ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  RUBRICHE AUTORI : Padre Felice Artuso : la Passione - Croce di Cristo e la Sua rappresentazione simbolica 

 

LA PASSIONE DEL SIGNORE NEL CINEMA

di Padre Felice Artuso 

                           

 

 

 
Gli antichi si compiacevano di riprodurre sulle pareti rocciose le persone e gli animali in movimento. Copiando dai graffiti antichi, gli orientali improvvisano il gioco delle ombre in movimento. I francesi e i tedeschi le adottano nei teatri Nel 1640 il gesuita tedesco Athanasius Kircher inventa la lanterna magica, uno strumento con lastre di vetro colorate a mano, che proietta su uno schermo le immagini. Per educare gli studenti alla fede e per mostrare la bellezza del messaggio evangelico, i Gesuiti utilizzano questo apparecchio da cui scaturirà il moderno proiettore di diapositive.
Nel 1895 il francese Luigi Lumière, fotografo di talento, sostituisce e perfeziona la lanterna magica. Servendosi di una cremagliera a scatti concatenati, proietta su un muro le immagini in movimento. La sua invenzione cinetica, iniziata con sequenze in bianco e nero, in seguito è perfezionata con l’aggiunta del sonoro e del policromo. Avendo caratteristiche educative e spettacolari, essa ottiene un imprevisto afflusso popolare. Aggrega il pubblico per settori d’interesse artistico, scientifico, sociale, etico e religioso. Suscita valutazioni, emozioni, persuasioni, reazioni, preoccupazioni e aneliti, assai percepibili nei dibattiti dei cineforum o negli interventi dei critici d’arte. Diventa un’industria specializzata, che si diffonde in tutte le nazioni, comprese quelle islamiche, inizialmente restie all’arte figurativa e tuttora contrarie alla presenza di immagini religiose nei luoghi di preghiera.
Riconosciuto il valore storico, artistico, ludico e documentario dell’industria cinematografica, la Chiesa chiede ai registi di produrre film, che salvaguardino la sacralità umana. Raccomanda agli amministratori pubblici di vigilare sugli spettacoli rovinosi e di controllare le metodologie dei nuovi mezzi di comunicazione sociale. Istituisce una commissione, che approva i film formativi e censura quelli nocivi .
Trascorsi alcuni anni dalle prime precisazioni ufficiali dell’autorità ecclesiale, il Concilio Ecumenico Vaticano II dichiara che gli strumenti di comunicazione sociale «offrono alla famiglia umana grandi vantaggi, perché contribuiscono efficacemente a sollevare e ad arricchire lo spirito, nonché a diffondere e a consolidare il Regno di Dio» (Inter Mirifica 2). Rivendica il diritto di servirsi delle tecnologie moderne per annunciare il Vangelo, per mostrare come esso è vissuto nelle singole realtà culturali e per informare su quello che la Chiesa opera a favore dell’umanità.
Il Catechismo della Chiesa Cattolica precisa: «La purezza cristiana richiede una purificazione dell’ambiente sociale. Esige dai mezzi di comunicazione sociale un’informazione attenta al rispetto e alla moderazione» (2225); «La cosiddetta permissività dei costumi si basa su una erronea concezione della libertà umana» (2226). Su questa permissività si fondano i siti pornografici, che hanno un’influenza devastante sui milioni di fruitori.
La prima pellicola, risalente al 1896, mostra Leone XIII, che benedice una cinepresa e nel 1959 Giovanni XXIII inaugura la Filmoteca Vaticana, archivio di filmine riguardanti l’attività della Chiesa cattolica..
Fin dagli inizi della cinematografia alcuni registi realizzano pellicole d’ispirazione religiosa. Ripresentano gli episodi principali della storia biblica, determinata dalla presenza incessante, nascosta, attiva e liberante di Dio. Creano delle fiction cinematografiche o televisive su personaggi divenuti famosi per la loro di fede coraggiosa o per il loro tenace dissenso ai sistemi politici oppressivi. Elaborano delle scene, che educano gli spettatori ad apprezzare la bellezza evangelica, a prendere in seria considerazione la dignità umana e ad interrogarsi sui problemi della vita e della morte, della gioia e del dolore, della salvezza e della dannazione eterna. Talora effettuano dei cortometraggi sul culto ordinario della Chiesa, sulle devozioni popolari e sulle festività eccezionali. Filmano dei raduni di fede, che hanno un valore documentario e storico molto importante.
I fratelli Augusto e Luigi Lumière assieme al loro padre Antonio dirigono a Lione un’industria fotografia. Nel 1899 filmano la sacra rappresentazione della passione del Signore, svolta ad Horit (Boemia) nello stesso stile coreografico di quella di Oberammergau in Monaco di Baviera. Altri registi registrano lo svolgimento di qualche Via Crucis nonché le scene di una rappresentazione religiosa. Intrecciano le sofferenze dell’ultimo percorso di Gesù con il racconto di esperienze molto simili. Producono delle pellicole, che elevano gli osservatori al mistero dell’amore di Dio e li sollecitano ad amare tutti i fratelli.
Ispirandosi alla letteratura dei mistici, qualche regista dà voce ai crocifissi parlanti. Ricordiamo il film, tratto dal comico romanzo «Mondo Piccolo» di Giovannino Guareschi. Qui don Camillo, rozzo parroco di campagna, si incontra spesso con il sindaco Peppone e litiga con lui, essendogli un avversario politico. Il Crocifisso, posto sull’altare maggiore, dialoga affabilmente con don Camillo, quando si ritira in chiesa per la preghiera o per svolgere un ministero. Gli chiede di mostrarsi misericordioso. Gli risveglia così la coscienza sacerdotale e lo invita a mutare condotta. Il caparbio prete, non ascolta il Crocifisso. Tergiversa, sorride, aggrotta la fronte o allunga la faccia. Si difende con abilità e rimane nella consueta intransigenza. Il film istruttivo piace a tutti e suscita il riso.
I cineasti di Holliywood scoprono che Gesù è un personaggio straordinario. Intuiscono che la gente desidera vederlo nel suo ambiente storico. Comprendono che ambisce conoscere chi egli ha incontrato, cosa ha detto e come si è comportato nel giorno della condanna alla crocifissione. Certi di ottenere un consistente profitto economico, girano lungometraggi spettacolari sul suo principale insegnamento e sulla sua originale condotta.
Appassionato sostenitore dei nuovi mezzi di comunicazione e di evangelizzazione, don Giacomo Alberione sollecita una narrazione cinematografica della Bibbia. Nel 1947 istituisce la “Parva Film”, chiamata poi la San Paolo Film, stabilimento che unisce persone specializzate nella produzione e nella distribuzione di film biblici e religiosi. Nel 1954 con il regista Virgilio Sabel produce il film “Il Figlio dell’Uomo”. Il modesto lungometraggio, uno dei primi sperimenti cinematografici, documenta tutta la storia di Gesù dall’annunciazione all’ascensione in cielo. Ricostruisce il suo esemplare cammino di spoliazione, di donazione, di umiliazione, di rivalutazione, di esaltazione e di gloria.
Nel complesso in soli cento anni i registi di varie nazioni realizzano circa 150 pellicole sulla storia di Gesù. Improntano i loro fotogrammi, ispirandosi ai costumi ebraici di quell’epoca, ai racconti evangelici e alle interpretazioni prese dai libri o suggerite dagli esperti. Vi inseriscono anche qualche immagine dell’arte religiosa e delle sacre rappresentazioni. Presentano la figura di Gesù, evidenziando la sua povertà, solitudine, laboriosità, bontà, apertura universale, sofferenza e la morte di croce. Focalizzano parecchio la sua umanità e trascurano la sua divinità, essendo impossibile rappresentarla Danno pure poco rilievo alla risurrezione e alle apparizioni, avendo enormi difficoltà a raffigurare il suo nuovo stato di vita. Tramite la pubblicità dei cartelloni o di altri strumenti informativi ottengono un’alta percentuale di spettatori, desiderosi di vedere il sacro e di farne un’autentica esperienza. Nei loro film riflettono ovviamente la cultura, le convinzioni e le incertezze personali sulla cristologia.
Seguendo la trama di un’opera letteraria o collegandosi ai vangeli canonici come anche alla teologia della Chiesa, alcuni evocano i drammi dei poveri disgraziati e con degli opportuni rimandi li collegano alle piaghe di Cristo. Ricordano agli spettatori che le sofferenze di ogni persona configurano alla passione del Signore. Incrementano inoltre la conoscenza di Gesù, giudeo carismatico ed evangelico. Invitano ad abbandonare l’indifferenza religiosa, a superare le sensazioni di cupezza, ad iniziare un percorso di conversione e a soccorrere i più sofferenti.
Altri registi basano i loro film sui vangeli apocrifi, sulle dottrine eretiche e sulle ideologie contemporanee. Offrono agli spettatori una visione fantasiosa, ridicola e assurda di Gesù, Figlio di Dio e di Maria vergine. Suscitano in loro un’opinione teologica di lui, che ha ripercussioni disgreganti in quanto fomenta approvazioni e dissensi, apprezzamenti e contestazioni.
I registi italiani hanno prodotto alcuni film sulla vita, sull’insegnamento e sulla morte di Gesù, Evochiamo i migliori. Pier Paolo Pisolini, intellettuale e simpatizzante dei poveri nel 1964 redige “Il Vangelo secondo Matteo”. Gira il lungometraggio in diversi luoghi d’Italia. Dall’inizio alla fine si attiene fedelmente al racconto del testo evangelico, dando risalto all’annuncio morale e spirituale di Gesù. Quasi tutti i critici d’arte apprezzano quest’opera drammatica e romantica. Roberto Rossellini nel 1975 conclude la sua lunga carriera artistica con “Il Messia”. Collega il suo film policromo ai dati biblici, soprattutto ai quattro vangeli. Rileva gli aspetti storici, sociali e ambientali di Gesù. Omette tuttavia l’episodio dell’andata al Calvario, della morte sulla croce e della risurrezione. Al suo posto inserisce la scena tradizionale della Pietà in Maria stringe tra le proprie braccia il Figlio esanime. Franco Zeffirelli nel 1977 redige per la televisione “Gesù di Nazareth”. Nella pellicola di otto ore e di cinque puntate racconta tutta la vita di Gesù dentro la sua autenticità storica. Aggancia il film ai vangeli canonici, a qualche episodio apocrifo e all’iconografia cattolica. Distribuita nella sale cinematografiche in forma ridotta, la pellicola suscita attenzione, distensione ed emozione. L’italo-americano, Martin Scorzese, uno dei migliori registi del cinema, nel 1988 filma in Marocco “L’Ultima tentazione di Cristo”. Trae le sequenze dal romanzo omonimo del cretese ortodosso Nikos Kazantzokis. Trasferisce sul film i suoi dubbi cristologici. Vede in Gesù un uomo sensuale, che percorre un cammino, denso di terribili insidie. Il suo film fantasioso e spettacolare non favorisce un approfondimento storico sulla vita di Gesù. Smentisce l’insegnamento del Vangelo e della Chiesa. Offende i credenti, assetati di verità e non di scene erotiche
Aggiungiamo il musical ‘Jesus Christi Superstar’ del cineasta canadese, Norman Jewison. Nel film immaginario del 1973 egli presenta Gesù, che si associa ai canti e balli di un gruppo di hippies. Lo fa apparire un divo moderno, abile ad incantare e a divertire.



 

 

 

 


 

Fonte : scritti e appunti di Padre Felice Artuso (religioso Passionista) , e-mail: feliceartuso@katamail.com  .