ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  RUBRICHE AUTORI : Lucia Cecca : Conoscere per Amare

 

 

 

PAOLO DI TARSO

 

di Lucia Cecca

 

 

 

 

Paolo nasce a Tarso di Cilicia verso l’anno 10 della nostra èra, da una famiglia giudaica, ebbe una profonda educazione religiosa secondo le dottrine dei farisei.

Persecutore accanito della chiesa cristiana, fu poi convertito sulla via di Damasco dalla apparizione di Gesù risorto manifestandogli la verità della fede.

Per Paolo Dio è tutto, lo serve con lealtà assoluta, il suo ardore la sua passione si rivelano nelle sue lettere.

Paolo ci fa conoscere il progetto di Dio, il significato che ha la vita dell’uomo, la verità di fare, l’azione e l’amore in tutte le sue dimensioni.

Il punto di aggancio con la realtà sta proprio nella esigenza che sente l’uomo di dare un senso alla sua vita nella sua capacità di amare.

Il Vangelo è Cristo vivente che, nella sua morte e resurrezione, si presenta alla coscienza di ogni uomo, inducendolo ad una presa di posizione radicale per un si o per un no.

Mediante l’annuncio del Vangelo l’uomo è invitato ad inserirsi nel progetto di Dio, il progetto è totale, coinvolge tutto ciò che esiste, la storia, il mondo, il cosmo.

Coinvolge tutti i singoli uomini che sono invitati per nome a prendervi parte nella situazione concreta in cui vivono, è una benedizione, un atto di grazia e di amore.

Paolo ci parla del tempio il luogo in cui avviene l’incontro tra l’uomo e Dio.

Uniti a Cristo mediante il Battesimo il cristiano è santificato in permanenza ( 1Cor 1,21) deve quindi separarsi sempre più dal profano e dedicarsi a Dio.

Il Battesimo è l’espressione ecclesiale della scelta che il fedele fa di Cristo e della redenzione che ne segue.

La vita del cristiano associata a Cristo “primogenito” è una vita di figlio, Dio è per lui il padre impegnando nella sua paternità tutta la sua divinità, il fedele da tutto se stesso nell’essere figlio di Dio insieme a Cristo.

La vita reale di figlio è resa possibile dallo Spirito nel quale il Padre e Cristo partecipano se stessi.

Lo  Spirito inserendosi nello spirito dell’uomo, lo segue in tutta la sua attività, specificandola e qualificandola.

Animato da questa forza vitale, il cristiano ne esprime il “frutto” in una vita in cui è in grado  di realizzare la sua autenticità più profonda.

La Chiesa infine costituisce la rivelazione e la moralizzazione del progetto di Dio ed è questa la “concretizzazione” storica di Cristo stesso (Ef. 1,22-23).

La mia realizzazione del tempo è in fase di crescita, nonostante tutto, il mondo va avanti.

Non è fatto, si sta facendo e tende ad una sua pienezza.

Tutto il male presente sarà superato ed il bene che si intravede potenziato all’infinito.

E’ l’ “utopia cristiana”, fatta di speranza.  

 

 

 

 


 

Fonte : scritti e appunti di Lucia Cecca, Laureata in Scienze Religiose presso la Pontificia Università Gregoriana. E-mail: lucia.cecca@maurarte.com  .