge della morte ; la vera legge che domina la vita è la legge dei fini , e cioè la legge della collaborazione per fini sempre più elevati , e questo anche per gli esseri inferiori . Per l'uomo è poi la legge dell'amore , per l'uomo vivere è , in sostanza , amare , ed è da osservare che questi nuovi risultati scientifici possono avere grandi conseguenze su tutti i piani , in particolare sul piano sociale , oggi tanto travagliato e confuso .

Queste sono le conclusioni essenziali di questa mia teoria unitaria . Sin qui siamo sul piano puramente naturale ; siamo arrivati a tratteggiare un principio unitario di tutte le scienze e credo che in ciò consiste il valore principale del contributo offerto dalla presente teoria . In tal quadro rientrano infatti perfettamente tutte le scienze fisiche e chimiche , ma anche le scienze biologiche e se volete , per quanto riguarda il piano naturale , anche quelle psicologiche , morali , sociali , in cui però entrano altri fattori essenziali : la coscienza e la libertà .

La legge della vita è dunque legge d'amore e di differenziazione , non va verso il livellamento , ma verso una diversificazione sempre più spinta . Ogni essere vivente , modesto o illustre , ha i suoi compiti ed i suoi fini che , nell'economia generale dell'universo , sono sempre pregevoli , importanti e grandi .

 

 

 

 


 

FONTE :

- Fantappié e gli universi , di Giuseppe Arcidiacono , Edizioni Studium Christi , 1986 , Roma .

- Ordine e Sintropia , di Salvatore Arcidiacono , Edizioni Studium Christi , 1975 , Roma .

 

APPROFONDIMENTI :

www.fantappie.it

www.giuseppearcidiacono.net

www.sintropia.it

www.direnzo.it  (Sito Di Renzo Editore in cui è possibile trovare libri di Luigi Fantappié e dei suoi allievi Giuseppe Arcidiacono e Salvatore Arcidiacono)

- Conferenze scelte , di Luigi Fantappié , Di Renzo Editore , 1993 , Roma .

- Principi di una teoria unitaria del mondo fisico e biologico , di Luigi Fantappié , Di Renzo Editore , 1993 , Roma .