ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                            

RELIGIONE : vita cristiana :  " Voi sarete santi, perché Io sono Santo ", a cura del Monastero Carmelo Sant'Anna a Carpineto Romano

 

"VOI SARETE SANTI, PERCHE' IO SONO SANTO"

a cura del Monastero Carmelo Sant'Anna a Carpineto Romano

              Monastero Carmelo Sant'Anna a Carpineto Romano

 

“Voi sarete santi, perché io sono Santo” (Lv 11, 44; 19, 2; 20, 7).

 

Così comanda il Signore a noi che siamo stati creati a sua immagine.

 

Domani si celebra la solennità di tutti i Santi, vale a dire di tutti coloro che hanno ascoltato e messo in pratica il comando del Signore: “Voi sarete santi….”

Questa celebrazione iniziò in Europa nei secoli VIII-IX per poi affermarsi a Roma, in particolare, dal IX secolo. Tale festa ha come peculiarità quella di ricordare tutti i santi, quelli conosciuti e quelli noti solo al cuore di Dio.

La Santa Madre Chiesa ci fa celebrare questa ricorrenza come solennità, cioè in modo grandioso. In questa giornata, infatti, celebriamo il mistero pasquale realizzato dai santi che, come Cristo hanno sofferto –anche il martirio- sono morti e risorti e come Gesù e con Gesù sono entrati nella gloria, come ci ricorda la Sacrosanctum Concilium.

“Se il chicco di grano caduta in terra non muore, rimane solo; ma se muore produce molto frutto” (Gv 12, 44). E “chi ama la sua vita la perde e chi odia la sua vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna” (Gv 12, 25). Essi sono morti in Cristo e in Cristo risorti. Non hanno temuto di perder la loro vita, ma l’hanno ritrovata. E ora sono gloriosi in cielo. Per questo la Chiesa gloriosa intimamente unita alla chiesa ancora pellegrinante e sofferente fa festa.

Ognissanti è una festa che ci parla di speranza, che ci ricorda che anche noi un giorno potremo far parte della loro schiera beata.

Questi nostri fratelli e sorelle che ci hanno preceduto, ci incoraggiano a non demordere di fronte alle difficoltà, alle malattie… ma a continuare a lottare e a vincere per la speranza che portiamo nel cuore, quella di raggiungerli.

Essi, sono la parte di chiesa “riunita” al Signore, che Dio ha chiamati.

Tutti coloro che si salvano sono santi per i meriti di Cristo Gesù risorto e lavano le “loro vesti rendendole candide con il sangue dell’Agnello” (Ap 7, 14). Anche noi, siamo chiamati a far parte di questa immensa schiera di santi che stanno davanti al trono di Dio e dell’Agnello, rivestiti di bianche vesti e con palme nelle mani (Ap 7, 9).

Fratelli e sorelle, per farci santi Dio non ci chiede opere straordinarie, meravigliose, strabilianti, miracoli, ma il compimento fedele dei suoi comandamenti nel quotidiano umile e semplice, della nostra vita.

Rallegratevi, esultate, i vostri nomi sono scritti in cielo.

 

Auguri a tutti/e.

 

Madre Maria Elvira del SS.mo Sacramento,

Priora Monastero Carmelo Sant'Anna a Carpineto Romano

 

 

 

 


 

 

 

 

 

Liturgia di Ognissanti

 

 

Oggi celebriamo la solennità dei Santi.
La liturgia della Parola ci fornisce la guida per questo cammino.

La prima lettura, tratta dal libro dell'Apocalisse (7,2-4.9-14), ci allarga il cuore. L'autore, infatti, dice che ha visto una "moltitudine immensa, che nessuno poteva contare, di ogni nazione, razza, popolo e lingua".

È la vocazione alla santità alla quale ognuno di noi è chiamato e verso la quale tutti siamo in cammino. Siamo chiamati, infatti, a vedere Dio così come egli è, come ci ricorda sempre Giovanni nella seconda lettura (1Gv 3,1-3).

E nel Vangelo (Mt 5,1-12) Gesù ci indica la strada da seguire:


"Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati gli afflitti, perché saranno consolati.
Beati i miti, perché erediteranno la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi, quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli".

"Oggi ci dai la gioia di contemplare la città del cielo,
la santa Gerusalemme che è nostra madre,
dove l'assemblea festosa dei nostri fratelli
glorifica in eterno il tuo nome.
Verso la patria comune noi, pellegrini sulla terra,
affrettiamo nella speranza il nostro cammino,
lieti per la sorte gloriosa
di questi membri eletti della Chiesa,
che ci hai dato come amici e modelli di vita".

Questo è il "cuore" del prefazio, cioè dell'inno di lode che nella celebrazione eucaristica precede il canto del Santo.
Ci sono elementi importanti per comprendere la solennità odierna: siamo tutti in cammino verso la "patria comune" e i santi sono i nostri compagni nel cammino.

 

 


 

Fonte :  www.monasterocarpineto.it  , sito del Monastero Carmelo Sant'Anna a Carpineto Romano.

Carmelo Sant'Anna  tel. 06 97.18.90.49
Monache Carmelitane tel. e fax 06 97.19.458
Via B.P. Caldarozzi, 32 ccp 79066007
00032 CARPINETO ROMANO (RM)

email: monastero@monasterocarpineto.it

siti web :
http://www.monasterocarpineto.it
www.moscati.com/carmelo.s.anna