ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

 (Art , Culture and Religion)

   www.artcurel.it   ---  info@artcurel.it   ---   prima pagina                                                                   

 ARTE :  pittura :  Rossana Ruffini

 

   ROSSANA  RUFFINI

 

" Nulla di certo appare all'orizzonte della mia anima, se non la consapevolezza del mio pensiero, libero di esprimersi nei miei colori, nei miei sogni, nelle mie emozioni, e nel dolore per la sofferenza ignorata che attanaglia il mondo. "  Rossana Ruffini

 

Rossana Ruffini è cresciuta in un ambiente scolastico, familiare e lavorativo d'impronta decisamente artistica, ha sviluppato la piena convinzione che l'artista debba essere libero di esprimersi al di là delle parole e di certi schemi ben definiti e che ci si debba porre nei confronti di un'opera con la propria percezione, sensibilità e libertà di essere.    Sulla spinta delle proprie sensazioni, è passata da un linguaggio pittorico informale, ad una ricerca espressiva più comunicativa e di forte impatto cromatico .  Riaccostatasi cautamente a mostre, per lo più in centri culturali, spesso fa accompagnare i suoi dipinti con versi di poeti con cui ha affinità espressive, nella convinzione che l'impatto visivo ed emotivo sia la prima forma di comunicazione.

 

Partecipazioni recenti:

     Personale al “Centro civico Buranello (Assessorato alla cultura Comune di Genova)”  4 - 18  Marzo 1999

     “Biennale Internazionale Dell'Arte Contemporanea di Firenze”  3 – 12  Dicembre 1999 

     Inserita in “ART CD per l’arte contemporanea ”  Casa editrice Alba

     “Cromaticos” Castello Estense – Ferrara 14 - 28 Ottobre

     “Arte Padova 2000”   16 – 20 Novembre 2000         

     “Biennale Internazionale Dell'Arte Contemporanea di Firenze”  7 – 16  Dicembre 2001

     “Artexpo New York 2002”   28 Febbraio – 4 Marzo 2002

     Personale "Chiostro Chiesa di S. Matteo" Genova 22-26 Maggio 2002

      Personale  Galleria Milarte - Milano 28 Maggio-18 Giugno 2003   

" Indipendentemente dalle religioni che uno può professare, credo comunque che chi opera nell'arte non dovrebbe mai prescindere dalla spiritualità e dalla verità di quello che ci circonda." Rossana Ruffini

 

 

RIFLESSIONI DELLA PITTRICE ROSSANA RUFFINI

 

Questo tipo di pittura non va intesa come un'esposizione della forma e dei suoi contenuti, ma come un'espressione astratta, poetica, fortemente onirica ed emotiva che assume connotati spesso provocatori: perché immessa volutamente nella forma, ritenuta sorpassata dalle attuali tendenze, così come la poesia.

E questo per un'idea di fondamentale libertà espressiva, che possa essere manifestata in qualsiasi modo e linguaggio artistico - tradizionale, contemporanea o futuribile.

Se così non fosse, l'espressività stessa perderebbe i connotati dell'immediatezza e della purezza delle emozioni e certamente assumerebbe quello dell'imposizione e della moda: quindi non potrebbe mai essere né autentica né credibile.

Quello che può apparire un'espressione solo formale, ha in realtà un significato trasgressivo.

Penso infatti che si possa fare provocazione od esprimere immagini altamente drammatiche per i loro contenuti, senza dimenticare il linguaggio estetico e poetico.

Personalmente rincorro il linguaggio poetico e il recupero dello stesso, perché la società contemporanea tende a dissacrarlo e a negarlo.

Nella poesia del sogno mi appare l'immediatezza viscerale dell'emozione che mi porta spesso ad usare il colore come fine più che come mezzo: i dipinti si fanno quindi discorsivi nei loro contenuti simbolici ed emotivi.

Gradirei che ci si ponesse nei confronti degli stessi liberi da fardelli - culturali, nozionistici, politici e di tendenza - e quindi in modo diretto - con la propria percezione e sensibilità.

E importante sarà la spontaneità di questo impatto!

 

Rossana Ruffini

 

 

 


 

Fonte  : http://xoomer.virgilio.it/sehis/