ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                     

  RUBRICHE AUTORI : Padre Claudio Traverso : Cammini di SantitÓ  

Signore, la tua grazia Ŕ nel cielo, la tua fedeltÓ fino alle nubi; Se salgo in cielo, lÓ tu sei... (Salmo 36) Per te la notte Ŕ chiara come il giorno; per te le tenebre sono come la luce. Sono stupende le tue opere, Tu mi conosci fino in fondo" (Salmo 138).

Padre Claudio Traverso

ORDINI  RELIGIOSI

Ordini mendicanti ( 1░ )

 

 

Gli ordini mendicanti, e in primo piano i Francescani e i Domenicani, sono gli ordini religiosi caratteristici del secolo XIII░.  Sorgono quindi in un momento preciso ed esercitano un'azione decisiva nella vita del mondo cristiano. Inaugurano una nuova forma di monachesimo e recano un determinante contributo alla storia della spiritualita'.   L'importanza che gli ordini mendicanti hanno avuto nella storia religiosa, specialmente dell'Occidente, richiede di prendere in debita considerazione le loro peculiari caratteristiche nel loro giusto contesto storico, per meglio comprendere la loro origine e i loro primi sviluppi.  Per cogliere la vera portata storica degli ordini mendicanti e' necessario considerarli sullo sfondo della vita religiosa della Christianitas  ( il mondo cristiano di allora ) come si e' venuta a delineare negli ultimi decenni del secolo XII░ e all'alba del secolo XIII░, nel clima spirituale che, in seguito agli sviluppi della riforma gregoriana, era particolarmente caratterizzato dal movimento urbanistico dei Comuni e dal periodo delle eresie medioevali.   In questo contesto la Chiesa aveva estremamente bisogno di nuove forme religiose e pastorali, capaci di incanalare rettamente le esuberanze religiose delle popolazioni cittadine e di dare una genuina testimonianza di poverta' evangelica, neutralizzando cosi' l'azione corrosiva delle eresie.   A questo compito risposero i nuovi ordini mendicanti, che si ispiravano appunto a un ideale ascetico di perfezione in poverta' evangelica nei singoli membri e anche nelle comunita', i quali, inoltre, manifestarono subito una particolare propensione pastorale verso le popolazioni cittadine: infatti i loro conventi sorsero ai margini delle citta'.  E' stato merito del Papa Innocenzo III (+ 1216) l'aver intuito le nuove esigenze del mondo cristiano e l'aver appoggiato gli ordini mendicanti nei loro inizi. E' stato merito di San Francesco d'Assisi l'aver incarnato l'ideale della poverta' evangelica e della predicazione itinerante, in armonia con una fedelta' indiscussa alla Sede Apostolica.  Cosi' gli ordini mendicanti sono diventati una forza viva nella Chiesa, che ha saputo mantener vivo l'ideale della riforma in un momento in cui correva serio pericolo, ed ha rinnovato i metodi dell'azione pastorale.  I Francescani e i Domenicani hanno saputo incarnare nel modo migliore le caratteristiche sopra rilevate; ma pure gli altri ordini religiosi sorti in quel tempo si sono conformati alla fisionomia degli ordini mendicanti, anche se non hanno avuto una funzione di primo piano come i primi due.

      


 

 

L'ORDINE  FRANCESCANO

L'ordine francescano si e' formato quasi spontaneamente attorno alla ricca e originale personalita' di San Francesco d'Assisi, senza che vi fosse inizialmente l'intenzione di dare vita a un nuovo ordine religioso.  Figlio di un ricco mercante, Francesco, dopo la conversione (1206), si dedico' a una vita di preghiera e di penitenza, decidendosi in un secondo momento (1209) a seguire Gesu' Cristo nella poverta' apostolica e nella predicazione evangelica.  Ai suoi primi aderenti detto' una regola, ricavata direttamente dal Vangelo, che venne approvata oralmente da Innocenzo III.  La grande diffusione di questi frati "minori" pose necessariamente il problema di una riorganizzazione, la quale tuttavia rispose piu' ai desideri della Curia romana e alla pressione delle circostanze, che non allo spirito del fondatore.  Francesco si sottomise pienamente all'autorita' ecclesiastica, pur lasciando la direzione dell'ordine al frate Elia da Cortona (1221). Del resto San Francesco era il tipo del mistico e non dell'organizzatore.  Qui e' posta la radice del contrasto, nato in seguito all'interno dell'ordine, a proposito dell'interpretazione della regola francescana, che e' sfociato piu' tardi nella tendenza radicale degli "spirituali", portando a scissioni e alla nascita di nuove famiglie religiose ispirate a San Francesco ma separate dai frati minori e indipendenti da loro, con costituzioni, tradizioni e caratteristiche proprie.

  

 

 


 

Fonte : http://www.cantalleluia.net  ,  website a cura di Padre Claudio Traverso ; per la versione integrale dell'articolo accompagnato con immaginette sacre della Collezione Privata Ercole Oliva si rinvia al sito Cantalleluia.net .