ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  ECUMENISMO : una riflessione teologica sul dialogo , del card. Giacomo Biffi

 

Cardinale Giacomo Biffi  ( Arcivescovo di Bologna )

UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL DIALOGO

 

 

Dovendo avviare una riflessione teologica è naturale procedere preliminarmente a una rapida verifica circa la presenza del termine nel Nuovo Testamento. Con i risultati seguenti: il sostantivo "diàlogos" è del tutto assente; il verbo "dialégomai" compare tredici volte con diverso valore... Gesù usa abitualmente la forma dell'asserzione autoritativa: "in verità (amen) vi dico" (rafforzata nel quarto Vangelo: "In verità, in verità vi dico"). Quando poi si confronta con i farisei e i dottori della legge (o i "Giudei" del quarto Vangelo), più che una discussione nasce regolarmente un diverbio. Sicché non si vede proprio come si possa presentare Gesù come l'antesignano del "dialogo" nel senso moderno del termine. Verso la metà del nostro secolo la parola "dialogo" nella mentalità comune diventa emergente e quasi mitica: il termine viene caricato di sentimenti, di attese, di problematiche che la portano molto lontano dalla sua valenza primitiva. Il fenomeno concerne soprattutto il discorso religioso nel mondo cattolico...

In realtà a sentire certi pronunciamenti sembrerebbe quasi che da taluno si sia identificato nel "dialogo" l'intero contenuto della fede cristiana, sicché il "dialogare" sarebbe già per se stesso obbedire alla missione fondamentale di predicare il Vangelo... Il credente ha il "nous" di Cristo; cioè la sua mentalità, la sua visione di Dio e dell'universo, la sua capacità di cogliere il senso di ogni cosa entro il disegno del Padre. "Credere" vuol dire guardare la realtà con gli occhi del Risorto...

Chi è investito di questa luce superiore è in grado di contemplare il disegno che è stato pensato e voluto per questo ordine di provvidenza. Chi invece ne è privo, non cogliendo il disegno unificante di Dio, non può esaurire l'intelligibilità di nessun esistente, perché ogni esistente in concreto è "vero" solo in quanto è inserito nella "unitotalità" del progetto ed è finalizzato ad esso...

Senza dubbio, ci possono essere colloqui e affinità di vedute circa i singoli esseri, e solo in quanto sono opachi, frammentati, senza destino; ma non su ciò che davvero conta e importa nella nostra vita. Per esempio, non sul significato dell'universo, non sull'uomo che ha come sua indole propria di essere immagine di Cristo, non sul matrimonio che è annuncio e figura del mistero sponsale che connette la creazione al Creatore, non sull'amore, sulla giustizia, sulla bellezza, e sul fondamento ultimo di questi valori. Ascoltare su questi temi i discorsi di coloro che ignorano Cristo e la sua causalità esemplare e finale nei confronti di ogni essere, è pressappoco come ascoltare i giudizi su un'esecuzione musicale di chi fosse sordo dalla nascita o le disquisizioni di chi è sempre stato cieco sul cromatismo di un maestro della pittura. Lo si può anche fare, ma soltanto per ragioni di cortesia, senza alcuna speranza che i "dialoghi" di questo genere abbiano esiti per qualche aspetto plausibili.

A questo proposito è illuminante la dottrina di san Paolo, che ha affrontato il problema nel secondo capitolo della prima lettera ai Corinzi, dove mette in opposizione il credente e il non credente. La sua risposta è chiara, e la riportiamo senza commenti: "Noi non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito di Dio per conoscere tutto ciò che Dio ci ha donato. Di queste cose noi parliamo, non con un linguaggio suggerito dalla sapienza umana, ma insegnato dallo Spirito, esprimendo cose spirituali in termini spirituali. L'uomo naturale (psychicòs) non comprende le cose dello Spirito di Dio; esse sono follia per lui, e non è capace di intenderle, perché se ne può giudicare solo per mezzo dello Spirito. L'uomo spirituale (pneumaticòs) invece giudica ogni cosa...". È da notare che l'impermeabilità alla luce dello Spirito può sussistere anche in persone che sono "psichicamente" - cioè naturalmente, culturalmente, scientificamente - molto dotate. Questo spiega come ci siano uomini intellettualmente acutissimi, illustri pensatori, ricercatori e letterati insigniti del premio Nobel, che in materia di religione, di antropologia, di etica enunciano dottrine e opinioni che sono remotissime dalla verità e dalla saggezza. Mentre si potrà trovare molta verità e molta saggezza in persone senza istruzione e senza notorietà; persone alle quali lo Spirito di Dio si è compiaciuto di infondere un'eccezionale capacità di vedere le cose nel loro senso ultimo e nel loro valore. Dal momento poi che l'uomo davvero realizzato - cioè l'uomo secondo il progetto di Dio - è l'uomo "pneumatico", cioè il credente, là dove c'è una volontaria ed esplicita chiusura all'azione dello Spirito spesso si determina anche un logoramento delle facoltà così dette "naturali". La perdita della fede molte volte dà luogo a qualche scardinamento della ragione, che a sua volta diviene premessa per qualche aberrante giustificazione di comportamenti lesivi della dignità anche semplicemente umana. In particolare, non ci si può attendere dai non credenti qualche comprensione sostanziale di quelle realtà che più direttamente attengono al cuore del "mistero nascosto dai secoli in Dio", mistero che adesso nell'atto di fede noi conosciamo "con ogni sapienza e intelligenza". Per esempio, non ci si può aspettare che comprendano qualcosa circa l'incarnazione del Figlio di Dio e la redenzione del mondo attraverso il suo sacrificio; circa la vita intima di Dio come vita trinitaria; circa la Chiesa, sposa del Signore risorto e suo "corpo", che cammina in questa nostra storia di errori e di peccati senza sviarsi e senza contaminarsi; circa la presenza del "Corpo dato" e del "Sangue sparso" sotto i segni eucaristici; circa il valore del matrimonio indissolubile e della verginità consacrata; circa la positività e anzi la preziosità del dolore. Chi è davvero e compiutamente "non credente" è costituito, a proposito di questi discorsi, in uno stato di analfabetismo quale che sia la sua forza speculativa naturale e l'ampiezza della sua erudizione. Sulla terra dell'incredulità noi siamo dunque "stranieri e pellegrini" e non dobbiamo cullarci nell'illusione che ci si possa intendere facilmente con tutti...

Ma non per questo dobbiamo sfuggire a ogni contatto e a ogni discorso che non sia tra coloro che sono "illuminati". Si può e si deve sempre cercare di dialogare con tutti, nella speranza di trovare qualche parziale concordanza di vedute e qualche frammentario riconoscimento dei valori cristiani. Se li troveremo, non potremo che rallegrarci. Ma sarà meglio persuadersi che non potrà essere troppo facile, né troppo frequente la convergenza sia pure parziale tra coloro che affermano e coloro che negano un disegno divino all'origine delle cose; coloro che affermano e coloro che negano una vita eterna oltre la soglia della morte; coloro che affermano e coloro che negano l'esistenza di un mondo invisibile, di là dalla scena variopinta e labile di ciò che appare; coloro che credono e coloro che non credono nel Signore Gesù, crocifisso e risorto, Figlio unico e vero del Dio vivente, Salvatore dell'universo...

Nell'ipotesi che anche nel "non credente" si possano dare spazi di luce e singole persuasioni di origine "pneumatica" - cioè dovuti all'azione insindacabile e imprevedibile dello Spirito - allora si può ancora sostenere la totale impossibilità e la totale inutilità di un "dialogo"? La consapevolezza che l'ordine attuale di provvidenza possiede una dimensione soprannaturale intrinseca e onnicomprensiva, ci induce a pensare che nessun uomo di fatto esistente sia abbandonato entro i confini della pura "naturalità". Ogni uomo appartiene al Signore Gesù prima ancora di essere stato raggiunto e trasformato dal suo Spirito. Ogni uomo riproduce in lui in qualche modo il suo volto prima ancora di partecipare alla vita divina. Ogni uomo ha già dentro di sé il fondamento oggettivo di una sua immancabile tensione e vicinanza al Figlio di Dio incarnato. Inoltre la verità rivelata storicamente ha permeato e permea di sé ogni conoscenza umana e ogni cultura, anche quella che con più tenacia si vuol qualificare "profana" o "laica", cioè dichiaratamente lontana e indipendente da ogni visione cristiana. Il detto famoso di Benedetto Croce "Non possiamo non dirci cristiani" è ambiguo, serve alla confusione delle idee e favorisce il travisamento dell'avvenimento evangelico. Però possiede una sua verità, nel senso che oggi non è possibile per nessuno sottrarsi ai fermenti concettuali e spirituali della rivelazione. Questo è particolarmente evidente per coloro che appartengono alla nazione italiana e sono fatalmente segnati dalla sua tradizione, dal suo patrimonio letterario e artistico, dalla sua civiltà...

Infine non è da sottovalutare la libera azione illuminante che è propria dello Spirito Santo. Le intelligenze umane, anche se di solito non arrivano a percepirlo, sono spesso "pneumatizzate" quando si pongono sinceramente al servizio della verità. Tutto ciò è enunciato dal celebre aforisma caro a san Tommaso: "Ogni verità, da chiunque sia detta, proviene dallo Spirito Santo". È un'affermazione ai nostri fini molto preziosa, perché riconosce non solo l'esistenza di un irradiamento "pneumatico" che va ben oltre l'area dell'appartenenza ecclesiale, ma anche che possiamo e dobbiamo ascoltare ogni parola di luce, una volta riconosciuta come tale, da qualsiasi bocca venga pronunciata...

La risposta al problema se sia o no possibile un dialogo tra il credente e il non credente è una risposta dialettica: interagiscono fattori diversi, nessuno dei quali può essere trascurato. Non c'è alcuna possibilità di "dialogo" tra la fede e l'incredulità, considerate come atteggiamenti mentali e spirituali totalmente estranei e tra loro antitetici. Del resto, dall'incredulità come tale - intesa come piena negazione di ogni rapporto con Cristo - non abbiamo niente da prendere o da imparare. Il non credente invece può farsi portavoce inconsapevole dello Spirito; nel qual caso noi ci dobbiamo porre in ascolto. Questo non vuol dire che tutto ciò che egli proferisce provenga "a Spiritu Sancto". Dallo Spirito Santo proviene soltanto ciò che è "verum", vale a dire, ciò che è consonante col disegno del Padre e con il Vangelo di Cristo. Si rende perciò necessario un atteggiamento vigile, che sappia accuratamente esaminare e vagliare. In conclusione, tutta la riflessione sul "dialogo" va preservata da ogni faciloneria e da ogni leggerezza, perché la posta in gioco è altissima e la questione è seria: ci può essere il rischio, con una spensierata apertura scambiata per generosità, di non riconoscere più Cristo come l'unico maestro di vita e l'unico salvatore dell'uomo; ma ci può essere anche il rischio, in nome di una improvvida intransigenza dottrinale, di disimparare ad amare: ad amare tutti gli uomini senza eccezione, i quali per il fatto di essere stati creati, sono chiamati ad aver parte alla gioia divina e restano sempre immagini vive dell'unico Signore dell'universo.

 

 

 

 


 

Fonte :  http://www.paginecattoliche.it/Biffi_Suldialo.htm