ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

  (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---  prima pagina                                                                    

 CULTURA :  semiologia : Il linguaggio dei segni , di Padre Theodossios Maria della Croce

 

Padre Theodossios Maria della Croce

              

IL LINGUAGGIO DEI SEGNI

 

 

Il tempo passa, l'Eternità rimane; ecco il permanente prisma attraverso il quale si debbono vedere e filtrare le cose, tutte le cose, tutti i pensieri, tutti i sentimenti, tutti i ricordi, tutte le generosità e tutte le miserie, tutti i momenti di splendore dell'infanzia e tutti i ripiegamenti su se stessa dell'anima colpita. Quel che permane è l'Eternità, eterno è soltanto l'amore.

Paesaggi solinghi, prati e giardini dall'infinita tenerezza, azzurri mari sotto l'azzurro cielo d'estate, fiori delicati offerti piamente da anime delicate, elevatissime montagne e pacifici rivi, finestre aperte su verdi distese, profumi di timo e d'incenso e di cera pura, croci bianche piantate su desertiche colline, lontani rumori della sera nelle piane e fertili campagne, voci amiche vibranti di eterna fedeltà che attraversano l'ora profumata del crepuscolo, infermità e piaghe profonde offerte con dolcezza e senza ribellione, offerte per la libertà e la gioia di anime sconosciute, presenze che popolano tutte le solitudini e solitudini di amore infinito che trascendono ogni presenza, sbagli dall'origine santa, riuscite senza merito che riempiono l'anima di segreta tristezza nelle ore di lode e di ovazione, brividi di solitudine e di vuoto cosmici dinanzi all'immagine dell'infinito universo, mobile e senza amore; brividi e calde lacrime di riconoscenza dinanzi alla piccola discreta vibrazione dell'infinito amore del Creatore, sussurri di dolce saggezza in seno ad amicizie stabilite da Dio nell'eternità, empiono la mia anima quando penso a ciascuno di voi mentre penosamente ci avviciniamo al mistero delle festività di dolore e di resurrezione.

Ormai per milioni di uomini la nostalgia della bellezza e dell'amore eterno non fa parte del "reale". Tutto un linguaggio, linguaggio umano, sensibile, tutte le sfumature e le delicatezze nel significato delle parole dispaiono nella coscienza e nella sensibilità di milioni e milioni di uomini. Mentre lo scopo della creazione ed il mezzo per raggiungerlo come individui, come popoli e come razze, restano immutabili. Così ogni anima fedele ed amante è portata, in mezzo ad ogni tribolazione, a percepire e a vivere, per quanto le è possibile e permesso, dietro ogni cosa il suo segno, il suo linguaggio intimo di creatura creata innocente prima di ogni alterazione, per sentire dietro ogni cosa l'amore eterno di Dio e della sua creazione in Lui.

Sulle foglie degli alberi, trasparenti ed auree di sole, si legge il messaggio del Verbo: la speranza. Si legge un appello, un sogno ed una promessa. Tutta la creazione contiene il segno infinitamente variabile ed assolutamente unico della finalità della creazione. Al fondo dell'orizzonte riluce l'orizzonte interiore. E sull'orizzonte interiore riluce il volto dell'Amore eterno, il volto umano e divino; volto del molteplice infinito e dell'uno infinito, poiché è il volto del Creatore e del Figlio unico del Creatore e dello Spirito tre volte Santo del Creatore.

I più piccoli fiori dei campi, l'intimo degli occhi amici, i pianeti e le galassie, i barlumi della lampada ad olio davanti ad una icona, le tombe dei bambini piccoli e i cimiteri dei secoli, tutte le acque pure e i profumi soavi dei campi e delle foreste, il vento salato dell'oceano contengono un canto segreto, un canto dolce, discreto e infinito, il canto del Signore.

I fiori e gli alberi e le pietre preziose, come gli umili sassi, le acque, le distese e le montagne, ogni cosa è una bella lettera e una parola del linguaggio nascosto della vita eterna. Per questo la Sacra Scrittura e tutti gli scritti sacri dei servitori di Dio sono pieni di paragoni e di riferimenti alla natura. I fiori esprimono una pienezza spirituale che sale dal fondo della creazione iniziale della terra d'origine. Le pietre preziose esprimono la fissità delle virtù conquistate, e ogni elemento contiene qualità immutabili accanto a elementi corrosivi. Ed ecco che San Paolo scrive: "Infatti, dalla creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l'intelletto nelle opere da lui compiute, come la sua eterna potenza e divinità" (Rom. 1, 20). l fiori e gli alberi e le pietre preziose, come gli umili sassi, le acque, le distese e le montagne, ogni cosa è una bella lettera e una parola del linguaggio nascosto della vita eterna. Per questo la Sacra Scrittura e tutti gli scritti sacri dei servitori di Dio sono pieni di paragoni e di riferimenti alla natura. I fiori esprimono una pienezza spirituale che sale dal fondo della creazione iniziale della terra d'origine. Le pietre preziose esprimono la fissità delle virtù conquistate, e ogni elemento contiene qualità immutabili accanto a elementi corrosivi. Ed ecco che San Paolo scrive: "Infatti, dalla creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l'intelletto nelle opere da lui compiute, come la sua eterna potenza e divinità" (Rom. 1, 20).

L'anima di buona volontà, quando è entrata definitivamente nella via dell'umiltà fondamentale, comincia a essere riconoscente per la più piccola rotella che l'uomo può fabbricare, per la più piccola medicina, per l'acqua dei fiumi e della pioggia, per la lana degli abiti, per la legge del suono che permette lo strumento musicale, per il metallo che permette lo strumento del medico e l'ago calamitato; è riconoscente per le leggi che conosce del mondo naturale, per la percezione dell'infinitamente piccolo e dell'infinitamente grande, nei rapporti con la natura finita, per i colori, per i fiori, per il firmamento. E' riconoscente perché, grazie all'apertura dell'umiltà fondamentale e della morte, capisce il linguaggio di tutto l'universo visibile e di tutte le leggi della natura, che non parlano d'altro che di questa vita d'ordine e di pace e di amore eterno del Regno.

Per comprendere e penetrare ciò che vuol dire "la bontà delle cose", cioè quello che le cose esprimono e il loro segno, i libri servono a poco quando l'uomo è appesantito sul suo "Io"; è necessario che egli sia libero ed è liberato dal suo io quando entra nella gloria dell'amore, quando si interessa ai suoi fratelli, quando si interessa, per esempio, a scrivere una lettera tenera alla mamma che ama; allora l'uomo è libero, è allegro e sorridente.

E' assolutamente impossibile cogliere il mistero di un paesaggio, cogliere il mistero degli animali, il mistero del rapporto degli uomini con gli animali, se ogni giorno non armonizziamo il nostro sapere con la conoscenza intima vissuta, se non siamo continuamente mossi dal desiderio di essere uniti alla Verità eterna.

Le cose esprimono un'immensa bontà, quando manifestano all'uomo il messaggio dell'amore di Dio. E gli esseri umani stessi contengono un grande segreto sacro e possono contenere un'immensa bontà, un amore che è una partecipazione all'amore di Dio.

Quando si comunica con la Creazione, vi è una grande nostalgia perché dietro ogni espressione è consegnata, è celata ovunque, la grande bontà di Dio. Vi è celata anche la morte perché l'uomo non può più comunicare soltanto con la bontà delle cose, e se vuole separarsi egoisticamente dal male della morte, amando se stesso, allora egli si separa in se stesso e abbandona l'opera della Creazione.

E' ciò che vuole il diavolo che odia la Creazione, che odia l'uomo. La forma con cui più si manifesta il peccato e il disordine iniziale, è la chiusura alla penetrazione del mistero della Creazione, il chiudersi all'amore delle opere di Dio. Quando la natura non è dominata dall'amore eterno dell'uomo, la bontà delle cose si perde.

Per essere costantemente con Dio, è necessario amarlo pienamente, amare ciò che ha voluto fare: ha voluto salvare il mondo, cioè ha voluto che l'uomo possa comunicare con la bontà delle cose, con la bontà della Creazione, con Lui. Così devo essere pieno di disponibilità per comprendere la bontà delle cose: la bontà della fiamma d'olio, la bontà del colore verde di un campo la bontà di un sorriso, la bontà di un sopracciglio, la bontà di una pietra, la bontà del calore in una camera quando rientro dopo il freddo, la bontà misteriosa che emana dalla foresta, bontà della terra, delle foglie, delle cortecce; la vibrazione di bontà che emana da un uomo, dal suo spirito, dal suo cuore, dai suoi capelli, dalle sue orecchie, dalle sue ossa.

E come mai ci sono tanti crimini? Assenza d'amore. Tante volgarità? Assenza d'amore. Là dove non c'è amore tutto è sporco, dove c'è l'amore tutto diviene santo, perché qualunque sia l'amore dell'uomo, anche il più ordinario, esso è una partecipazione all'amore di Dio, e Cristo è venuto per santificarlo.

Tutto ciò che è senza amore conduce alla morte, anche se è fatto in nome di Dio. Per questo San Paolo ha detto, e lo ripeterò fino alla fine della mia vita: posso possedere tutta la sapienza e conoscere tutte le lingue, posso dare il mio corpo in olocausto, se non ho la carità sono un cembalo squillante.

Quando siete stati in contatto con la bontà delle cose, quando cioè, il contatto con il mondo esterno ha elevato la vostra anima e vi ha riempiti di gioia d'amore sacro, eravate liberi, senza problemi; quando ci si appesantisce si entra nelle tenebre.

Non crediate che la bontà consista nel non volere il male. La bontà non è di non volere il male, è un'attività continua, come una luce continua. E quando l'altro, vicino a noi, è debole e appesantito su se stesso o soddisfatto di sé, o meditativo o un po' cupo, dobbiamo essere luce per dissolvere le sue tenebre.

Credetemi, la conoscenza è un cammino senza fine, è un cammino per conoscere Dio. Si avanza, si avanza... Ciò che è definito è la via, e la via è unica: amare, volere il bene, avere una pazienza senza fine, non disperare mai.

L'uomo di verità scopre la firma del Creatore impressa nell'intimità di ogni cosa, ed entra nel cammino che conduce fuori dalla storia. Scopre che Cristo è entrato nella storia per liberare l'uomo dalla Grande Illusione. Così ai piedi della Croce inizia il cammino della liberazione, in cui l'uomo scopre a poco a poco il linguaggio mistico di tutte le cose visibili. E allora viene il giorno in cui l'universo tace e la storia tace. L'Illusione si dissolve. La falsa immagine dell'universo è rovesciata. E l'anima conosce e vive, perché conosce il reale eterno, l'Ineffabile.

 

 


 

Fonte : http://viasacra.net/segni.html

 

Nota biografica sull'Autore :

Il Padre Theodossios Maria della Croce (1909-1989), nato in Grecia, vissuto a Parigi dove svolse una intensa attività nel campo della cultura e dell'arte, in seguito convertito al cattolicesimo e diventato sacerdote fondò la Fraternità della Santissima Vergine Maria ad Atene e poi a Roma. La sede principale della sua opera si trova a Bagnoregio (Italia), patria di San Bonaventura , dove il Fondatore è morto ed è sepolto nella chiesa della SS. Annunziata.