ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

  TERRA SANTA  : custodia francescana di terra santa

 

CUSTODIA FRANCESCANA DI TERRA SANTA

 

La Provincia di Terra Santa nacque durante il Capitolo Generale del 1217, che divise l'Ordine dei Frati Minori in Province.  Questa decisione scaturì da S.Francesco, che credeva nella soluzione di tutti i problemi dell'umanità alla luce del Vangelo: "Proclamiamo il Vangelo a tutti".

La Provincia di Terra Santa fu avvantaggiata dalla presenza dei Crociati, ed il suo apostolato arrivò ad includere tutti i territori intorno al bacino mediterraneo sud-orientale, dall'Egitto alla Grecia, ed anche molti altri, oltre alla terra dove nacque Cristo ed ai luoghi dove avvenne la nostra redenzione. Nel 1219,  S.Francesco  in persona si recò in Terra Santa ed incontrò il Sultano Melek-El-Kamel.   Nel 1291, la caduta di S.Giovanni d'Acri in mani musulmane, segnò definitivamente l'inizio della dominazione islamica in Palestina.

I Frati si rifugiarono a Cipro, il quartier generale della Provincia dell'Est, e progettarono il loro ritorno a Gerusalemme e nell'area palestinese.
Una Bolla di Papa Giovanni XXII (9 agosto 1328) garantì al Ministro Provinciale, residente a Cipro, il permesso di mandare ogni anno  due dei suoi frati in Terra Santa.

storiacustodia.jpg (38037 byte)

 

I   Cristiani furono ufficialmente banditi dalla Palestina, ma i frati minori continuarono ad essere presenti, cercando di esercitare qualunque tipo di apostolato fosse loro possibile.  Nel 1333 essi ottennero il luogo del Cenacolo ed immediatamente vi fondarono un convento. Nel medesimo periodo, le autorità musulmane riconobbero i frati come 'residenti ufficiali' nella Chiesa del Santo Sepolcro.

Il ritorno definitivo dei frati minori in Terra Santa, con il possesso legale di alcuni santuari ed il diritto di usarne altri, fu ottenuto grazie alla generosità del Re Roberto d'Angiò e della Regina Sancia di Napoli .  Fu di fondamentale importanza la mediazione di Frate Ruggero Guarini  con il Sultano d'Egitto.

Papa Clemente VI, con le Bolle, "Gratias Agimus" e "Nuper Carissimae" del 1342 approvò le azioni dei Reali di Napoli e mandò i frati in Terra Santa come custodi ufficiali di essa.  Una volta lì, i frati erano sotto la giurisdizione del Guardiano del Monastero del Monte Sion di Gerusalemme; a sua volta, il Guardiano doveva rendere conto al Ministro Provinciale di Terra Santa residente a Cipro.

La Custodia ha subito il martirio di numerosi frati, inclusi i quattro canonizzati da Papa Paolo VI il 21 giugno 1970, che appartenevano al Convento del Monte Sion di Gerusalemme e furono uccisi il 14 novembre 1391.

Con il trascorrere del tempo, la Custodia riuscirono ad ottenere altri luoghi, con duro lavoro, perseveranza e sacrificio. Purtroppo non ci furono solo queste conquiste, poichè la Custodia dovette anche subire molte perdite dolorose e restrizioni umilianti, imposte frequentemente dai governatori turchi. Per esempio, nel 1552, i frati furono espulsi dal Cenacolo.

Nonostante tutte le difficoltà e tribolazioni, i Francescani hanno sempre affrontato ogni situazione con vigore ed efficienza.   Infatti, fu alla fine dei secoli più difficili, quelli dal 1500 al 1800, che essi diedero vita ad innumerevoli attività religiose, culturali e sociali.

In una Bolla del 1623, Papa Urbano VII affermò chiaramente che era dovere di tutti i Principi Cattolici, oltre che dei Papi, di proteggere i Francescani in Terra Santa.  Nel corso dei secoli, in numerosi importanti documenti, i Papi hanno sottolineato  "il dovere della Chiesa verso la Terra Santa".   Essendo francescana, la Custodia non ha capitali depositati, nè fondi, e, non esistendo la possibilità di trovare aiuti nella stessa area delle sue attività, ha dovuto sempre dipendere da finanziamenti esterni e le sue relazioni con l'Occidente cattolico sono sempre state anche di carattere economico.

La Custodia di Terra Santa è attualmente una Provincia autonoma dell'Ordine dei Frati Minori: un'entità internazionale, governata dal Custode.  Una volta eletto dal governo centrale dell'Ordine, egli dev'essere confermato dalla Santa Sede.

Nel 1992, in occasione del 650mo anniversario della Bolla di Clemente VI, Papa Giovanni Paolo II scrisse una lettera al MInistro Generale dell'Ordine Francescano, esortando i Frati Minori a perseverare costantemente nel compiere l'incarico assegnatogli dal Vaticano.  I frati sono quindi considerati "custodi" dei Luoghi Santi per volere e mandato della Sede Apostolica.

 

Lo Stemma della Custodia Francescana della Terra Santa : 

 

Nella parte superiore, c'è il simbolo francescano, che rappresenta la conformità di S.Francesco a Cristo: le loro braccia si incrociano ed entrambe le loro mani sono trafitte, poichè Francesco ricevette le stimmate sul Monte La Verna.  Nella parte inferiore, c'è la "Croce di Terra Santa", una grande croce circondata da quattro più piccole. Risale all'epoca bizantina ed il suo significato è che Cristo, morendo sulla croce, estese la salvezza a tutto il mondo.  I Crociati usarono questo emblema come loro stemma, aggiungendovi un secondo significato: la croce  più grande rappresenta la ferita nel costato di Gesù, causata dalla lancia, e le quattro croci più piccole sono le quattro ferite nelle mani e nei piedi.  I frati francescani di Terra Santa usano questo simbolo attribuendovi entrambi i significati, che conservano sempre la loro vitalità.

 

 


 

Fonte : http://www.firponet.com/TerraSanta